Come superare la nostalgia

Interrogandomi sulla mia vita e sui miei insuccessi, ho realizzato che è da quando ero bambina che ho difficoltà nei rapporti umani, di tutti i tipi, ricreativi, affettivi, di studio e di lavoro. Il disinteresse, l'ostilità, la derisione e la disapprovazione che ho spesso incontrato, non potevano essere causati da una generica sfortuna, e ho capito recentemente che la causa doveva risiedere nel mio carattere, e in particolare in una patologia. Ho fatto alcune ricerche e ho capito di soffrire di disturbo della personalità evitante, più o meno dall'età di 7 anni. Mi ritrovo in ogni sintomo: insicurezza, desiderio di rapporti umani che però fuggo o gestisco in modo maldestro da sempre, vulnerabilità alle critiche e alla disapprovazione, idea che esse siano sempre e comunque giudizi definitivi, mondo immaginario in cui rifugiarmi, immaginazione ipertrofica, ansia nei confronti di qualsiasi responsabilità, paura della vita adulta, difficoltà a essere in sintonia con le mie emozioni e a riconoscerle, infatti mi sento arida e vuota mentre chi mi conosce mi definisce eccessivamente sensibile. Attualmente la mia vita di relazione è inesistente anche a causa del corona virus, ma ne sento un desiderio tale che per viverla sfiderei tutti i rischi di rifiuto che vengono dal mio carattere. Otto anni fa la mia famiglia mi indirizzò, o meglio mi costrinse, all'insegnamento, attività che ho sempre detestato e vissuto con angosce indicibili e che ha comportato per me un'umiliazione dietro l'altra, di cui non incolpo nessuno, se non la mia inettitudine a rivestire un ruolo così importante. Per insegnare ho dovuto lasciare l'attività in cui lavoravo come impiegata con i miei parenti, dove mi sentivo protetta, sicura di me e felice, e tuttora ne provo una nostalgia che mi causa depressione, stanchezza, e rifiuto per ciò che mi circonda e che mi aspetta. Temo che fuori da lì non potrò mai più essere felice. Ora sogno per settembre un futuro tranquillo da ATA nelle scuole, come collaboratrice, ma anche come segretaria, la mia famiglia ha capito e accettato le mie difficoltà, ma io temo sempre che a settembre qualche nuovo ostacolo mi costringerà a continuare con l'insegnamento, anche se capisco che questi timori sono irrazionali non riesco a metterli da parte. Ho voglia di superare la nostalgia per quello che non posso più avere, e di ricominciare a vivere, facendo pace con i miei difetti. Sono seguita da una psichiatra e da una psicologa ma sto lottando con tutte le mie forze per uscire da questa situazione, e forse una risposta potrebbe dirmi se sono sulla strada giusta e come posso comportarmi per affrontare meglio il futuro. Grazie per avermi letta. Mraina.

Buongiorno Marina, leggendo la sua descrizione mi baso solo su ciò che che posso intuire (ovviamente servirebbe poter confermare l'ipotesi).

Mi sembra, in particolare, che ci troviamo difronte non tanto ad un disturbo della personalità evitante quanto ad una struttura ansiosa.

Se così fosse, a conferma di ciò, dovrebbero esserci stati episodi di eccesso di ansia "immotivata", cioè episodi di tachicardia a riposo (non durante sforzo fisico che la giustifichi), difficoltà nel respiro con sensazione di pressione e peso al petto, difficoltà nell'addormentamento o nel mantenimento del sonno costante con frequenti risvegli notturni, il tutto accompagnato spesso da episodi di emicrania di natura tensiva.

In questo caso le consiglio di contattarmi all'indirizzo info@igorguidotti.it e fissare un appuntamento online su Skype, tramite cui poterle passare le specifiche indicazioni e tecniche da attuare ed applicare quotidianamente per ottenere i primi risultati, nella direzione da lei ricercata, a partire da circa un paio di mesi.

Colgo nel frattempo l'occasione per porgerle cordiali saluti

Dott. Igor Guidotti

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web