Cocaina e aggressività psicologica e verbale

Buongiorno,

per un anno e mezzo ho frequentato un uomo dipendente da cocaina da 30 anni, nel week end.

Usa dosi massicce che lo spingono ad avere aggressioni verbali e psicologiche nei miei confronti e comportamenti inusuali. Si è gettato in un fiume, preso a sassate in testa, spesso si è masturbato in luoghi pubblici (sebbene al momento dell'atto era solo o in mia presenza) con oggetti strani quali cuscini, biciclette. Defecava nelle aiuole la notte.

Si infilava in boschi e camminava in ginocchio, causandosi ferite gravi. Alla fine io sconvolta l’ho picchiato perché nn ne potevo più. Lui mi ha eliminata dalla sua vita raccontando in giro che sono malata di mente e inventando cose assurde. Chiedo se questo sia normale in un cocainomane o se sia una malattia mentale. Vorrei consiglio su come comportarmi qualora lo dovessi incontrare o dovesse lui ricontattami.

Io cose simili non me avevo mai viste ne sentite raccontare. Grazie.

Gentile Sig.ra. Chiara,

l'uomo da Lei descritto sembra essere un uomo con notevole difficoltà nel controllo dei suoi istinti aggressivi e sessuali e comportamenti a rischio sia per se stesso che per le persone che lo incontrano. Il mio consiglio è di tutelarsi ed evitare contatti con tale uomo, magari rivolgendosi anche a centri specifici o associazioni di tutela per le donne presso la zona dove risiede.

Cordiali saluti

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web