Problemi relazionali

Ho 28 anni e non ho mai avuto una relazione sentimentale

Giada

Condividi su:

Buongiorno, ho 28 anni e non ho mai avuto una relazione sentimentale. Fino ad una certa età non mi è neanche importato molto, ed entrando poi nel mondo del lavoro attivamente, con un lavoro che da sei anni mi ha assorbito completamente, la ricerca di un persona con cui “condividere la mia vita“ non è praticamente stata mai una questione da me affrontata. Devo dire che realizzarmi sul lavoro a portato via anche tutto il tempo e la voglia di crearmi o portare avanti determinati interessi. Sono sempre stata una persona timida, questo si, e quasi unicamente proprio con le persone per cui provavo un interesse, interesse che è sempre stato “mentale“ e rare volte “fisico“. Sono inoltre sempre stata considerata dalle amiche una persona molto esigente... in pratica mi sono sempre sentita dire “Ma non ti piace mai nessuno? Hai aspettative troppo alte!“ Ho sempre dato la colpa al mio aspetto (sono sempre stata sovrappeso, e nella fase più grave sono arrivata a pesare 130 kg) ma da due anni ho dato una svolta alla mia vita, con dieta ed esercizio, e sono rientrata nel mio peso forma. Automaticamente però il mio approccio non è cambiato. La timidezza rimane e forse la mia mente non vede la mia nuova immagine allo specchio, che so essere migliore, ma sicuramente non vedo ancora come “bella“. Non credo però che sia l'unico problema. Cosa ne pensate? Mi piacerebbe avere un parere. Finisco dicendo comunque che inizierò a breve un percorso con uno specialista presso il consultorio della mia zona, con il quale ho già preso contatto ed appunto, in realtà per un altra situazione, ma durante la quale credo potrà venire fuori anche questo aspetto. Grazie G.

11 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Giada, é frequente che le persone che si sentono insicure mascherino le proprie paure in timidezza, iperinvestimento lavorativo, sovrappeso tutti modi in cui tenersi lontani da una relazione che necessariamente, implicando un coinvolgimento, implica anche degli svelamenti. Lei ha raggiunto già degli obiettivi, segno del suo impegno e della sua motivazione, ora sta iniziando un nuovo percorso che la porterà a lavorare su quelle parti di lei che sono più profondi. Le auguro un buonissimo lavoro.

Cordiali saluti

Gentile Giada, l'idea di intraprendere un percorso psicologico è senz'altro opportuna nel suo specifico caso. Tuttavia il problema è che spesso nei consultori pubblici, se pur ad opera di seri professionisti, la presa in carico è per periodi brevi. Credo invece che per trattare opportunamente le sue problematiche sia necessaria una terapia più a lungo termine. Quindi cerchi magari dopo la consultazione (3 o 4 colloqui) di capire dove è come poter proseguire. Molti auguri per il suo cammino

Cara Giada, le scrivo soprattutto per farle i miei complimenti per aver scelto di prendersi cura di sé da un punto di vista fisico e  psicologico. Mi sembra che nella sua vita si sia innescato un circolo virtuoso che sicuramente porterà i suoi frutti. Da quanto ho capito, ha scelto di intraprendere un percorso per una sintomatologia diversa dal problema che ha descritto. Certamente nell'ambito di questa cura avrà modo di approfondire il suo stile di vita e di rendersi più consapevole di come vive anche il rapporto con l'atro sesso e i sentimenti. Non la conosco e posso dirle molto poco, ma ciò che mi colpisce è che attribuisca la sua timidezza e l'evitamento delle relazioni al non sentirsi ancora "bella". Forse la chiave del problema si trova in questa aspettativa di dover apparire "bella" per essere attraente e amabile. Si guardi attorno, non esistono solo coppie "belle". L'amore nasce dal bisogno di ognuno di noi di essere abbracciati per sentirci meno soli. La saluto e le faccio i miei auguri.                        

Ciao G., se fino ad oggi non hai mai avuto voglia di condividere la vita con nessuno non c’è niente di strano, finchè è stata una tua  scelta, ma se adesso ti stai ponendo delle domande rispetto alle relazioni sentimentali e non riesci a darti da sola una risposta, fai molto bene a rivolgerti a un professionista.

Il fatto che le amiche ti dicano che sei molto esigente non ha senso, è giusto che tu scelga la persona con cui stare, non è giusto sicuramente accontentarsi. 

In bocca al lupo per l'inizio del percorso

Ciao Giada,

mi suscitano tenerezza le sue parole.

Immagino quanto la timidezza, ma soprattutto il suo non sentirsi mai “sufficientemente bella” le abbia creato disagio e sofferenza nel rapporto con gli altri.

Da come scrive, a me sembra che il suo problema sia forse proprio lì! … e non tanto nella timidezza.

Leggendo la sua lettera, infatti, mi sembra che le sue aspettative, riguardo all’immagine di sé, siano troppo rigide.

Ma vede, Giada, gli aspetti “buoni o belli” di se stessa se li deve riconoscere lei. Ed è sempre lei che li dovrà apprezzare.  

Come già saprà, la perfezione non esiste. Per nessuno.

Se lei non si piace, difficilmente riuscirà mai a darsi veramente all’altro. Sia emozionalmente che sessualmente.

Rifletta dunque sia sugli aspetti di sé (fisici, caratteriali, sociali) che le piacciono sia su quelli che non le piacciono.

