Dott.ssa Annalisa Di Giacomo

Dott.ssa Annalisa Di Giacomo

psicologo clinico, ctu e ctp

Sociofobia: come uscirne?

Salve, sono una ragazza di 22 anni e credo di soffrire di sociofobia. Leggendo forum sul web e guardando video su YouTube, mi sono rivista molto in tutti quegli atteggiamenti descritti da chi soffre di sociofobia.
Sono sempre stata molto chiusa di mio, sono introversa, non parlo tanto di me, non prendo quasi mai l'iniziativa, sono insicura, molto timida in genere. Non mi piace questo mio modo di essere, mi piacerebbe essere più sciolta e disinvolta, per questo soffro molto. Da un paio di anni la situazione è peggiorata. Non si tratta di semplice timidezza, ho proprio paura di certe situazioni sociali, mi viene l'angoscia al solo pensiero. Andare all'università è una di queste situazioni, forse perché non ho stretto particolari rapporti con nessuno, conosco qualche collega così, non tanto bene da avere rapporti di amicizia. Quindi l'idea di andarci, mi mette di malumore, perché non mi sento a mio agio.

Uscire a mangiare fuori è un'altra situazione tipo. Non mi piace essere osservata mentre mangio, non riesco nemmeno ad avere una postura corretta da seduta, sono perennemente in ansia. Anche in famiglia, in realtà, con gli zii e cugini ho un po' la stessa sensazione.

Ho paura in genere degli ambienti troppo illuminati, preferisco i locali a luci basse. Evito gli sguardi e anche le conversazioni che già immagino imbarazzanti. Tendo ad isolarmi, uscire poco perché non me ne viene proprio voglia, pensando già che mi sentirò a disagio e non starò bene. Ho spesso la sensazione di essere guardata con occhi strani, credo sia perché quando sono in tensione l'espressione del mio viso cambia e si nota. Parlo poco, anche se questo fa parte del mio carattere, ma quando sono a disagio con altri, parlo ancora meno e dico cose senza senso. Ho proprio difficoltà a relazionarmi con le persone e loro lo vedono. Non riesco a fare nuove amicizie in generale, sono asociale. Ho amicizie dei tempi delle scuole medie e del liceo. In genere sono sempre molto triste ed insoddisfatta della mia vita. Vorrei fare tante cose ma poi non faccio mai nulla. Si dice che questi siano gli anni più belli e io li sto sprecando. Sono bloccata. Vorrei tanto trovare una soluzione, perché così non posso continuare.

Ciao Chiara, mi dispiace per la tua sofferenza. Dalla tua lettera si inutisce subito che vivi una grande ansia in tutte le situazioni sociali, sicuramente sarà dettata da una bassa autostima che ti porta sempre a sentirti inferiore e giudicata dagli altri in ogni contesto. 

Si sente il tuo desiderio di uscire da questa situazione. Sappi che è possibile, se ti fai aiutare da uno psicologo, ritrovare la fiducia in se stessi e uscire da tale situazione, superare le paure e vivere una vita più soddisfacente. 

Io ricevo ad Agrigento, sono a tua disposizione. 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web