Dott.ssa Clara Maria Polonioli

Dott.ssa Clara Maria Polonioli

Psicologo, Psicoterapeuta

Ricaduta sintomi Attacchi di Panico e ossessioni

Salve,

soffro di attacchi di panico, di alcune ossessioni (conto dei numeri, voglio avere il controllo di ciò che mi accade, applico rituali portafortuna/scaccia ansia) e depressione da quando ho 14 anni, in seguito a problemi scolastici (bullismo).

Sono in cura farmacologica prescrittami 7 anni fa dal mio ex-specialista che consiste in 2 pillole di sereupin al giorno e xanax gocce all'occorenza. Negli anni, tra alti e bassi, i miei sintomi sembravano molto attutiti, da qualche settimana a questa parte, però, sono tornate le crisi di panico, ieri sera ho avuto la crisi che ho definito "la peggiore della mia vita", durante la quale mi sono anche recato al pronto soccorso tanta la paura di morire.

In PC mi hanno tranquillizzato e consigliato di recarmi da uno psichiatra e seguire una psicoterapia. Adesso sono 2 giorni, ovvero da dopo la mia crisi, che in testa ho pensieri molto tristi, come se tutte le cose belle siano scomparse, che i farmaci che assumo abbiano perso efficacia, in particolare i pensieri che mi fanno più paura sono 2.

Il primo, ho paura di poter volere farmi del male, tengo a precisare che in vita mia NON mi sono mai fatto del male, nemmeno con una matita, anzi è proprio il terrore di immaginare quelle scene, di me che effettivamente mi ferisco, che mi genera ancora più paura, come se potessi trasformarmi, cambiare idea, impazzire e successivamente farmi del male, cosa che non voglio fare per nulla al mondo.

Il secondo che si è acceso dopo la crisi è l'apatia che mi sento addosso. Se prima trovavo relax, o semplicemente gioia nei miei hobby, come la musica, il cinema, i videogiochi, adesso non ho più voglia di fare nulla, neanche le cose che prima mi facevano stare bene. Spero che questi pensieri se ne vadano al più presto, magari perchè legati ancora alla forte paura che ho provato due giorni fa, e quindi il mio corpo non ha ancora scaricato tutta quell'ansia.

Ho prenotato una visita psichiatrica presso l'ASL della mia città (Palermo) per rivalutare il mio trattamento farmacologico ed in seguito iniziare una psicoterapia adatta a me. C'è da dire che in passato ho cambiato diversi psicologi, ma dopo 3-4 sedute ho abbandonato per mancanza di voglia nel proseguire il percorso, o per mancata fiducia nel dottore, ma durante quei periodi non avevo sperimentato questa grande paura provata 2 giorni fa, e questi sintomi pesanti.

La visita è prenotata per il 12 dicembre, ed il pensiero di dover aspettare ancora quasi un mese per iniziare a porre rimedio a ciò, mi fa stare male, arrivo a pensare di non farcela a vivere fino alla visita. Infine aggiungo anche di essere un soggetto abbastanza ipocondriaco, sto attento ai sintomi del mio corpo e se ho dubbi cerco online cosa possa essere (so che non dovrei farlo). Vorrei togliere dalla mia testa principalmente quei due pensieri di cui vi ho parlato prima, sono arrivato a pensare che siano i farmaci il problema, o che non mi facciano più effetto o che mi abbiano dato problemi al cervello, a come penso etc.

Gentile persona gli attacchi di panico sono una delle esperienze più devastanti e terribili ma dai quali si può uscire attraverso una psicoterapia  che cerca di portare il paziente a elaborare le sue esperienze passate che hanno contribuito alla sua patologia. I sintomi che Lei manifesta sono un segnale che il suo inconscio Le manda per dirle che è ora che Lei prenda consapevolezza delle lorocause. Un consiglio che posso darLe è di rivolgersi a un bravo psicoterapeuta psicodinamico. Auguri 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web