psicologi italia
  Cerca lo psicologo next Dott. Manuel Mauri Mauri
Psicologia del benessere |


Psicologia del benessere


Psicologia del benessere: di cosa si occupa

Imparare a gestire il tempo

Sempre più spesso le persone si stanno orientando verso quella parte del mio lavoro che rientra in quella che viene chiamata psicologia del benessere.

Il campo è decisamente nuovo infatti come osserva il prof. Enzo Spaltro (ex Preside della Facoltà di Psicologia di Padova) ”Oggi in effetti una psicologia del benessere è praticamente una psicologia quasi inesistente, perchè ciò che esiste è prevalentemente una psicologia del malessere, basata sull'irraggiungibilità di un benessere soggettivo che qualcuno stabilisce "obbiettivamente" per tutti gli altri”.


DI COSA SI OCCUPA LA PSICOLOGIA DEL BENESSERE?


E’ quella parte della psicologia che non si occupa della patologia ma di quegli strumenti utili e pratici che aiutano le persone a migliorare il proprio stato di benessere in assenza di problematiche psicologiche.

In particolare le abilità di comunicare efficacemente, ridurre il proprio livello di stress e di definire e raggiungere obiettivi è qualcosa di sempre più richiesto da clienti che non lamentano problemi psicologici ma che chiedono l’aiuto di uno psicologo per migliorare la propria qualità della vita.


PERCHE’ E’ IMPORTANTE GESTIRE IL TEMPO?


Tra le varie abilità che sono utili alle persone una se non la prima è quella di saper gestire il proprio tempo; sempre più spesso le persone hanno la sensazione di “perdere il proprio tempo” o di non avere abbastanza tempo per dedicarsi ai propri progetti.

Occupandomi di diverse attività oltre a quella di psicologo, mi sono reso conto di come organizzare meglio il mio tempo sia fondamentale; se non gestisci il TUO tempo diventi letteralmente “schiavo del tempo”.

La difficoltà maggiore che le persone sperimentano infatti è quella di non riuscire a separare due termini fondamentali nella gestione del tempo: urgenza ed importanza.

Per la maggior parte infatti la giornata è vissuta come il susseguirsi di urgenze a cui far fronte, accumulando una quantità sempre maggiore di stress tralasciando tutte quelle cose che ritengono davvero importanti per il proprio benessere.


COSA NON FUNZIONA NEI VECCHI SISTEMI DI GESTIONE DEL TEMPO?


Molto spesso quando si parla di gestione del tempo si immaginano sistemi complicati stile ”manager anni ‘80” (li ho provati per anni per poi abbandonarli senza alcun rimpianto), di fatti scrivere liste di cose da fare non ti aiuta a fare meglio, anzi molto spesso si ottiene un effetto paradossale per il quale aumenta il livello di ansia e si perde il controllo sulle proprie priorità.

UN SEMPLICE STRUMENTO DA USARE SUBITO

A seguito delle esperienze di corsi di gestione del tempo, dei programmi di formazione e dei corsi che avevo seguito ero diventato abbastanza scettico rispetto l’utilità dei sistemi di gestione del tempo fino a quando studiando la P.N.L(Programmazione Neuro Linguistica) per diventare Master Practitioner, mi hanno mostrato un concetto diverso di gestione del tempo che propongo spesso ai miei clienti perché è davvero facile e intuitivo.


IL QUADRATE DELLE ATTIVITA’


Il quadrante di S.Covey aiuta a fare chiarezza e riorganizzare le tue attività in base a cosa è importante per te, evitando di perdere troppo tempo in attività che normalmente occupano la maggior parte del tuo tempo.

psicologia del benessere


COME FUNZIONA?


Nel primo quadrante scrivi le cose urgenti ed importanti;

E’ chiamato il quadrante delle necessità, ignorandole sperimentiamo immediatamente delle difficoltà.

