Genitore narcisista - Cosa posso fare per me e per mio fratello?

Buongiorno, ho 20 anni.

Ho recentemente scoperto di essere stata cresciuta da una madre narcisista. Ogni riga che leggo in più sull'argomento fa riaffiorare in me ricordi di violenze e soprusi tutti riconducibili a questo disturbo.

Mio padre è stato un tossicodipendente, in età adulta si è avvicinato alla religione ed ha per questo cambiato vita, ha incontrato mia madre e si sono sposati. Gli è stato poi diagnosticato il disturbo bipolare ed è in cura attualmente. Mia madre per anni ha giocato con le sue medicine in modo da avere vicino a se o qualcuno di totalmente manipolabile o un qualcuno pronto all'attacco.

Con noi abitava anche mio zio (fratello minore di mia madre, anch'esso bipolare). Il suo ruolo è sempre stato quello del "maggiordomo" sempre al sevizio di mia madre e per anni ha fatto le sue veci accompagnadoci a scuola, facendo commissioni per la famiglia etc. Anche lui sempre vittima di questi "giochi" con le medicine. Alzate e abbassate non seguendo la ricetta, ma gli umori di mia madre.

Ho subito abusi e violenze in mille modi perversi ed assurdi. Per anni ho pensato di essere io la pazza. Mia madre è arrivata a darmi dei medicinali di mio padre senza alcuna prescrizione medica in modo che io potessi "stare meglio". I nostri parenti più stretti a causa della sua rete di menzogne e calunnie non hanno mai creduto a noi ragazzi.

La mia salvezza è stata sancita dal lavoro e dal conseguente allontanamento da quell'ambiente malato. Ora abito a centinaia di kilometri da loro, ma non sto bene. Penso di aver sviluppato dei disturbi di ansia e ho bisogno di aiuto.

Sono anche molto preoccupata per mio fratello che ha 16 anni e sta subendo angherie come quelle subite da me.

Io ho una sola domanda: cosa devo fare?
Ho bisogno di una guida, di un aiuto, di un supporto.

Gentile Valentina,

leggendo la sua lettera emerge una grande sofferenza per il vissuto familiare ma anche un gran coraggio. Infatti, allontanarsi e prendere le distanze dai suoi genitori e volersi occupare della sua salute psicologica rappresenta una grande risorsa vitale. Posso consigliarle, innanzitutto, di rivolgersi ad uno specialista che possa aiutarla ad elaborare la sua storia di vita e a definire un intervento mirato alle sue esigenze; avere un supporto psicologico è importante per dare un senso a ciò che le è accaduto e per poter sviluppare un senso di autostima e di autoefficacia nella vita di tutti i giorni. Invece suo fratello è minorenne e quindi sotto la tutela dei vostri genitori, capisco la sua preoccupazione ma quello che può fare per ora è di stargli vicino emotivamente e ascoltarlo mantenendo con lui un rapporto basato sulla fiducia.

Per ulteriori chiarimenti non esiti a contattarmi.

Grazie.

 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web