Come devo comportarmi se non ricevo attenzioni dal mio compagno?

Salve, sono Claudia ho 37 anni sono fidanzata da 5 anno e convivo da 3 anni con il mio compagno, abbiamo una bimba di 3 anni, sono casalinga ma mi diletto nel mondo del party planner, insomma mi do da fare, nonostante ciò sono molto presente come mamma e come compagna non gli faccio mancare nulla! Dolce premurosa affettuosa. Il mio problema è che da circa un anno il mio compagno non mi dà attenzioni, non mi dà una carezza un abbraccio un bacio, come se io non esistessi a livello affettivo, non mi fa regali alle occorrenze NULLA! si ricorda di me solo quando ha voglia di fare l'amore...che capita circa una volta al mese... nonostante io ci abbia descritto il mio problema, lui dice che é nervoso e si dimostra scocciato al solo fatto che ne parli...In pratica mi dà molto per scontata, credo che pensi che non potrei mai mai lasciarlo...premetto che non passa un bel periodo legato al lavoro non riesce ad avere una stabilità lavorativa, abbiamo qualche problema economico, un anno fa la morte improvvisa del padre ecc.. Però credo che non ci sia giustificazione che io debba essere ignorata, rifiutata e poco considerata. Lui comunque sia continua a chiamarmi Tesoro e procede la vita come se non sbagliasse nulla sono io a non capirlo. Io non c'è la faccio proprio più mi sento davvero male dentro... faccio tantissimo per lui e non merito di star male. Siccome con le parole non risolvo nulla vorrei passare ai fatti...cosa potrei fare per smuoverlo un po' per fargli capire che non deve darmi per scontata ma farmi sentire amata come ogni donna in una vita normalissima di coppia. Ne ho fatte tante...ho provato ad ignorarlo, ad urlargli tutto contro, ad incassare e star zitta, tutto senza grossi risultati...cosa mi consiglia di fare? la ringrazio tanto

Buongiorno Signora Claudia,

In merito alla sua problematica legata alla sua vita di coppia,  dovrebbe anzitutto concentrarsi più su se stessa piuttosto che agli atteggiamenti del suo compagno. Purtroppo quando una persona attraversa un lungo periodo complicato come quello cui state vivendo insieme (morte improvvisa di un genitore,  problemi economici in aggiunta) capita spesso che la persona colpita direttamente come in questo caso il suo compagno possa cadere in uno stato depressivo. Lei dovrebbe cercare di non stare addosso a lui altrimenti consegue l'effetto contrario, bensì capire le sue difficoltà, instaurando un sereno dialogo, facendogli si capire le sue necessità (bisogno di attenzioni, coccole) ma al contempo cercare di non riversare palesemente la frustrazione che sta vivendo. Inoltre concentrandosi sul lavoro, hobby e altri interessi personali che io spero che ne abbia diversi, si dedica molto più a se stessa e appare agli occhi del compagno molto più serena. 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web