Sono scadenze per noi significative e che non possiamo rimandare.

Es:

  • telefonate che tendiamo a rimandare 
  • crisi che richiedono un nostro intervento immediato
  • scadenze per lavori/esami



Nel secondo quadrante scrivi le cose importanti ma non urgenti;


E’ il quadrante di qualità e di direzione personale

Es:

  • Corsi di formazione/corso di studi/ aggiornamento
  • Pianificazione di progetti/attività/viaggi a medio –lungo termine
  • Relazioni(ambienti e persone)/ rapporti interpersonali che vogliamo sviluppare o cui vogliamo dedicare più tempo
  • Salute ed attività fisica


E’ il quadrante nel quale di solito le persone dedicano minor tempo, ma che porta i maggiori benefici a lungo termine.


Trascurandolo ci ritroviamo a percepire una minor capacità di controllo sulle nostre attività, un esempio chiaro è quello riferito al trascurare attività che riguardano la salute o la prevenzione che di solito le persone non scrivono in questo quadrante.

Di solito si riassumono nella frase “lo farò quando avrò più tempo..”

Nel terzo quadrante scrivi le cose urgenti ma non importanti;

E’ chiamato il quadrante dell’inganno

Es:

  • Telefonate/mail non importanti che interrompono quello che stai facendo
  • In generale attività richieste da altri nelle quali non vediamo alcun vantaggio ma cha facciamo con urgenza per gli altri



A volte questo quadrante è riempito più degli altri quando stiamo dedicando troppo tempo ai compiti che altri ci richiedono trascurando le nostre urgenze e necessità.

Nel quarto quadrante scrivi le cose non urgenti e non importanti;

E’ chiamato il quadrante delle distrazioni

Es:

  • Tv Chat/internet
  • Attività che aiutano a svagarci



Di solito quando questo quadrante è troppo pieno terminiamo la giornata con un senso di noia e incompiutezza come se avessimo perso tempo.

Al termine di questo esercizio prova a fare velocemente un calcolo:

- Quanto tempo dedichi ad attività importanti per il tuo benessere?
(quadrante 2).

Una semplice abitudine per iniziare a migliorare il proprio benessere infatti è quella dedicare maggior tempo ed attenzione allo sviluppo di attività che ricadono dentro questo unico quadrante.

Se sei in una fase di mancanza di motivazione o confusione riordinare e ri-progettare questa area ti aiuta a sperimentare maggior soddisfazione e minore stress nel quotidiano fornendoti una direzione chiara verso la quale TU ritieni importante andare.





Agire per modificare la nostra autostima - Dott. Manuel Mauri

Per migliorare la propria autostima ed il proprio benessere psicologico è importante occuparsi dei seguenti aspetti: 1. Scoprire quali sono i propri valori fondamentali e quindi fare chiarezza con se stessi rispetto quello che si vuole e quello che non si vuole nella propria vita. 2. Riconoscere le proprie emozioni distruttive: imparare a riconoscere ed ...continua




Migliorare l'autostima - Dott. Manuel Mauri

Lo psicologo William James (1842-1910) è stato tra i primi a studiare un particolare fenomeno: alcune persone con scarse abilità sembravano dotate di una sicurezza di sé ostentata ed incrollabile, mentre altri stimati da tutti e ritenute persone valide diffidano delle proprie qualità. Ancora oggi riviste, programmi televisivi e libri di auto-aiuto propongono delle “ricette” e dei consigli per migliorare la propria autostima, dando ...continua




Il rapporto mente-corpo e il benessere psicofisico - Dott.ssa Irina Boscagli

Si è rilevato che, al variare degli stati di coscienza, come, per esempio, nella meditazione o nelle situazioni di stress, si producono variazioni misurabili a livello dei linfociti, a livello del sistema endocrino e del sistema gastrointestinale. Cioè si sta scoprendo che il nostro organismo è un sistema ...continua




