Dott.ssa Michela Da Prato

Dott.ssa Michela Da Prato

psicologo, psicoterapeuta, mediatore familiare

Mio figlio di 13 anni viene allontanato dai coetanei, è spesso deriso

Buonasera, mi chiamo Anna ho 41 anni e sono mamma di tre splendidi figli. Ho un problema che mi sta “uccidendo“ lentamente .... sono seriamente preoccupata di non riuscire a gestire tutta questa sofferenza. Sono nuovamente arrivata a non dormire più in modo continuativo, a non mangiare regolarmente. La mia difficoltà nasce dalla socializzazione dell'ultimo dei miei figli (13 anni), non ha un amico, viene “allontanato“ dai coetanei, è spesso deriso e diventa con facilità la valvola di sfogo del gruppetto di turno. Lui sembra non scoraggiarsi, mette tutto l'entusiasmo (in molti casi in modo eccessivo) per avere rapporti con gli altri. Quando è con i coetanei ride di continuo, tocca, diventa sinceramente fastidioso, è “immaturo“ nelle relazioni, anche perché non ha avuto molto modo di sperimentare. Abbiamo provato a cambiare “amici“, scuola, ambiente sportivo ma con ogni nuovo contesto si ripresentano le medesime problematiche. Capisco che possa sembrare banale la situazione e che forse dovrei affrontarla con una maturità maggiore ma in questo momento non ne sono capace. Ho già provato ad affrontare la problematica con due terapie (sistemico relazionali) ma senza ottenere i risultati sperati. Chiedo un consiglio circa il tipo di terapia psicoogica da seguire in questo caso e eventuali consigli di chi si occupa nella mia zona (Lucca) di tali difficoltà. grazie. Anna

Cara Anna,

dalla sua descrizione non mi è chiaro se le strade tentate si siano rivolte a lei, a suo figlio o a tutta la famiglia, e nella sua mail non accenna al padre dei suoi figli. Ci sarebbero, quindi, tante cose da sapere per poter dare dei consigli mirati. Mi pare di capire che in parte suo figlio affronta la relazione con gli altri in modo particolare, lei dice 'fastidioso', e mi pare di capire che sia anche un pò vittima di quel bullismo o pseudo-bullismo che purtroppo rende più difficile la vita di ragazzi che già hanno difficoltà relazionali. Potrebbe essere utile un percorso di aiuto e sostegno che possa permettere a suo figlio di esprimersi oltre l'ambiente familiare, e approfondire così con un esperto le problematiche incontrate. Però lei parla anche di un suo profondo malessere e questa che sente e dichiara è una cosa molto importante; è anche su questo versante che mi chiedo il padre dei suoi figli che tipo di contributo le dà. In certe situazioni è importante che siano più persone a condividere il problema e l'impegno per la soluzione. Le situazioni come la vostra sono affrontate anche in terapia della famiglia, in modo che tutto il sistema familiare possa interrogarsi sul da farsi, e si unisca nel cambiare qualcosa: accade che il disagio espresso da un membro della famiglia segnali qualcosa che in realtà riguarda tutta la famiglia, che può attraversare alcune fasi di difficoltà, tensioni, problemi di comunicazione tra i membri e così via. In questo senso, anche se lei ha già 'provato' l'approccio sistemico-relazionale senza risultati, le consiglio comunque un intervento in quella direzione. Al di là dell'approccio, molto dipende dal terapeuta, e dal tipo di rapporto che si instaura tra terapeuta e paziente. Se volesse un approfondimento mirato su suo figlio, per capire meglio la natura delle sue difficoltà può rivolgersi ad un neuropsichiatra, che forse più di altri può valutare bene la situazione. Non si lasci impressionare dalla parola 'neuropsichiatra', vada tranquilla. In alternativa, uno psicologo dell'età evolutiva. Ad ogni modo, penso che un intervento più globale possa essere di maggiore aiuto, come ad esempio la terapia familiare. Le auguro di trovare presto una strada.... cari saluti 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web