Dott.ssa Manuela Bellofiore

Dott.ssa Manuela Bellofiore

Psicologo, Psicoterapeuta

Frequento un ragazzo che in passato ha sofferto di disturbo bipolare

Gent.mi, ho 38 anni e da circa due mesi frequento un ragazzo che ne ha 39 e che, fino ad ora anche se è un periodo breve, si è comportato con me in maniera ineccepibile!!!! L'altra sera mi ha detto che gli sembrava corretto dirmi una cosa su di lui molto personale: mi ha raccontato che da adolescente era una persona egoista ed era convinto che lui fosse perfetto, poi a 23 anni si era innamorato e, dopo che la ragazza l'ha lasciato, ha avuto un esaurimento nervoso. I suoi genitori spaventati l'hanno portato da un psichiatra che gli ha diagnosticato un disturbo bipolare (stando a lui perchè poco dopo si era comprato una macchina... una golf) con prescrizione di terapia farmacologica che prosegue tutt'ora. Lui mi ha confessato che i farmaci continua a prenderli soprattutto per far star tranquilli i suoi genitori ma non con regolarità perché dice di non percepire differenze fra quando le prende e quando no. Ho apprezzato molto il suo gesto di sincerità nei miei confronti, siamo stati a parlarne per tutta la serata, ma io mi sono sentita male.... Le mie domande sorgono spontanee: la diagnosi era corretta? Perché lo psichiatra che l'ha in cura non gli propone di provare a diminuire i dosaggi per vedere cosa succede ? Potrebbe avere un senso fare altri consulti? Io lavoro in ospedale e conosco i vari approcci dei medici.... C'è chi prima di darti un farmaco passano mesi e chi invece li prescrive con troppa facilità.... ma capisco anche che non dev'essere facile gestire una situazione del genere! Non esiste un esame diagnostico, qualche tipo di rmn, in grado di valutare se il problema esiste a livello cerebrale? Vi ringrazio in anticipo per il valido supporto che darete, ho letto alte domande e risposte e le ho veramente apprezzate! Viviana

Carissima Viviana,

è da apprezzare che il tuo ragazzo ti abbia resa partecipe della sua situazione .

Ritengo che gli interrogativi  che ti poni siano legittimi e per questo affronterei ,in primis, la questione con il tuo ragazzo. Il problema della diagnosi è fondamentale prima di proporre una prescrizione farmacologica.

Per una valutazione complessiva della personalità vengono somministrati test specifici che, solitamente, propone lo psicoterapeuta.

Tuttavia possono essere richiesti approfondimenti allo psichiatra che lo ha in cura sia in merito alla diagnosi che alla possibilità di un eventuale scalaggio o modifica della terapia farmacologica. Se le risposte non saranno soddisfacenti il parere di un altro medico può  sempre essere utile.

Cordialmente

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web