psicologi italia

Domande di Psicologia

Domanda di Stalking

Sto ricevendo continue pressioni dal mio ex-ragazzo

Mary

20-01-2016

Salve, sono una ragazza di 23 anni e vi chiedo aiuto perché sto ricevendo continue pressioni dal mio ex-ragazzo. Un anno fa mi sono frequentata con un ragazzo che avevo conosciuto tramite l'università, di un anno più piccolo di me e abbiamo intrapreso questa conoscenza che è durata all'incirca 3 mesi e che ho poi, con un'accurata riflessione, deciso di interrompere dopo aver scoperto che soffriva di depressione. Premetto che quando ci siamo conosciuti sembrava un ragazzo tranquillo e anzi molto solare, mi riempiva di attenzioni e sorprese, amava fare tante cose e presa da tutto questo coinvolgimento abbiamo preso a vederci subito tutti i giorni, accelerando un po' le cose. Dopo appena un mese o poco più poi ho iniziato a notare che qualcosa in lui non andava; era cambiato, spesso apatico, assente, triste, poi si riprendeva e poi tornava malinconico evitando spesso contatti, spegnendo il telefono per giorni interi. Col passare dei giorni poi, iniziando a frequentare casa sua dove viveva solo con la madre (avendo i genitori separati, ma in buoni rapporti) ho scoperto dalla madre che il figlio aveva, anni prima, attraversato un periodo depressivo molto intenso, durante il quale aveva fatto uso anche di psicofarmaci se pur leggeri ed era stato per un breve periodo seguito da uno specialista che poi aveva voluto smettere di vedere. Nel giro di 2 mesi il quadro mi è stato chiaro, sia perché ho vissuto personalmente la sua fase depressiva e la ricaduta drastica, sia per le cose in più che scoprivo giorno dopo giorno, le pressioni della madre, troppo apprensiva e spesso invadente che cercava aiuto in me chiamandomi di continuo, le siringhe che le faceva per farlo dormire la notte per evitare commettesse azioni pericolose per se stesso, gli psicofarmaci, i suoi atteggiamenti capricciosi quasi come un bambino che rifiutava di obbedire e di agire. Tutti i tasselli sono serviti per farmi avere alla fine chiara la situazione in cui mi ero intrappolata senza rendermene conto e la sua gravità. Lui si era molto legato a me, se faceva qualcosa per stare meglio, come assumere farmaci, lo faceva solo sotto mio consiglio, andava alle terapie solo se sollecitato da me e addirittura un giorno dovetti accompagnarlo e stesso il terapista desiderò incontrarmi e conoscermi per poter parlare tutte e tre insieme. Però in lui non notavo miglioramenti, stava sempre peggio, si era ridotto a un vegetale, non mangiava, dormiva sempre, quando era sveglio aveva crisi e piangeva, ha tentato più volte il suicidio, assumeva atteggiamenti autolesionistici. Angosciata da questa situazione che stava diventando per me insostenibile, causandomi ansie e influendo negativamente sul mio umore e la mia vita ho deciso di interrompere questo rapporto, anche se la madre mi pregava di restare accanto anche solo per sostegno, ma non lo ritenevo opportuno, né educativo per lui e né salutare per me. Come si possa prevedere lui non prese bene questo mio allontanamento, tanto da scappare di casa la notte, venire sotto casa mia a piedi dopo ore di cammino (e abitiamo lui in città ed io in provincia), altri tentativi di suicidio, chiamate insistenti, messaggi anche durante la notte in cui ripeteva sempre di voler tornare indietro nel tempo. E' stato in seguito anche ricoverato in un reparto psichiatrico per un periodo, non so se in questi mesi sia accaduto altre volte perché ho interrotto ogni contatto. Comunque la situazione è che a distanza di un anno, in tutti questi mesi, lui ha sempre continuato, tra alcuni brevi intervalli, con messaggi, spesso lunghissimi di pentimento e sempre molto tristi in cui parlava anche del suo stato fisico e psicologico, tentativi di riprendere il rapporto con una certa insistenza, anche via social, mezzi sui quali ho dovuto bloccarlo, ma continua con SMS, in cui spesso include foto nostre insieme, pezzi di conversazioni private che minaccia di pubblicare sui social, tentativi di chiamarmi con altri numeri. La cosa mi crea ansia e fastidio anche perché ogni mio tentativo educato anche di farlo ragionare e smettere di tormentarmi fallisce. Non riesco ad uscirne e questo suo atteggiamento impertinente mi suscita anche rabbia e l'alternanza dei suoi stati d'animo prima di sottomissione e pentimento, poi di sarcasmo come se si prendesse gioco di questa mia intolleranza, mi rende impotente e mi crea disagio. Tra l'altro la sua instabilità mentale non mi permette di prevedere ogni sua azione e mi fa temere anche che possa varcare qualche limite, ed umiliarmi o presentarsi sotto casa. Vi chiedo gentilmente un parere, un aiuto per poter uscire da questa brutta storia. Vi ringrazio anticipatamente. Mary.



Le risposte dei Professionisti

Pagine: 1
Risultati trovati: 6
21-01-2016  

Buongiorno Mary. Sicuramente il tuo ex ragazzo è una persona con gravi problemi, ma è già seguito da uno psichiatra ed uno psicoterapeuta ed ha già una sua rete familiare di sostegno. Pertanto il mio consiglio è quello di cercare di svincolarti da questa relazione che per te è solo fonte di dolore e sensi di colpa. Nonostante tu abbia interrotto la relazione, lui non ti sta rispettando con i suoi continui tentativi di contatto e richieste di aiuto. Se continuasse su questa linea nonostante i tuoi rifiuti, ti consiglio vivamente di rivolgerti ad un centro antiviolenza, che sicuramente sarà presente nella tua città. Perché quello che lui sta facendo in questo momento si chiama Stalking. Questo comportamento va fermato al più presto, in quanto condiziona la tua vita e ti impedisce di essere serena. Chiedi aiuto in un centro antiviolenza e parla della tua storia con gli operatori: ti sapranno sostenere permettendoti di riprenderti la tua vita e di trovare in futuro relazioni più sane, serene ed appaganti. In bocca al lupo. 



