Dott. Carlo Enrico Livraghi

leggi (3)

Dott. Carlo Enrico Livraghi

Psicologo, Psicoterapeuta E.M.D.R. , Consulente di parte

Ho delle crisi di pianto continue

Salve dottori, sono una ragazza di 20 anni. Da due anni frequento l'università, e durante la fine del primo anno ho iniziato ad avere delle crisi di ansia. Mi si manifestano con un pianto continuo. Finito il primo anno volevo lasciare per questo motivo, ma per fortuna ho proseguito. Inizio del nuovo anno scolastico ogni qual volta io arrivi all'università non vedo l'ora di tornare a casa ( premetto che studio a Roma e sono uno studente che viaggia, non ho casa a Roma). Ora che si avvicinano gli esami ho in continuo delle crisi di pianto continue in quanto ho il terrore di essere bocciata e di deludere i miei genitori. Il mio ragazzo che spesso è fuori per lavoro è al corrente di questa mia situazione, mentre i miei no. Una delle cose che mi fa più soffrire è proprio la lontananza da lui, e quando parte e io sono all'università a volte si ripresentano le crisi. Vorrei tanto che mi aiutaste a risolvere questa situazione, anche dandomi dei semplici consigli mi sareste di molto aiuto! Vi ringrazio anticipatamente. Susy

Gentile Susy,  sarò franco nel dirle che dubito possa ricevere  dei semplici consigli atti a risolvere definitivamente la sua situazione. Un percorso di psicoterapia invece potrebbe essere il più grande investimento e la soluzione più efficace! Le dico ciò non perché voglio spingerla nello studio di qualche mio collega, ma perché in un contesto terapeutico potrà approfondire i temi necessari ad una giusta valutazione e al raggiungimento di obiettivi per ora poco chiari. Ci dice che non vuole deludere i suoi genitori e che la paura di  non superare gli appelli previsti nell'anno in corso sembrerebbe più invasiva...i temi sono molto più numerosi e solitamente concatenati! Ritengo che parlare con i suoi genitori sia un consiglio che certamente troverà il consenso di molti miei colleghi, ma non dimentichi di prendersi cura del proprio malessere, quindi cerchi uno psicologo psicoterapeuta nella zona a lei più comoda, potrebbe essere specializzato in psicoterapia sistemico relazionale o in cognitivo comportamentale entrambi gli approcci conducono a risultati eccellenti! In ogni caso non è determinante l'approccio l'importante è non indugiare! Buon lavoro 

domande e risposte

Dott.Carlo Enrico Livraghi

Psicologo, Psicoterapeuta E.M.D.R. , Consulente di parte - Arezzo - Perugia - Lecce

  • Assistenza a genitori e figli nelle situazioni problematiche di coppia
  • Psicoterapia familiare
  • Attacchi di Panico
  • Consulenza e psicoterapia individuale e di coppia
  • Dipendenza affettiva
  • Difficoltà di apprendimento scolastico 0-10 anni
  • EMDR
  • Ansia
CONTATTAMI