La pressione bassa può essere una conseguenza dell'ansia?

Salve, sono una ragazza di 24 anni. All'età di 17 ho avuto degli episodi di attacchi di panico e da allora ho cominciato a soffrire di ansia rivolta soprattutto alla paura di stare male in pubblico o di soffrire di chissà quale malattia. Nei giorni in cui sono particolarmente ansiosa noto di avere la pressione molto bassa. Normalmente c'è l'ho sempre bassa, ma a volte è davvero molto bassa.Non ho sintomi particolari, in quanto sono rare le volte che mi sento debole o che mi gira la testa. Scopro di averla bassa solo perché la misuro a causa della mia ansia, se no non me ne accorgerei nemmeno. La pressione bassa può essere una conseguenza dell'ansia? può essere un sintomo di somatizzazione? Grazie

Cara Sonia, le rispondo subito dicendo che le conseguenze dell'ansia in particolar modo rivolta alla paura di stare male in pubblico comportano pressione alta con palpitazioni eccessive e tremori, d'altro canto l'essere convinti di avere una qualsiasi malattia può essere diagnosticato come ipocondria; questa conduce, chi ne soffre, ad un continuo controllo su se stessi per verificare la presenza di un qualche disturbo. Entrambi sono disturbi di ansia. Vorrei chiederle se ha già effettuato visite mediche per escludere una qualsiasi altra patologia di origine non psicologica, ma fisica. Occorrerebbe indagare anche con che frequenza questi attacchi di panico avvengono e questi controlli che lei fa su se stessa ogni quanto avvengono? cosa fa per gestirli?La invito, comunque, a rivolgersi ad uno specialista psicologo che riesca ad aiutarla ad uscire da questa situazione che sta attraversando per riappropriarsi della sua vita in modo più sano e funzionale. 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web