Devo lasciare mio marito?

Sono sposata da tre anni con un figlio. Tutto nella mia vita sembrava essersi sistemato fino a quando un anno fa ho rivisto ad un aperitivo un compagno di scuola.

Non ci sopportavamo ai tempi della scuola ora è da un anno che tradiamo i nostri rispettivi compagni. Lui convive. Stiamo pensando entrambi di vuotare il sacco e provarci seriamente in questa storia. Io da una parte lo desidero davvero dall'altra vedo il prezzo che la mia felicità avrebbe: abbandono un marito fantastico che mi ha sempre dato tutto, incasino la vita di mio figlio. Abbiamo provato a lasciarci perdere ma non è servito. Mi soffoca il pensiero di perdere il mio amante perché vedo in lui la felicità, sono così confusa e frustrata ... perché ho questo bisogno continuo di cercare un di più?

Domanda posta da Laura (32 anni)

La mia risposta

Gent. Sig.ra Laura 

Io credo che questa domanda "Devo lasciare mio marito?" sia, come dire, inutile. Sincera ed in buona fede ma inutile, perchè credo che lei, come chiunque, non potrebbe certo dare ascolto ad una risposta che viene da altri, non potrebbe certo seguire una indicazione, magari saggia e razionale, ma estranea ai suoi sentimenti. Certo che a me verrebbe da dirle "lasci il suo amante e porti avanti la sua famiglia, con questa bambina così piccola", ma questo cosa significa per lei? Le è possibile? Ha abbastanza volontà per imporsi sui suoi sentimenti? Ne dubito. O potrei dirle "segua i suoi sentimenti perchè non ha senso continuare un rapporto vuoto", ma io credo che lei avrebbe molti sensi di colpa, non so quanto affrontabili. E' una scelta molto dolorosa.

Devo anche aggiungere che non ho nessun elemento riguardo alla sua vita di coppia, com'è il suo matrimonio, cosa le è mancato e le manca, com'è nato ed anche cosa cerca lei in una relazione affettiva. Tutti elementi che servono a capire un po' di più quanto è successo.

Tutti gli Articoli & Risposte