21-01-2016  

Salve Mary

mi dispiace. Ha parlato di questa situazione ai suoi genitori? Lei sta quasi configurando una situazione di stalking. Capisco che le dispiace per il ragazzo che ha seri problemi psichici ma deve tutelare lei stessa quindi deve coinvolgere i suoi genitori ed eventualmente ricorrere ad una denuncia.

Mi faccia sapere cosa ne pensa. Eventualmente mi può contattare via cell. Buona serata



21-01-2016  

Salve ha pensato di cambiare numero di cellulare? Se viene a casa ed è invadente ed aggressivo può chiamare la polizia o i carabinieri e procederanno al ricovero se già il ragazzo ne ha fatti, basta dirlo e provvederanno a portarlo presso la clinica che lo ha in cura. I problemi di questo ragazzo sono competenza dei medici che lo seguono, lei come amica ha fatto il possibile e se ha deciso di non seguirlo ed aiutarlo è comprensibile, purtroppo non c'è un manuale per amici, familiari e fidanzate per aiutare, gestire e capire le persone che si trovano a vivere la realtà di pazienti psichiatrici, come il ragazzo di cui racconta. La malattia mentale non è un deficit, nè una disabilità, nè un problema così grave ed irrecuperabile come molti pensano, è uno stato alterato di coscienza e mentale, che porta a comportamenti inappropriati ed inopportuni, ma gestibili. Purtroppo però non ci sono metodi univoci per i familiari ed amici, non c'è una tecnica far capire che quel comportamento è sbagliato in quella situazione, ci vuole molta pazienza ed amore, empatia e calma nell'affrontare situazioni di rabbia, agitazione ed aggressione. Se lei ha deciso di chiudere i rapporti con questo ragazzo ha da rendersi introvabile ed inaccessibile, chieda anche ai suoi familiari di aiutarla ad allontanare il ragazzo da lei. Però una cosa che posso anche consigliarle è di documentarsi sui problemi che ha questo ragazzo e di trovare un modo per affrontarlo, qualora non riesca a chiudere definitivamente la relazione. Spero di esserle stata di aiuto. Cordiali saluti.



26-01-2016  

Ciao Mary,

purtroppo stai vivendo sulla pelle le conseguenze delle vittime di stalking. Ansia, rabbia, preoccupazione, sensazione di imprevedibilità, paura. L'articolo 612 del codice penale riconosce ilreato di stalking e quindi puoi effettuare denuncia per tutelare te stessa. Il rischio di restare in questo stato è molto pericoloso sia per il momento attuale, sia per il futuro, puoi infatti andare incontro a paura di nuove relazioni, a chiusura e a diffidenza eccessiva. 

Spero di esserti stato d'aiuto, per qualsiasi approfondiento puoi contattarmi.

Distinti saluti



27-01-2016  

Cara Mary, capisco la situazione incresciosa e ansiosa in cui ti trovi. Dalla descrizione del comportamento e del disagio del tuo ex ragazzo che hai delineato, appare chiaro che si tratta di un disturbo non lieve che necessita di una cura adeguata e costante. Se hai deciso di troncare la relazione perché non ti senti di gestirla serenamente come vorresti, avrai avuto le tue ragioni, ed hai anche il diritto di mantenere questa posizione. Non è accettabile che il tuo ex ragazzo pretenda di ripristinare un rapporto con minacce, e pressioni di ogni tipo. Come ti hanno consigliato i miei colleghi può rivolgerti ai suoi genitori, al suo psicoterapeuta che hai già conosciuto, affinchè possano educarlo al rispetto delle tue scelte, alla consapevolezza del suo disturbo che va curato e gestito da professionisti. Il che rientra anche nella sua terapia. Se ciò non dovesse bastare, in caso estremo, ti puoi rivolgere ai centri antiviolenza, alla Polizia  o ai Carabinieri. Ci auguriamo tutti che il ragazzo possa ritrovare la sua serenità e un suo equilibrio nel gestire il suo male.



08-02-2016  

Gentile Mary, capisco la tua “disavventura“ e la tua ansia ma penso che ogni esperienza debba insegnare qualcosa che nel tuo caso l'insegnamento deve essere che è preferibile iniziare un rapporto con maggiore cautela senza accelerare e senza una grande frequentazione iniziale. Premesso che la tua decisione di interrompere il rapporto è saggia e sacrosanta occorre una certa tolleranza in considerazione della patologia del ragazzo. Se i tuoi garbati inviti a lui diretti di accettare la tua decisione e rassegnarsi perché non siete risultati compatibili non sortiscono effetti in tempi ragionevoli ti consiglio di parlare alla madre del ragazzo esprimendo con assertivita' il tuo disagio ed avvertendo che se non provvedera' a tenere sotto controllo il figlio sarai costretta a malincuore ad adire le vie legali producendo una denuncia per stalking. Di questo problema dovresti comunque parlare anche con i tuoi genitori per avere solidarietà e appoggio eventuale da loro. Con queste misure nel giro di qualche mese sono sicuro che la situazione si risolvera'. È importante che tu non ti faccia impressionare e condizionare nemmeno da possibili minacce di autolesionismo da parte di questo ragazzo. Un cordiale saluto. 



Pagine: 1
Risultati trovati: 6

diventa nostro fan seguici su facebook