Ho scoperto di avere problemi di secchezza vaginale, difficoltà a provare piacere

Ho 29 anni, dai 16 ai 26 ho sofferto di disturbi alimentari, anoressia e bulimia. Negli ultimi anni, soprattutto nell'ultimo, ho superato quella problematica. Ho evitato per molto tempo il mio corpo, non mi sono mai masturbata, non lo conosco, nonostante sia sessualmente attiva dai 19 anni. Nell'ultimo anno ho avuto rapporti regolari con un ragazzo che mi attrae ed eccita, ma ho scoperto di avere problemi di secchezza vaginale (frequente rottura del preservativo), difficoltà a provare piacere, non ho mai raggiunto l'orgasmo. Non so come riuscire a provocarlo nemmeno da sola, ed ho anche il dubbio che il mio clitoride “non funzioni“. Non so da dove cominciare e a chi rivolgermi. Grazie per l'attenzione

Ciao Silla, molto probabilmente la secchezza vaginale è dovuta ai problemi che hai vissuto in passato in merito ai disturbi alimentari oppure ci può essere una componente fisiologica. Non so se stai prendendo qualche medicinale che può avere questo tipo di conseguenza, comunque non è un problema insormontabile. Il mio suggerimento è quello di farti consigliare in farmacia un gel intimo lubrificante oppure degli ovuli naturali che aiutino a riequilibrare per una corretta lubrificazione. Il clitoride, a meno che non ci sia un problema medico funzionale, non può “non funzionare“ quindi se hai una certa confidenza e intimità con il tuo partner, ti consiglio di sperimentare insieme il modo per percepire e darti piacere. Anche se non hai mai praticato la masturbazione, puoi comunque imparare a conoscere il tuo corpo seguendo con serenità e tranquillità le emozioni e le sensazioni che il tocco del tuo partner può darti. Prima di rivolgerti ad un esperto, confidati, se non ti crea troppo disagio, con il tuo stesso ragazzo aiutandovi insieme a capire come vivere il piacere fisico. Il clitoride è una parte particolarmente ricca di terminazioni nervose di conseguenza il solo stimolarlo con delicatezza ti farà percepire piacere e poi da lì piano piano imparerai a raggiungere l'orgasmo. Oltretutto l'orgasmo clitorideo è quello più facile da raggiungere perché appunto esterno. Devi avere solo la pazienza e l'attenzione nel percepirti con serenità, senza tensione o ansia e vedrai che tutto avverrà naturalmente.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web