Professore Diego Guarneri

Professore Diego Guarneri

psicologo, psicodiagnosta, mediatore familiare

Sto frequentando un ragazzo e siamo amici 'intimi'

Salve, è da qualche mese che sto vivendo una situazione particolare: sto frequentando un ragazzo e siamo amici “intimi“. Non ho mai avuto un rapporto del genere con nessun altro, sono sempre stata molto seria nelle relazioni precedenti e anche molto ferita. Lui è piu grande di me io ho 21 anni lui 29,la cosa peggiore è che circa un anno fa, io e questo ragazzo ci siamo frequentati in modo normale per circa due mesi ed ero cotta di lui ma lui scelse di tornare dalla sua ex con cui ha convissuto e sognava una famiglia. Poi lei lo ha scaricato, per vari motivi anche lavorativi ci siamo ravvicinati ed è più o meno 2/3 mesi che ci frequentiamo ma restando solo amici, alla fine sembriamo una coppia, non è solo sesso, parliamo di tante cose e anche fuori da casa le dimostrazioni di affetto non mancano, passiamo dei pomeriggi abbracciati a guardare film e a coccolarci, la sera tra amici e non ci nascondiamo più.. sto bene con lui davvero e ho paura di amarlo, sento che voglio proteggerlo e sono anche un po gelosa.. la cosa è evidentemente reciproca, lui mi sta dimostrando tanto. Non so perché mi sono messa in questa situazione, ho sempre preteso una certa serietà nei rapporti, per me è come essere caduta in basso, ma quando sto con lui non ha importanza. Allo stesso tempo non so se potrei fidarmi anche perché so che lui sente ancora la sua ex, si è trasferita non si vedranno mai più ma non riesce a staccarsi. Non voglio essere un rimpiazzo, non riesco a parlargli di quello che provo perché in fondo sono convinta che non mi ama e per me sarebbe umiliante e sta volta per colpa mia. Prima non potevo saperlo ma ora so com'è, anche se ci troviamo in un modo unico e c'è tanta sintonia, non ci credo. Ma alla fine è sempre la stessa storia perché mi attacco a uomini sbagliati che puntualmente mi fanno soffrire.. Forse bisogna soffrire per amare, forse non deve essere tutto rosa e fiori, forse dovrei dirgli ciò che provo e crederci se dovesse ricambiare.. O sono solo mie illusioni? Questo è ciò che penso ogni giorno e che non mi fa dormire. Consigli? Grazie in anticipo e scusate per il papiro.

Cara Monica,

No, Monica non è assolutamente vero che bisogna soffrire per amare e se questo ci accade spesso, probabilmente in noi ci sono delle insicurezze che andrebbero superate, per evitare di seguitare ad essere succubi di situazioni relazionali non equilibrate.

Capisco, inoltre che nella tua situazione sentimentale vi sono delle zone d'ombra, delle cose che non hai chiare ed è come se fosse meglio lasciare lì dove sono, nascoste, perchè hai paura che scoprendole, staresti ancora peggio...è come tentare di nascondersi dietro un dito. Devi andare a fondo, da sola o aiutata da qualcuno in grado di supportarti, e fare luce su questi "buchi neri" che rischiano di risucchiarti in un gorgo di dubbi e paure!

Credimi, è l'unico modo per liberarsi dai lati "sbagliati" delle nostre storie, e sentirsi finalmente liberi di essere veramente ciò che si è -e non quello che si vorrebbe o dovrebbe essere - con il proprio partner.

Restando a disposizione,

Cordialmente

 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web