Varie

Come riconoscere, affrontare e superare il problema del gioco d'azzardo

RM Roma

contattami

Condividi su:

Scoprire di avere a che fare con una persona con il problema del gioco d’azzardo, non è per niente semplice, perché è difficile riconoscere il confine tra quello che potrebbe essere un semplice e sano  divertimento e quella che diventa una dipendenza patologica. Le prime avvisaglie che si possono osservare per capire di stare a contatto  con una persona che soffre di questo disagio sono le seguenti: il pensiero del gioco d’azzardo comincia a diventare costante; viene spesa buona parte del tempo della propria vita in attività legate al gioco, come pensare al modo migliore per vincere o cercare i soldi per poter giocare arrivando a compiere attività illegali per farlo; si cominciano a trascurare e a mentire agli affetti più cari e agli amici; il tono dell’umore diventa strettamente legato all’attività del gioco; si ha difficoltà nello smettere di giocare e ne viene sminuita la gravità. A differenza di altre problematiche di dipendenza, come quella da sostanze, che vengono osteggiate dallo stato, perché collegate ad aspetti illegali, non è così per il gioco d’azzardo, che al contrario, viene pubblicizzato costantemente ed utilizzato dallo stato per rinvigorire le proprie entrate, e ancor più, in un momento come questo di crisi economica, dove tentare la fortuna diventa un modo in più per cercare di migliorare la propria situazione economica. Il problema è che raramente ci si arricchisce giocando e che solo una piccola percentuale di coloro che giocano, ne trae realmente benefico. La spinta che porta il giocatore d’azzardo a proseguire nel suo gioco è la sensazione di adrenalina, che viene provata nel giocare e nel vincere, il bisogno di riviverla e il piacere legato al ricordo diventano l’elemento che crea la dipendenza. Il gioco d’azzardo è un rifugio della mente (Steiner, 1993), perché permette di  costruire una realtà parallela, alternativa alla realtà quotidiana, a cui si ricorre per sentirsi liberi dai vincoli e dalle fatiche della vita quotidiana. Scommettere dà la possibilità di immaginare il proprio futuro e costruire il mondo che si desidera. La persona che gioca d’azzardo,  ha bisogno di un oggetto (gioco d’azzardo, a volte associato anche all’uso di sostanze come droghe o alcol) per colmare un vuoto affettivo-emotivo e per poter immaginare di costruire una vita migliore. Spesso ciò avviene a causa di carenze provenienti dalla propria storia personale-familiare. Si tratta di persone che spesso provengono da una famiglia da cui non si sono ancora ben svincolate e che anche dopo aver costituito un proprio nucleo familiare, vogliono dimostrare di essere migliori rispetto a ciò che sono realmente, mettono in atto comportamenti irresponsabili  e si aspettano che l’altro (genitore, sposo/a, figli o amici) trovi una soluzione per i problemi causati dalle proprie debolezze. Col tempo si finisce in una spirale, dove più si gioca, più si perde, causando gradualmente il deteriorarsi delle relazioni familiari, affettive e lavorative. Solo dopo aver toccato il fondo, ci si comincerà a mettere in discussione, probabilmente per la paura di perdere tutto e tutti e restare soli, tanto che a volte  nei momenti di profonda disperazione l’unica soluzione sembra essere il suicidio. La famiglia una volta scoperto il problema, può reagire in forme diverse: 
-    abbandonando il giocatore alla sua sorte, perché satura dei torti subiti; -    sostenendo il giocatore nella sua dipendenza, colludendo con lui, favorendolo e attivandosi per cercare le risorse per perpetuare la spirale del gioco patologico; 
-    decidendo di restare affianco al giocatore, sostenendolo in un percorso terapeutico-riabilitativo, che potrebbe  essere multidisciplinare, consultando psichiatri, psicoterapeuti e assistenti sociali. 
Attraverso la psicoterapia familiare, la famiglia del giocatore d’azzardo sarà considerata una risorsa e verrà sostenuta in un duplice compito:  da un lato dovrà affrontare gli aspetti economici, dall’altro dovrà mettersi in discussione ed essere aperta ad una ristrutturazione. Per quanto riguarda l’aspetto economico dovrà  controllare e monitorare il comportamento del giocatore nel mantenimento dell'astinenza dal gioco. Rispetto al lavoro di ristrutturazione, dovrà affrontare il duro compito di mettersi in discussione,  e capire che funzione che ha avuto per la famiglia avere un elemento patologico, che vantaggi o svantaggi ha portato, e cosa succederebbe se lui cominciasse  a star meglio e ad essere più presente nella vita della famiglia, avendo un ruolo più attivo, condividendo le decisioni e le responsabilità.  Chi si ammala si fa carico in maniera eccessiva della malattia e del disagio della sua famiglia, preservandola dalla disgregazione e dall’annientamento. Una volta emerso tale aspetto, attraverso un lavoro di ristrutturazione di ruoli e funzioni, si potrebbe  trovare un equilibrio più sano, così da poter favorire la crescita non solo dell’ex giocatore d’azzardo, ma di tutta quanta la famiglia.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Varie"?

Domande e risposte

Come comportarmi con un figlio adulto ,il quale dicembre di amarmi ,ma non verrà per Natale

Non so come comportarmi con mio figli9 di 45 anni. Un uomo sensibile, affettuoso che dice di amarmi ...

4 risposte
Come gestisco la enuresi secondaria diurna e notturna?

Buona sera, mia figlia ha tre anni e mezzo; a due anni ha tolto il pannolino di giorno e sei mesi ...

2 risposte
NON MANGIA ALL'ASILO

Buongiorno, mi rivolgo a Voi perchè non so più come comportarmi. Mio figlio non &egrav ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.