Dott.ssa Maria Giuliana Rasi

Dott.ssa Maria Giuliana Rasi

Psicologo, Psicoterapeuta

Ho paura di soffrire di ansia da separazione

Ciao, sono una ragazza di 19 anni, con un passato turbolento. Iniziando dal fatto che ho perso la mamma a soli 40 giorni di vita per un incidente stradale, (nei 40 giorni sono rimasta in incubatrice per nascita prematura ai 7mesi e complicanze non gravi). Non ho mai conosciuto il mio papà biologico, sono rimasta in orfanotrofio fino a 1 anno e poi sono stata presa in affidamento da mia zia (mamma) sorella di mia madre biologica. Mia madre biologica era già stata sposata ed era uscita da un matrimonio da cui ha avuto una figlia (mia sorella) che ora ha 38 anni. Fin da piccola sono sempre stata molto attaccata a mia zia (mamma per me) e sono stata accolta in casa sua anche dalle 2sue altre figlie (per me mie sorelle) crescendo già a partire dai 3 anni per quello che posso ricordareho iniziato a manifestare dei sensi di colpa verso mia zia...ogni qual volta che mi allontanavo da lei, anche se per mia scelta (es. andare a dormire da mia sorella ecc..) avevo paura che potesse starci male ma in realtà non era così ...e diciamo che mi sono sempre fatta problemi per niente. Poi crescendo con l'adolescenza invece ho iniziato a ribellarmi in seguito a verità nascoste sul mio passato (ma fino da piccola ho sempre saputo che mia madre fosse morta e non mi ha mai dato un fastidio) quando ho compiuto 6anni il compagno di mia zia è morto e lui diciamo lo ritenevo come un papà. È stata una perdita molto sofferta anche se alla mia giovane età non riuscivo ad assimilare bene. In adolescenza come dicevo prima ho iniziato a uscire con compagnie sbagliate e a non ascoltare più la mia famiglia Fini ad essere domiciliata in comunità. Per me l'inserimento in comunità educativa è stato molto duro ma poco a poco sono riuscita ad affezionarmi a tutti anche alle suore che mi seguivano. Ma anche il percorso in comunità non è finito nei miglior modi, per la mia voglia di evadere e fare nuove esperienze infatti dai 14 anni fini ai 17 sono stata fidanzata con un ragazzo di origine peruviana, ero follemente innamorata di lui fino al punto anche di subire violenze (percosse). Non sono mai riuscita a staccarmi da lui né da quell'amore malato. Ero convinta di amare e di essere amata,quasi anche di meritarmi le botte per nulla sempre trovando scuse. Non ho finito le superiori fermandomi al 4^ anno. Sono stata parecchie volte in psicoterapia, ma mai arrivando a una soluzione. Scrivo questa lettera perché ho avuto una ricaduta qualche giorno fa con il mio attuale ragazzo non più quello di prima (ha 30 anni, e un figlio di 6 avuto dalla precedente relazione) anche con lui non riesco ad allontanarmi troppo,ho paura di soffrire di ansia da separazione e pensò già da molto proprio dall'infanzia. Soffro molto quando sta distante da me. E ho iniziato a provare anche delle piccole gelosie verso il figlio. (Mi vergogno a dirlo perché sono infondate, ma è così. Mi sento come se l'amore che deve darmi viene condiviso con il figlio e magari a volte sento che dovrebbe prestare più attenzione a me e alla nostra relazione. Ho potuto capire che non riesco ad avere delle relazioni sane. Non riesco a separarmi dalle persone per me importanti. Sono arrivata anche al punto di lasciarmi ex fidanzati in giro e tenendoli sempre sotto controllo in modo che se poi mi fossi sentita sola avrebbero potuto colmare il mio vuoto di tristezza e solitudine. Sto molto male ... Ho pensieri ricorrenti di morte per mia madre, ma allo stesso tempo non ho proprio un bellissimo rapporto, discutiamo spesso,ma le voglio molto bene, e penso sia la persona più importante della mia vita. Come posso fare per cercare di stare meglio interiormente ? E togliermi tutta quest'ansia e sensi di colpa di dosso? Grazie mille per aver letto e prestato attenzione. Aspetto una risposta.

Buongiorno Jenny, non sono solita fare diagnosi, non mi sembrano utili, ti invito quindi a non farne per te; incasellarti in una definizione non vedo come possa aiutarti a uscire dal tuo problema, al contrario potrebbe diventare un problema in più, la famosa profezia che si auto avvera. Detto questo, sì, penso e sento che soffri per amore e anche che il tuo soffrire e il bisogno di essere sempre certa che qualcuno ti ami possa essere legato alla tua storia personale, al'aver perso la mamma senza conoscerla. Tuttavia tu una mamma ce l'hai, quindi il problema vero sembra essere nascosto un po' più in là, qualcosa come una condanna o una colpa che ti addossi, senza che tu in realtà sia colpevole proprio di niente. Mi farebbe piacere aiutarti a sciogliere questo nodo emotivo. Sento che se tu sei coraggiosa, e lo sei visto che chiedi aiuto e consiglio, e vuoi venirne a capo puoi senz'altro farlo. Se ti fa piacere parlarne con me di persona, io ricevo a Milano, puoi scrivermi e ti vedrò volentieri per un primo colloquio, conoscitivo e gratuito.

Qualunque cosa tu scelga di fare: coraggio! Sei giovane e vedi già molte cose con chiarezza anche se questo ancora non ti porta fuori dal tuo tunnel

Un caro saluto

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web