Dott.ssa Maria Giuliana Rasi

Dott.ssa Maria Giuliana Rasi

Psicologo, Psicoterapeuta

Sono un padre di 42 anni, separato da 3 dopo 12 anni di matrimonio

Buongiorno. Sono un padre di 42 anni, separato da 3 dopo 12 anni di matrimonio. I miei figli sono un ragazzo di 15 anni e una di 13. Anche prima della separazione, con la mia ex-moglie abbiamo avuto sin da subito problemi di coordinazione nell'educazione dei bambini, il ché è stato anche la principale causa della fine del nostro rapporto e della separazione. Io molto presente e attento nella loro vita, tengo molto al rispetto delle regole, rispetto nei confronti degli altri e di se stessi, insomma.. Un papà un po' noioso. Lei donna in carriera, un po' fredda, rapporto da amica più che da mamma, grandi sensi di colpa per il poco tempo che aveva (e ha) per stare con loro e di conseguenza li ha sempre viziati molto con montagne di oggetti, senza mai confrontarsi con me. Ho sempre sofferto del fatto che distruggesse ogni mio tentativo di impostare delle regole, dipingendomi sempre come il “nemico“ contro cui ribellarsi. Nonostante questo prima della separazione ho sempre avuto un rapporto coi miei figli che forse non era perfetto, ma stavamo bene. Con il grande è ancora tutto molto bello, evidentemente c'è anche un feeling caratteriale, ma con la piccola dopo la separazione è stata un'escalation in negativo con episodi anche al limite del legale in cui mi è stata letteralmente messa “contro“ in tutto. Adesso sono il cattivo, il padre carceriere, la ragione delle sue tragedie preadolescenziali, parla con parole non sue, mi riferisce che la mamma dice cose orrende su di me e che HA RAGIONE, ed in tutto questo la mamma continua sempre più a rifiutare ogni dialogo con me su questo punto, negando di fare quel che fa. E' un sottilissimo filo che separa le mie sensazioni da quello che effettivamente succede, me ne rendo conto. Ma mia figlia mi odia, a scuola si comporta male, si comporta da bambina viziata e arrogante, sembra gelida nei confronti di tutto ciò che non la riguarda direttamente. Ogni punizione che le diamo per aver -ad esempio- marinato la scuola, apparentemente di comune accordo e dopo averne parlato, cade dopo poche ore, la consola e la coccola e mia figlia torna a casa da me al grido di “la mamma ha detto di trovarti qualcosa da fare invece di starmi sempre addosso“ oppure “Io il cellulare posso usarlo quanto mi pare. Ha detto che ci pensa la mamma a te.“ Piccolo particolare: parliamo di uno smartphone che possiede dall'età di 10 anni, regalatole dalla mamma in occasione della notizia della separazione e contestuale (!) presentazione del nuovo compagno. Mia figlia adora quest'uomo, che è il classico amicone che le regala continuamente montagne di oggetti, vestiti, le insegna cose che non condivido (e mi taccio, davanti a lei). Con la mia compagna ha un buon rapporto, meno stretto ma gioviale e divertente. La mamma invece è lo scudo dietro a cui si protegge da me, che a quanto pare sono il suo unico nemico in questa giungla che è l'adolescenza. Sono abbastanza disperato. Cerco di parlare con mia figlia spesso, di rimanere tranquillo e fermo, ma dentro non riesco a sentirmi davvero sereno. Mi sento come se fossi aggredito da una forza invisibile ogni volta che mi guarda con quello sguardo di sfida che dice “dai, sgridami così lo dico alla mamma“ . La mia ex-moglie rifiuta categoricamente di parlare con me di questo. Non so che fare. Rivorrei tanto mia figlia, non so proprio come riconquistarla, e non voglio litigare con la mia ex-moglie che è una polveriera, competitiva, non aspetta altro che occasioni per litigare, si nutre della mia frustrazione. Vorrei mantenere rapporti civili e la comunicazione necessaria (anche se tanto non serve, perchè ciò che concordiamo lo rispetto solo io). Sì, lo so, sono un padre noioso, ma vorrei anche tanto tornare ad essere quello con cui si ride, si gioca, il suo eroe come qualche anno fa e come è rimasto con mio figlio grande. Mi sento a terra, perchè i miei sforzi, che cerco di dirigere in tal senso, sembrano inutili. Cerco di concentrarmi su di lei e sulle cose positive e ignorare questi attacchi invisibili, puntuali e a raffica, ma non sembrano diminuire ne' migliorare. Aiuto... Grazie in anticipo a chi risponderà.

Gentile Paolo, l'impressione che ricevo dal suo scritto è che questi attacchi su più fronti che sta ricevendo da sua figlia, con il suo sguardo di sfida e la sua ex moglie, che non aspetta altro che litigare e contrastarla, anche nell'educazione della ragazzina, stanno portando a galla qualcosa di profondo, qualcosa che avverto come uno sguardo di critica e giudizio di lei verso sè stesso. Questo trapela dal suo dirsi un padre un po' noioso o nel sentirsi frustrato perchè i suoi tentativi non vanno a buon fine. La invito a guardarsi con più amorevolezza, se lo merita! Si potrà così accorgere che questo padre ed ex marito che lei è va bene già così. Ci sono cose che possono cambiare all'esterno, ma ciò che lei può fare, già da subito, è non accusarsi eccessivamente e accogliersi per quello che è. 

Ci sono tante altre cose che potrebbero essere dette, la invito se vuole a un colloquio per approfondire. Trova i miei riferimenti qui sotto. Intanto spero di esserle stata di qualche conforto. Sento che la sua pena è sincera e le sono vicina.

Un caro saluto

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web