Dott.ssa Mariagrazia Mari

Dott.ssa Mariagrazia Mari

Psicologa, Psicoterapeuta

Voglia di prendere in mano la mia vita, consigli?

Salve, sono un ragazzo di 26 anni ed avrei bisogno di un consiglio. Sono una persona molto socievole che esce spesso con gli amici, ma ho sempre avuto problemi a relazionarmi con le ragazze (non mi sono mai fidanzato). Sono molto timido ed insicuro e questo mi porta dei problemi nel cercare di parlare e relazionarmi con le ragazze, è come se non avessi la forza di andare a parlare o approcciare quelle ragazze che mi interessano, non riesco a buttarmi e vado in ansia ogniqualvolta decido di provare. Il punto è che sono consapevole di essere un bel ragazzo (e lo dicono anche in molti/e), ma la bellezza non basta, puoi essere il più bello del mondo, ma se sei una frana le donne scappano. Ogni volta che vorrei parlare con una ragazza, sia a ballare o anche semplicemente in chat, ho come un blocco che mi porta a rinunciare, non so cosa dire ed ho paura di sbagliare, mi sale l'ansia e quindi rinuncio. Ammetto di avere anche altri "problemi" nella mia vita, ho paura del futuro, non riesco ancora a capire che "pesce" sono e che ruolo ho in questa vita (la gente della mia età inizia a pensare a un futuro stabile e a mettere su famiglia, ed io sono bloccato in dubbi esistenziali da teenager, e tutto ciò mi demoralizza di brutto). Credo che io abbia poca stima di me stesso, e questo si ripercuote in tutti i campi della mia vita, mi chiedo come sia arrivato a ciò (sono una persona molto sensibile). Ho paura di non riuscire a fare nulla di buono, sia sul lavoro che in ambito sentimentale, e di rimanere un peso per i miei genitori. Sto sviluppando una visione un po pessimistica per via del tempo che passa inesorabile, mi sfugge come sabbia fra le mani, e questo mi porta ad una tristezza sopportabile ma comunque presente. Cosa posso fare? Psicoterapia? No, voglio vincere questa partita da solo e con le mie forze (in realtà da una psicologa ci sono già stato per più di un anno ma con risultati molto lievi, anche se comunque è stato l'inizio di "qualcosa"). Consigli?

Caro Tony

a 26 anni hai ancora tutta la vita davanti e tutte le carte da giocare. Parli dell’incertezza nel futuro, non so di cosa ti occupi e se quello che fai ti soddisfa o ti gratifica.

A volte non è facile risolvere le cose da soli e comprendere i motivi di alcune reazioni, farsi aiutare da un esperto non mi sembra una cattiva idea.

Come mai è stata interrotta la terapia? Mi sembra di capire che si cominciavano a vedere lievi miglioramenti. Ti consiglio di riprendere il percorso terapeutico anche perché iniziavi a raccoglierne i frutti.

Lavorando sulla tua autostima potrebbero migliorare tutti gli altri aspetti.... probabilmente correlati.

 

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web