Dott. Enrico Grande

leggi (5)

Dott. Enrico Grande

Psicologo e psicoterapeuta individuale, di coppia e familiare

Personalità schizoide?

Buongiorno
Sono un uomo 54enne. Capisco che un'autodiagnosi è spesso aleatoria giudicate voi. Vivo solo da quando avevo 25 anni, ho pochissimi amici e soprattutto non sono capace di farmi voler bene, anzi, spesso mi sembra che faccia di tutto per rendermi odioso. Mai avuto una relazione con l'altro sesso sebbene l'abbia desiderato molto e abbia avuto innumerevoli occasioni. Ma è come se nella mia testa non ci fosse il 'programma' per amare né tanto meno per l'atto sessuale.

Sono ovviamente vergine. Non soffro per l'isolamento ma sento che da solo sta diventando sempre più difficile affrontare gli impegni della vita. Il mondo mi sembra ostile e sempre più mi rinchiudo nel mio guscio in cui mi sento tranquillo. Amo molto gli animali, specialmente i gatti... Ho frequentato psicologi in passato con più o meno soddisfazione e non sempre mi sono sentito compreso.

Non sono più giovane e il futuro mi spaventa, temo di non avere più forze per affrontare le sfide che, per quanto cerchi di nascondermi, ci saranno sempre. Sono affetto da sclerosi multipla da molti anni ma per fortuna la mia è una forma benigna e, per ora, non ho disabilità. Ho l'intima convinzione che la malattia sia legata alla personalità... Nella mia famiglia è sempre circolato poco amore, ho l'idea che mia madre (sono il primogenito di 4 fratelli) non fosse contenta di avermi: non le faccio nessun rimprovero ovviamente, le voglio bene e ho un buon rapporto con lei. Ma da piccolo io per primo rifiutavo le coccole e stavo sempre solo. Mio padre ha una personalità rigida e penso che anche lui, da piccolo, sia stato poco amato.
Che ne pensate?
Grazie e saluti.

Buonasera Andrea, ho letto il suo messaggio e ho provato una profonda empatia rispetto al problema che sente di vivere. Penso che una sofferenza cosi profonda meriterebbe di essere analizzata insieme con cura ed attenzione. Lei propone una lettura che affonda le radici nella sua famiglia e che potrebbe essere un punto da cui partire. Potrebbe essere altresi interessante coinvolgere alcuni membri della sua famiglia in alcune eventuali sedute, se lei fosse d'accordo, ovviamente. Questo perchè spesso la possibilità di un confronto in un contesto terapeutico sblocca ingranaggi arrugginiti da anni.

Nel caso lo desiderasse, si senta libero di contattarmi per fissare un incontro conoscitivo nel mio studio.

 

Cordiali saluti.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web