Problemi di coppia

Ho scoperto che mio marito ha guardato siti porno

Roberta

Condividi su:

Buongiorno,
Sono sposata con mio marito da 7 anni, abbiamo 2 bambini sotto i 5 anni. Al momento sono molto arrabbiata perché ho scoperto che mio marito ha guardato siti porno e ha (credo) provato a interagire tramite chat. Non so quando ha iniziato, ho le "prove" che lo abbia fatto da circa a 9 mesi.
Non ne ho ancora parlato con lui perché voglio prima sbollire e cerco un parere esterno che mi aiuti a razionalizzare.
Ciò che mi fa arrabbiare tantissimo è:
1) Quando abbiamo rapporti mi dice e dimostra di essere contento e soddisfatto ma poi mi "tradisce";
2) Guarda i porno sul divano mentre io sono nel nostro letto, non a 250 km di distanza. Sono quasi sicura che lui farebbe più spesso l'amore ma io dormo perché sono stanca perché ho i bambini piccoli, un lavoro, una casa e quasi nessuno ad aiutarci; dovrebbe capire che è un periodo passeggero, io ci sono e sono aperta a novità;
3) chiede a me cose che vede nei porno (l'ho capito dopo) e questo mi umilia. Mi distrugge. Non che io non voglia fare delle cose ma per me è fondamentale farle senza forzature, devo averne voglia, non devo essere spinta. Preciso, se necessario, che non si tratta di violenza.
Mi sento arrabbiata, tradita e non abbastanza per lui, cosa che assolutamente non pensavo.
Aiutatemi a razionalizzare.
Grazie

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Roberta, guardare i film porno è abbastanza frequente tanto da parte degli uomini che sempre più anche da parte delle donne. Riguarda quel " giardino segreto" che tutti possiamo avere, e che non va ad intaccare la lealtà di un rapporto. Probabilmente tuo marito vorrebbe una vita sessuale più intensa, ma se anche lo fosse, probabilmente questo non gli impedirebbe di vedere comunque questi film. Non vederla come una cosa strana o deludente. Appena tu senti pronta, parlane con lui e magari, potrebbe essere una idea quella di poter vedere insieme dei film per aumentare la vostra complicità. 

Buonasera signora,


leggendo il suo messaggio la prima cosa che noto è che, pur essendo così colpita da quello che ha scoperto, non ha ancora detto nulla a suo marito e chiede aiuto per sbollire e razionalizzare.


Naturalmente è molto importante che lei chieda aiuto e che voglia ritrovare un po' di calma e di lucidità prima di parlare. E' estremamente utile.


Allo stesso tempo, però, mi sorprende, perchè 9 donne su 10 sarebbero già saltate addosso al proprio marito accusandolo e giudicandolo. Il fatto che lei voglia "sbollire e razionalizzare" mi fa pensare che lei pensi che la rabbia e tutte le emozioni che prova in questo momento siano "sbagliate" e vadano ridimensionate, corrette, cambiate... Sembra anche che lei senta di dover "proteggere" suo marito da queste emozioni. In qualche modo si direbbe che lei accusi sè stessa di reagire in maniera eccessiva, o sbagliata, o cattiva...


E' possibile che lei, al di sotto della rabbia che prova, si dia in qualche modo "la colpa" di quello che è successo e del fatto che suo marito abbia iniziato a guardare i porno?


Dalle sue parole si vede quanto lei si sforzi di andare incontro a suo marito e di farlo stare bene.


Si vede anche che è lei che si fa carico di tutto quello che riguarda la famiglia (bambini, lavoro, casa).


Per quello che ci descrive siete ai poli opposti.


Le sta bene un rapporto così sbilanciato? In cui lei si fa carico di tutto?


Credo che su questo sia importante che lei inizi a ragionare.


Un cordiale saluto.


Dott.ssa Cristina Nobile

Gentile signora le suggerisco di accogliere con gentilezza la rabbia e la delusione per aver colto suo marito in comportamenti intimi che lei non conosceva per poter sentire che forse quanto sta succedendo fra voi potrebbe riguardare la stessa necessità di reinventarsi e recuperare aree di soddisfazione in un momento critico e faticoso che è quello di una coppia che sta necessariamente affrontando le fatiche dell'accudimento dei vostri due figli. momento che state affrontando senza tanti aiuti e quindi particolarmente faticoso. Entrambi avete bisogno di recuperare l'intimità dell'ascolto e della vicinanza per sostenervi nelle fatiche che state affrontando e che tendono a spegnere il desiderio sessuale. Il rischio di allontanarvi è alto. Provi ad accogliere il comportamento di suo marito come un tentativo di ricerca di ritrovare soddisfazione e spazio in un momento in cui entrambi forse, siete troppo costretti negli "incarichi" genitoriali. Suo marito, come lei d'altronde, si sente molto stanco ed escluso dalle attenzioni del proprio partner. Le consiglio di provare a parlare con dolcezza al suo compagno di quanto vi sta succedendo, chiedendo eventualmente aiuto ad un sessuologo di coppia.


Dr.ssa Azzani

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento intrappolato

Buonasera, Come da titolo mi sento, ormai da diversi mesi intrappolato. Mi sento intrappolato per ...

1 risposta
Relazione di coppia

Sono in una relazione da un anno, la mia ragazza mi ha esposto un problema in cui mi dice "che la ...

1 risposta
Insoddisfazione

Salve dr. È da quando mi sono sposato che la mia vita sessuale è insoddisfacente. Mia ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.