Non voglio uscire dalla depressione

Mi chiamo Angela e ho 15 anni da un anno sono in cura dalla depressione e dell"'autolesionismo, il problema? Non voglio uscirci, voglio continuare a tagliarmi. Vorrei non prendere più le pastiglie che ne prendo molte ma purtroppo mi obbligano a prenderle anche se qualchevolta quando c'è opportunità faccio finta di prenderle. Un giorno quando ho pianto perché non mi tagliavo sono andata nel cassetto dove c'era la lametta ma ho pensato ai miei che dopo si arrabbiano e mi spaventano e io non voglio provare quella paura quindi non mi sono tagliata ma se non c'era quel problema mi sarei tagliata sicuramente ce ne ho bisogno. Non so perché non voglio guarire da questo problema, do delle supposizione, forse mi sento troppo attaccata a questo o forse perché se non mi sento in quel modo non mi sento me stessa infatti provo costantemente senso di vuotezza. Penso sempre che é meglio morire ma lo so benissimo che non ho il coraggio o se mi trovo vicino alla morte penso che non vorrei morire e che ho paura di morire. Perché ho paura di morire?.doltretutto forse neanche mi interessa o solo un po' di quello che provano i miei (bho). Poi mi dondolo di continuo con le canzoni sempre non riesco a farne a meno se non lo faccio mi innervosisco prima di questo dondolamento giravo la testa ma ho smesso e al posto di quello mi dondolo a destra e sinistra non so se é per l'ADHD che mi hanno diagnosticato o se é un vizio cosa che io non credo che mi ha detto la psichiatra (non ho neanche il coraggio di dirle tutto soltanto la parte minima)

Ciao Angela, mi chiamo Fabrizio Capra Psicologo Psicoterapeuta di Padova, 

parli di depressione e poi descrivi questo bisogno, che dici di non comprendere, di tagliarti.

Ho una paziente che, come te, ha provato la stessa esperienza. 

Quello che mi sento di poterti dire è che per qualche ragione stai passando un periodo molto triste. Forse le difficoltà a scuola, più probabilmente le relazioni con i coetanei, ed anche in famiglia ti senti incompresa. Detto ciò, quando ti tagli in realtà ti senti viva, senti il dolore e di da un segno di rappropriarti di te stessa e del tuo corpo, quindi hai una sensazione di piacere che contrasta con il dolore che è presente nella tua vita: la depressione, la quale, al contrario, ti da un senso di morte interiore.

Altro non posso aggiungere perchè non ti conosco e non conosco la tua storia.

Se vuoi puoi parlare con me anche via skype, gratuitamente: fabriziocapra66

o scrivermi: fabriziocapra@gmail.com

Un grande abbraccio e tanti auguri per la tua vita che hai davanti. Forza e coraggio!!!

Io ci sono!

Fabrizio

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web