Dott.ssa Anna Grazia Carnovali

Dott.ssa Anna Grazia Carnovali

psicologo, psicoterapeuta, analista transazionale

Mia figlia di 6 anni ha problemi di socializzazione con i coetanei

Buonasera sono la mamma di una bimba che ha appena compiuto 6 anni. La mia bimba non è figlia unica ma ha un fratellino di 4 anni. Scrivo per avere un consiglio e magari un indicazione su come agire per aiutare mia figlia. Vengo al punto mia figlia è una bambina molto sensibile dolce e accogliente, anche se timida e secondo me un po' insicura forse sia perché sono una mamma molto esigente sia perché alla materna le sue maestre erano molto severe e sempre pronte a sottolineare i suoi difetti e mai esaltare i suoi pregi. Insomma il risultato è che non socializza con i coetanei, tende a parlare poco con i bambini coetanei e con chi non conosce.
Se c'è un bimbo in difficoltà lei si avvicina e lo aiuta però poi non lega , insomma è tra le poche bambine che non ha la così detta amica del cuore. La bimba fa sport e frequenta la scuola a tempo pieno quindi sicuramente tante sono le occasioni che condivide con i suoi coetanei. però come dicevo noto che rimane sempre un po' in disparte. Come dovrei comportarmi?

Carissima Signora, i motivi per cui la sua bimba non socializza potrebbero essere davvero tanti...che rapporto ha con il fratellino piccolo? Come ha accolto la nascita del piccolo? Come mai è così portata ad aiutare gli altri e non cerca anche un rapporto di amicizia e affetto con i bambini coetanei?...E' evidente che la bimba ha qualcosa di emotivo all'interno che non riesce ad esternare. La cosa non è affatto preoccupante, ma certamente merita attenzione: bisogna incoraggiare la bambina ad aprirsi emotivamente con gli altri....mi viene da dire che in questo caso si può partire dalla famiglia. Che rapporto avete con l'esternazione delle emozioni? Chi è che tiene tutto dentro...il papà o la mamma?...o nessuno dei due? Quali sono le emozioni che non si possono esprimere o non sono gradite a casa?...Quali sono quelle che voi genitori esternate di più, e quelle che tacete o condannate di più?...Lei ci parla del fatto che come mamma è piuttosto esigente, e che la bimba aiuta gli altri...immagino che sia collaborativa anche con la mamma. Può darsi che la bimba si voglia comportare da "piccola grande bambina seria e responsabile" per fare colpo ed essere apprezzata dai grandi....all'interno di noi, fin da quando siamo bambini, noi costruiamo una parte di noi che è all'interno della personalità, che si chiama il Genitore interno: essa si modella su ciò che vediamo fare ai nostri genitori. Può darsi che la bambina, dentro di sé, non si senta autorizzata a vivere con semplicità e leggerezza le sue gioie di bambina...la sua vita di bambina.

La mia risposta vuole essere solo uno spunto di riflessione.

Un abbraccio e in bocca al lupo per la vostra famiglia e per la bambina :) 

 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web