Dott.ssa Antonella Squillaci

Dott.ssa Antonella Squillaci

psicologo, sessuologo

Mio figlio non riesce a restare concentrato

Gent.me Dottoresse, Gent.mi Dottori, sono la mamma di un bambino di 6 anni che ha iniziato la scuola primaria. Ha voglia di andare a scuola ed imparare ma arriva a casa sempre piu' nervoso ed agitato cercando ogni pretesto per attaccare briga con me e per sfogarsi con tanti capricci ed il rifiuto per ogni regola e richiesta. La situazione è questa: non riesce a restare concentrato e porta a casa sempre vari esercizi e/o disegni da finire o da fare (che avrebbe dovuto fare a scuola ma che non fa perche' si isola nel suo mondo perche' è distratto e perche' vuole sfuggire a cio' che lo circonda, per es. le urla della maestra) aumentando il carico dei compiti. Ha subito alcuni "scherzi" da parte di bambini piu' grandi e si fa distrarre dai compagni piu' vivaci (si ritrova un po' da solo e magari vuole farsi accettare o non stare da solo?). E' un bambino molto affettuoso, estremamente sensibile, molto generoso, solare ed intelligente (gia' da tempo sa leggere e scrivere ed ha imparato da solo spinto dalla sua curiosità e voglia di imparare). Leggendo qua e la', ho trovato vari riferimenti ai bambini definiti "spirited" (amplificati) ed ho riconosciuto la maggior parte dei tratti caratteriali del mio bambino e dei suoi comportamenti. Abbiamo cercato di parlargli ed esortarlo a rispettare le regole, a fare gli esercizi in classe e a capire quali sono i suoi doveri rispetto alla scuola ed al suo comportamento in famiglia ma la situazione è difficile, non migliora (neanche con le punizioni) ed inoltre crea nervosismo anche in famiglia. Mi sento inadeguata e comunque non riesco ad arginare i suoi sfoghi ed i suoi capricci. RingraziandoVi per avermi ascoltata, spero in un Vostro consiglio. Distinti Saluti.

Carissima Barbara, molto ci sarebbe da dire anche se..non mi sembra grave, così a distanza... Il tuo bambino, come dici, è allegro ed asprime affetti. A scuola, essendo così piccolo,direi che è 'normale' per lui non adattarsi subito alle regole della classe. Forse sarebbe il caso di indagare con prudenza parlando con la maestra sullo svolgimento del lavoro che la stessa propone. Inoltre potresti tu stessa osservare il rapporto tra la maestra e il tuo bambino e quanto, in questa relazione molto importante, sia proposto da lei con efficacia. Che ci siano poi scontri o confronti con gli altri bambini è tipico di questa età in cui i bambini, tutti,si sperimentano nella socializzazione. Anche a questo, però,dovrebbe dedicarsi la maestra,cercando di conoscere la personalità dei bb. di cui si occupa. Prova a parlare meglio con lei. Un abbraccio e...non ti preoccupare
domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web