Imparare l'autoipnosi per migliorare il proprio benessere - Dott. Manuel Mauri

L’utilizzo dell’ipnosi viene solitamente inteso nelle sue applicazioni cliniche in quanto una forma di terapia breve, e normalmente viene associata alla terapia che utilizza l’ipnosi al fine di aiutare il paziente a superare i suoi problemi. In realtà questa tecnica, risulta rapida ed efficace anche nel ...continua




Esplorare il nuovo, per vivere pienamente - Dott. Marco Ventola

In ogni momento si può uscire dalla logica di pensiero che ci porta a stare dentro l’idea di crogiolarsi nel dolore di non avere alternative, e di non poterne creare. Molte persone sono letteralmente terrorizzate dalle alternative; rimangono impigliate nei modi abituali di pensiero, finiscono ...continua




Il valore dell’esperienza nel presente - Dott. Stefano Pischiutta

La formula del “qui-ed-ora” nasce nell’ambito della corrente fenomenologica, che ha condizionato, oltre che la PdG, tutte le altre psicoterapie umanistiche. Però, sicuramente, la PdG è quella che maggiormente ha basato la sua epistemologia e la sua prassi su tale concetto, improntandovi tutte le ...continua




Gestione del proprio tempo senza sensi di colpa - Dott. Valerio Rubino

Siamo tutti d’accordo che il tempo è una risorsa sempre più preziosa, talora persino un lusso da gestire al meglio. Un bene da razionalizzare: quanto spesso utilizziamo la frase “non ho tempo”? Non tutti abbiamo questa capacità di saperlo usare, dosare, pianificare e sfruttare, un’abilità individuale che si realizza in un sottile equilibrio ideale che non deve sconfinare ne nell’ossessione di colui ...continua




Pensare le priorità - Dott. Marco Ventola

Chi si adatta rinuncia a pensare; anzi si può dire che sono due funzioni che si escludono a vicenda: il pensare ha come presupposto la libertà di mettere in relazione cose non collegate in precedenza, mentre chi aderisce fa cose pensate da altri. In termini più semplici, riuscire ad individuarsi, a scoprire se stessi significa sostanzialmente farsi carico interamente ...continua




Autenticità e comportamento etico per una mente sana e creativa - Dott. S. Pischiutta

Essere autentici significa vivere in contatto con la parte più vera di sé. Significa non avere più bisogno di nascondere a sé stessi le proprie parti incompiute e fragili, occultandole dietro una “maschera”. Abbiamo creato la maschera per non far vedere le nostre parti in ombra, parti scomode per il nostro io onnipotente che vuole presentarsi al mondo con una facciata di ...continua




La coppia: come ci si sceglie e come si costruisce la relazione - Dott.ssa Irina Boscagli

La parola “coppia” deriva dal latino “copula”, che significa congiunzione, legame, insieme. Incontrando la coppia si incontra un organismo complesso dotato di un’economia affettiva che trascende l’individualità. Robert Neuburger (2001) definisce la coppia come la storia di un incontro che ...continua




Il rapporto con le emozioni, le emozioni nei rapporti - Dott. Marco Ventola

Succede spesso di sentire parlare di persone che hanno come atteggiamento verso i propri sentimenti il "tenere tutto dentro" e che hanno l’impressione che prima o poi scoppieranno. Questo tipo di relazione con le emozioni rispecchia in realtà una dimensione molto diffusa nella nostra cultura che ci ...continua




L’intimità con se stessi - Dott. Marco Ventola

L’intimità condivisa con l’altro può essere raggiunta solo se si riesce ad approdare ad un’intimità con se stessi. Ciò dipende dalla considerazione che non si può offrire all’altro qualcosa che non si concede a se stessi; sarebbe come pensare di far entrare un ospite in una camera di cui non si possiede la ...continua



Dott. Manuel Mauri
Milano (MI)

diventa nostro fan seguici su facebook