E giusto continuare un matrimonio senza amore e una convivenza intollerabile?

Buongiorno.
Mi chiamo Alessandro, ho 42 anni, sono sposato da 15anni e ho due figlie di 13 e 8 anni.
Da 4 anni sono in piena crisi matrimoniale.
Ci sono state molte disavventure in questi ultimi anni dovute principalmente da fattori esterni.
Premetto che non ci sono tradimenti, almeno dalla mia parte, ma penso nemmeno da parte di mia moglie.
Le disavventure di cui parlavo sopra sono state causate da problemi che io ho avuto con i miei genitori e con mia sorella.
Cerco di sintetizzare: mia moglie litiga con mia sorella per futili motivi, successivamente litiga con mia madre, io mi metto dalla parte di mia moglie per oggettive ragioni. Nel frattempo mi accorgo che i miei genitori, ospiti in una mia casa, non pagano condominio e tasse varie. Per far fronte alle spese attingo ad un conto corrente con somme ereditate dai nonni ma, nel momento del prelievo mi accorgo che erano scomparsi. Parte attrice mia sorella con la regia di mia madre.
Ne conseguono anni di cause civili e penali tutt'ora non evase.
Inutile dire che non ho più rapporti con i miei genitori e sorella.
Pochi mesi che succedesse questo increscioso, mia moglie decise di licenziarsi per fare la mamma a tempo pieno non del tutto da me condivisa ma accettata.
Lo scompiglio emotivo ed economico di ciò che ho raccontato sopra porta ad un trasloco forzato. Noi vivevamo a due passi dalla mia casa che a tutt'oggi vivono ancora i miei genitori.
La situazione invivibile creatasi porta alla scelta di una nuova casa, molto più piccola perché con un solo stipendio non potevo fare granché.
Giunti nella nuova casa inizia (e sono 4 anni) la nostra crisi matrimoniale fatta da litigi e discussioni il più delle volte davanti alle figlie visto che con 60mq di casa non ci si può nascondere più di tanto. Sono andato via di casa molte volte in quei momenti veramente duri, cioè quei momenti in cui lei mi continuava a stressare in maniera continuata e ripetitiva.
Sostiene che sono innamorato di qualche collega al lavoro, che mi piace mia cognata, che non mi impegno con i figli, che non sono più la persona che ero, etc etc..
Un ultimo episodio il fatto di aver scritto sul gruppo famiglia (dove c'eravamo io lei e mia figlia grande) "sto tornando a casa". Andò su tutte le furie. Sosteneva che dovevo scriverlo solo a lei.
Sono stanco di questi tira e molla casa-alloggio attuale. Non fanno bene a nessuno. Specie ai figli.
Io vorrei continuare con il matrimonio per i figli, anche se penso di non essere più innamorato di mia moglie ma la convivenza e' divenuta intollerabile.
Cosa dovrei fare?

Buongiorno,

ho letto la sua storia famigliare, lei pone la focale della sua problematica nel rapporto matrimoniale, ma questa mi appare come un "sintomo" che invece si radica dal rapporto con la sua famiglia d'origine, dunque io vedo una complessità relazionale che a mio parere si è ripercossa nella relazione con sua moglie. Sarebbe indicata per voi una partecipazione ad un Gruppo di Psicoanalisi Multifamigliare, nel quale trovare un ascolto adeguato alla complessità famigliare di cui siete protagonisti. Potrà trovare indicazioni su questi Gruppi sul sito di Infiniti Angoli, oppure della LIPSIM.

Cordiali saluti

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web