Dott.ssa Francesca Utzeri

Dott.ssa Francesca Utzeri

Psicologo, Psicoterapeuta

Può essere solo una fase di crescita?

Buongiorno, chiedo un vostro aiuto per cercare di comprendere alcuni atteggiamenti che da qualche mese a questa parte ha nostro figlio, di 5 anni. Intanto è opportuno dire che abbiamo un’altra figlia di 2 anni cosa che, ovviamente, lo ha destabilizzato. Non tanto all’inizio, dove si è dimostrato molto felice, ma più o meno dal compimento del primo anno quando in pratica, ha iniziato a non essere più “un soprammobilino” ma ad interagire attivamente e pretendere i suo spazi “rubandogli”, se così si può dire, la scena. Lui è un bambino molto riflessivo, attento ad ogni parola ed ogni gesto, ed è molto sensibile a come le cose gli vengono dette, se si alza la voce ti dice che non si fa, che ci rimane male, se ti capita un gesto di stizza come strattonare le chiavi di casa dalla borsa perché si sono incastrate ti chiede perché hai reagito così. Sta prendendo consapevolezza del tempo che passa e del significato di vecchiaia e capita a volte che pianga all’idea che i nonni siano anziani perché ha paura di perderli, non possiamo permetterci di dire che io e papà siamo grandi perché va in crisi. Una sera ha fatto una scenata pazzesca perché spiegando a lui che un suo gioco (regalato un anno prima) non era vecchio, abbiamo avuto la brillante idea di dirgli: ma se il gioco è vecchio e ha 1 anno tu che ne hai 5 cosa sei?” apriti cielo… Mi è capitato di sgridarlo perché, litigando con una bambina più piccola le ha dato un pugno (cosa che non aveva mai fatto, non hai mai picchiato un bambino, anzi è sempre molto protettivo nei confronti di tutti, sia a livello fisico che verbale) non l’ho aggredito, gli ho parlato dolcemente cercando di capire il perché del gesto, ha iniziato a piangere disperato arrivando a non respirare più dicendomi che non lo devo rimproverare perché altrimenti lui piange. Ho cercato di spiegargli che è mio dovere fargli capire quando fa qualcosa che non va bene in cosa ha sbagliato, che il mio compito è anche quello, ma non voleva sentir ragioni, non accetta di essere rimproverato. A scuola, ed ultimamente anche a casa, alterna momenti di dolcezza e sensibilità estrema ad atteggiamenti, definiti dalle stesse insegnati, di pre-adolescenza. Ti sfida, fa di tutto per contraddirti, sia a livello verbale, contraddicendoti e sfidandoti che a livello fisico, facendo ad esempio cadere le sedie per arrecare disturbo , non smettendola nonostante le richieste e ridendoti in faccia. A casa, sia con noi genitori che con i nonni le attenzioni non mancano, è sempre coinvolto, facciamo lavoretti assieme, usciamo anche soli, fin da quando la sorellina è nata l’ho sempre coinvolto dal cambio pannolino al bagnetto a qualsiasi cosa. Con lei è dolcissimo, molto attento e protettivo a volte litigano e si arrabbia se lei lo disturba mentre gioca, ma fin qui credo sia la normalità. Non capisco perciò da cosa derivi questa sua alternanza di umore, questa sua sorta di tristezza,che si trasforma in rabbia è come se nei suoi occhi vedessi un velo e nonostante gli sforzi non riesco a capire da cosa sia dovuto. Può essere solo una fase di crescita? Come possiamo ulteriormente aiutarlo a star bene? Io a volte mi sento fin in difetto con la più piccola perché tendo a dare più attenzioni a lui che a lei. Grazie fin d’ora delle risposte, cordiali saluti

Buongiorno Ilaria

risulta difficile dare risposte con queste brevi informazioni; sicuramente si attraversano nello sviluppo delle fasi in cui è necessario per il bambino "testare" il limite dato dal genitore. Occorre capire quale sia il disagio che vostro figlio sta portando. In primo luogo sarebbe utile trovate una linea comune (mamma,papà, nonni, insegnanti) rispetto alle risposte da dare al bambino quando si presentano questi comportamenti di "sfida".

E' importante che ci sia accordo rispetto al come rispondere a determinati comportamenti del bambino e su questo credo che sia molto utile il confronto con le insegnanti.

Vi consiglio inoltre di rivolgervi ad un professionista per poter comprendere al meglio il disagio del bambino e la vostra fatica possa trovare uno spazio di riflessione utile.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web