Dott.ssa Caterina Laini

Dott.ssa Caterina Laini

Psicologo, Psicoterapeuta

Depressione e infelicità relazionale

Ho 26 anni e convivo con un uomo molto più grande di me, l’unico con cui abbia mai avuto esperienze sentimentali e sessuali. Se agli inizi di questa relazione, della durata di 8 anni, c’era gioia da entrambe le parti, da due anni ha iniziato a deprimermi a causa del desiderio insistente da parte sua di avere dei figli. L’argomento era già stato affrontato anni fa e io avevo espresso la volontà di non parlarne prima dei 30 anni, senza che ci fossero obiezioni. Vorrei concludere degli studi su cui mi sto specializzando. Il grave problema è che da due anni (dunque da quando avevo 24 anni) ogni giorno per me è un calvario: anche se non faccio alcunché di male (ho anche un impiego che mi permette di non gravare sulle spalle del partner, dunque economicamente pago ciò che mi serve con i miei soldi), vengo letteralmente sommersa di offese perché non ho ancora figli. Mi viene spesso ripetuto che sono senza valore e vengono annichilite le mie ambizioni lavorative. Ho dovuto rinunciare ad un dottorato su pressione di questa persona e soffro molto perché mi sento imprigionata. Io ho 26 anni e non ho mai avuto altre esperienze con gli uomini, mi sento molto disorientata e avverto un senso di soffocamento immane perché questa persona, alla mia età, aveva già un’esistenza pienamente vissuta, al contrario di me. Eppure pretende che io rinunci alla mia, consumandomi in questo modo. Cosa posso fare? È difficile liberarsi di una relazione di 8 anni, ma sembra che l’uomo che conobbi si sia trasformato in una specie di folle, che invece di darmi forza me la toglie. Forse teme per la sua età e vede in me l’unica ancora di salvezza per il suo futuro, ma io non sono una martire, o dovrei esserlo? Per una cosa che ad oggi, nelle attuali condizioni, non voglio realizzare? Mi sento più spaventata e inerme ogni giorno che passa e mi sono anche ammalata per questa situazione.

Cara Maria,

leggendo il suo scritto emerge tutta la sua sofferenza, e sinceramente le cose che leggo mi destano un pò di preoccupazione. Mi sembrano al confine con un maltrattamento psicologico. Lo dico con cognizione di causa, lavorando in questo ambito. 

Quando ci troviamo di fronte ad un partner che ci svilisce, ci offende e cerca di controllare le nostre decisioni e le nostre azioni è molto facile che ci si trovi dentro una relazione disfunzionale, ed è auspicabile capire cosa fare per il benessere individuale. 

Colgo dalle sue parole un desiderio di uscire da questa relazione e secondo me anche con un supporto psicologico potrebbe arrivare a prendere la decisione migliore per lei. 

A presto

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.ssaCaterina Laini

Psicologo, Psicoterapeuta - Milano

  • Problemi relazionali, interpersonali e di coppia
  • Consulenza Psicologica e Psicoterapia
  • Consulenze educative ai genitori
  • Consulenze e psicoterapie individuali
  • Psicoterapia di gruppo
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
CONTATTAMI