Ansia e senso di inazione

Buongiorno,
provo a scrivere perché mi trovo in una situazione che non riesco più a gestire.
L'ansia mi prende lo stomaco e mi rende incapace di fare qualsiasi cosa. Non riesco più a riprendere in mano la mia vita. Prendo valeriana e melatonina, mi fanno dormire ma non calmano il senso di disperazione e il cervello continua a pensare a tutte le cose negative, anche quando dormo. Non riesco a fermare i brutti pensieri nè ad andare avanti. Vivo una vita precaria, senza essere riuscita a costruire nulla: lauree, dottorato, sono stati tutti sacrifici inutili e mi trovo a fare la supplente precaria grazie al diploma. Non amo quel lavoro ma l'ho sempre fatto per necessità. Da febbraio sono stata ufficialmente mandata via dall'università con cui collaboravo, il mio lavoro nelle scuole era imbarazzante per il mio superiore che ha trovato collaboratori migliori, dopo avermi sfruttata ventilando possibilità mai realizzate. Ho vissuto mesi di mobbing che non subivo dai tempi del dottorato (ad esempio, ho lavorato giorno e notti per diversi giorni senza potere dormire neanche un'ora e lavorando al mattino a scuola con i bambini, tutto per rispondere a richieste che erano diventate assurde nei tempi e nei contenuti, temevo di crollare). Con il lockdown speravo che avrei trovato modo di riflettere e di pensare a me ma è stato anche peggio, il vuoto lasciato dalle attività è stato riempito da pensieri negativi, dall'ennesimo 'tradimento' vissuto sul lavoro da persone che usano e gettano, dall'ennesimo fallimento, perché le responsabilità devo averle avute e grosse comunque, e da un futuro che non ha più senso. Non riesco a parlarne con nessuno perché temo che non mi crederebbero, vedrebbero solo una fallita e non posso neanche farmi vedere triste per sciocchezze di lavoro, non è rispettoso di chi sta male veramente. L'unica soluzione è starmene da sola. Forse so di stare esagerando e che non ho diritto a stare male per così poco. Me lo ripeto ma non serve a niente. Continuo ad accendere il pc e a non scrivere nulla, a non lavorare. Sono arrivata a sperare di re-iniziare a scuola per essere costretta ad agire ma ho paura di non uscirne. Ho paura di non farcela nemmeno lì.

Buongiorno Anna, posso ipotizzare dalla sua descrizione che siamo in presenza di sofferenza e difficolta' generati dalla struttura ansiosa che si " trova addosso".

Per verificare questa ipotesi e' necessario che ci siano ulteriori segnali quali intensa tachicardia in situazioni a riposo, sensazione di peso al petto con difficolta' a respirare, disturbi del sonno con difficolta' nell'addormentamento e/o con frequenti risvegli notturni, frequenti emicranie di natura tensiva.

Se cosi fosse le consiglio di scrivermi a info@igorguidotti.it per fissare un appuntamento online su Skype e definire i vari passaggi necessari per poter diminuire e liberarsi dai fastidi generati dalla struttura ansiosa.

Il metodo che utilizzo per chi soffre di eccessi di ansia e' specifico ed ha una durata di circa 2/3 mesi per vederne gli effetti.

Colgo l'occasione per porgerle cordiali saluti

Dott. Igor Guidotti

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web