Dott.ssa Giuliana Palumbo

Dott.ssa Giuliana Palumbo

Psicologo, Psicoterapeuta

Reazione emotiva spropositata

Buonasera,

premetto che non sono una persona timida o chiusa, anzi mi ritengo abbastanza intraprendente e solare e soddisfatta delle scelte che ho fatto finora nella vita e della mia situazione attuale.

Oggi ho avuto una reazione emotiva di pianto durante una lezione universitaria.
Descrivo meglio la situazione:
- Aula con una 30ina di persone, tutte conosciute e con alcune di queste sono anche amica;
- La Docente ci richiede di stilare una lista di 10 pregi personali;
- dal momento che mi trovo bloccata nel compilare questa lista la docente chiede al resto dell'aula di elencare i miei pregi;
- mi sono sentita travolta e ho iniziato a piangere come una fontana e sono scappata dall'aula.

Sono tutt'ora abbastanza scossa da questa mia reazione che fondamentalmente non capisco a fondo.

Come posso identificare cosa mi ha portato a questa reazione? Non amo essere messa al centro dell'attenzione, ma non ho mai avuto una reazione simile finora.

Grazie,

Francesca

Buongiorno Francesca. Chiede di poter identificare l'origine, la causa di questa sua reazione. A mio avviso potrà riuscirci lavorando su se stessa. Sembra voglia tirare acqua al mio mulino, indicandole un percorso di analisi. Non è l'unica via percorribile, ve ne sono diverse. Non so, così di pancia, mi viene da suggerirle un percorso spirituale, per esempio. Essendo una psicoterapeuta la strada che conosco meglio è l'analisi personale: ci sono tanti modelli di psicoterapia e può scegliere quello che ritiene più consono a sé. Solo lei potrà scoprire cosa l'ha portata alla sua reazione, a mio avviso, nemmeno così spropositata, e con ciò non intendo sminuirla, solo normalizzarla. Le auguro un grande in bocca al lupo.