Dott. Francesco Pietrini

Dott. Francesco Pietrini

Psichiatra, Psicoterapeuta

Come mi faccio una vita se non ho mai vissuto fino ad oggi?

Forse è ridicolo che sia arrivata alla mia età x decidermi a dare una svolta alla mia vita ma questo è quello che sento di dover fare senza sapere da dove partire!! Ho avuto un'infanzia serena,ero la coccolina quindi...ma sono sempre stata indirizzata alla perfezione che ovviamente non raggiungevo mai anche dando il massimo. Mi sentivo bella,intelligente e simpatica,ero solare .A 19 anni mi sono sposata ,follemente innamorata,pensando di finire la scuola qui,ma x motivi burocratici prima,poi x necessità familiari non è mai successo.Sognavo indipendenza e autonomia ma ho tranquillamente rinunciato a lavorare per la gioia di mio marito che adoravo e vedevo come una grazia dal Cielo.Per farla breve una vita normale,tanti problemi ma eravamo noi contro il mondo e tutto andava bene,e quello che già 2 anni dopo cominciava a stonare pensavo fosse solo colpa mia ,della mia inadeguatezza,lui lavorava e io pensavo a tutto il resto,lui occasionalmente usciva solo e io non desideravo niente se non qualsiasi cosa con lui,in sostanza ho vissuto 30 anni in sua funzione e dei 4 figli che abbiamo.Non ho amici se non i suoi quindi avendo mio marito 10 anni + di me ,le amicizie ne hanno circa 20 di +!Il malessere è andato aumentando negli anni fino a 6 anni fa quando ho chiesto aiuto alla famiglia xchè non reggevo +il carico di lavoro e desideravo aiuto e comprensione:apriti cielo!Sono pazza! Ho ottenuto solo litigi,incomprensioni e un:non ci possiamo permettere una separazione ma da oggi ognuno si fa la sua vita.Ma come mi faccio una vita se non ho mai vissuto fino ad oggi? Mi guardo indietro e mi rendo conto di non essere esistita x 36 anni e se penso che probabilmente ho davanti ancora una ventina di anni da vivere così mi sento male,mi sono iscritta a scuola e frequento tutti gli anni anche se potrei farne solo 1 x avere un pretesto x uscire e avere qualcosa di mio da fare ma uscita da là mi rinchiudo in casa come sempre.Decido di uscire ma non ci riesco,dove vado? a fare cosa?non giudo + neanche la macchina...Ora stanno x arrivare le vacanze estive e significa 3 mesi di ulteriore depressione,xchè mi sento in colpa x questa mia incapacità a reagire.Un'ultima cosa:la ns sessualità ha cominciato a scemare dopo un paio d'anni fino a ridursi a incontri sporadici e umilianti,fino alla chiusura totale 11 anni fa,e proprio questo mi ha fatto capire che ero solo una serva,qualcosa di utile ,che l'amore era finito e da molto tempo e naturalmente mio marito ha confermato che il disinteresse dipendeva da me. Come ho potuto arrivare a questi punti e come posso uscirne? Grazie x avermi letta e spero mi possiate dare qualche suggerimento, in ogni caso mi avete permesso uno sfogo...Silvana

Direi che un'ottima strategia per uscire da una situazione così complessa sia quella di lavorare su se stessa, sulle sue emozioni e sui suoi obiettivi all'interno di un percorso psicoterapeutico. Come lei stesse ammette, infatti, il problema non sta tanto nella varietà di opzioni disponibili, ma nel iniziare a conoscersi e a capire cosa si vuole. Ritrovare una propria individualità e autonomia psicologica di base che è il presupposto per vivere bene.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web