Gli aspetti che non le piacciono li guardi però con rispetto e con accettazione. Non per subirli, ma per lavorarci su con impegno e scoprire come trovarne una forma “nuova”.  Gradevole per lei.

È solo a partire da qui, dal rispetto e dall’accettazione dei suoi limiti, che lei potrà attivare nei riguardi di se stessa le azioni per il cambiamento che desidera.

La lascio, augurandole di permettersi di praticare con impegno morbidezza e accoglienza verso se stessa.

Buon lavoro con la psicoterapia personale che presto intraprenderà! Saluti

Salve Giada, dai suoi racconti "sento" una donna con molte risorse che riesce, nonostante le difficoltà e mi riferisco a quelle di peso a raggiungere gli obiettivi preposti, rientrare nel suo peso forma. Penso che riuscirebbe con il giusto supporto psicologico a risolvere anche " l'altra situazione" che accenna e per cui ha richiesto un percorso.

Buona fortuna

Buona sera Giada, certamente la decisione di perdere dei chili di troppo è stata giusta, ma, riconoscersi in questa veste non è facile. Ha fatto bene a chiedere aiuto ad uno specialista, che, sicuramente,l'aiuterà a trovare la sua identità nella sua nuova forma. L'interesse per l'altro sesso arriverà quando lei sarà in grado di riconoscersi, accettarsi, amarsi e darsi la possibilità dell'incontro. La timidezza o, il nascondersi dietro questa, ha fatto la parte del leone. Con l'aiuto dello specialista vedrà verificarsi eventi importanti per la sua vita.

Salve pensavo proprio che le sue riflessioni e i suoi racconti danno ampio spunto di lavoro. Se vuole io ho studio a Milano zona Loreto e possiamo pensare di vederci e parlarne di persona per proporle una linea di intervento.  Credo effettivamente che ci possano essere dei buoni spunti, e già la sua motivazione rispetto alla relazione sia importante

Carissima, io sarei del parere che le cose debbano avvenire in modo naturale, senza forzature. Pensi a come sarebbe brutto mettersi alla fine con una persona di cui si ha poco interesse, solo per il gusto di poter dire: “Ho una relazione..“. Se la sua mente e il suo cuore sono stati altrove e lei è stata bene così, che importa? Ora si sente pronta, bene, arriverà,. Arriverà l'amore è sarà quello il momento giusto e quando arriverà, non penserà al suo aspetto, ma a tanto altro.. I rapporti tra le persone si stabiliscono e si cimentano, grazie a ciò che ci portiamo dentro e non fuori. Pensò che tali considerazioni lei le capisca, dato che afferma di essere persona esigente dal punto di vista relazionale. Il percorso poi, che inizierà potrebbe farle vedere cose di lei che ancora non conosce. In bocca al lupo.

Buongiorno Giada,

ha fatto bene a chiedere aiuto. L'altro problema, che non conosco, sarà sicuramente legato in qualche modo al problema che riporta in questa sede: le relazioni umane rappresentano un elemento cardine dello sviluppo psichico e emotivo di tutti noi e quindi non faccio fatica a pensare che i suoi "problemi" altro non sono che versioni di un unico "nodo" (probabilmente relazionale) da sciogliere.

Ha già dato dimostrazione delle sue capacità di ripresa, la dieta, il lavoro, la carriere, per cui non le resta che affrontare con fiducia e serenità anche quegli aspetti che stanno dentro di lei e che la condizionano così tanto. Quello che di noi non riusciamo a vedere da soli, lo possiamo conoscere attrverso gli altri.

Cari saluti

Gentile Giada,

mi pare di capire dalla sua lettera che, pur avendo perso peso, faccia fatica a guardarsi con occhi diversi. Lei stessa sente che il suo aspetto non è "l'unico problema". Nonostante la ritrovata forma fisica, l'immagine che ha di sè a livello profondo non è mai cambiata, in quanto indipendente dalle sue forme. Il fatto di non piacersi ad un livello ben più ampio di quello corporeo crea un senso generalizzato di insicurezza, di timidezza per usare parole sue, che rendono difficile anche il rapporto con gli altri e, ancorpiù, remota la possibilità di instaurare un legame con persone dell'altro sesso (lei parla di 'persone' e non di uomini, in realtà non mi è chiaro quale potrebbe essere il suo orientamento sessuale).

Dato interessante è anche che lei proclami di aver provato un interesse verso  tali 'persone' di natura mentale e quasi mai fisica, come se volesse negare il diritto di esistenza ad un aspetto di per sè molto importante all'interno di una coppia. 

Non ho dubbi che la giustificazione di non aver mai ricercato il rapporto di coppia per via dell'assorbimento dai propri impegni lavorativi sia molto riduttiva. In ogni caso incontrare uno specialista per altri apparenti motivi farà sicuramente emergere delle dinamiche a cui potrà collegare aspetti di questa difficoltà che finora ha messo da parte.

Buona fortuna.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi relazionali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Vorrei capire come mai io abbia pianto senza motivo

Buongiorno, ultimamente in questi giorni mi sento particolarmente stanca, con la voglia di fare ben ...

4 risposte
Non riesco a vivere

Salve,sono M. e scrivo qua perchè fondamentalmente sono arrivato alla disperazione. So perfe ...

13 risposte
Come instaurare relazioni di amicizia durature

Ultimamente sono profondamente insoddisfatto delle relazioni interpersonali che instauro e mi sento ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.