Dott.ssa Marta Colarusso

Dott.ssa Marta Colarusso

psicologo, psiconcologo

Il mio ragazzo fa uso di cocaina

Buonasera,sono una ragazza che ha 24 anni e da circa 9 anni che sono fidanzata con una persona stupenda,lui sà tutto di me,siamo cresciuti insieme,abbiamo vissuto tante cose insieme belle e brutte,ci sono stati dei momenti NO e dopo ci siamo ripresi,al chè oggi sembra che và tutto alla grande...C'è solo una cosa che mi mette paura,e anche tanta delusione;mi sono accorta che ogni sabato dopo un'uscita per una bevuta con degli amici torniamo a casa per stare insieme e lì lui inizia a far uso di cocaina,nel senso che quando stiamo insieme nell'intimità e sotto gli effetti...(anche se devo dire che non è aggressivo).Io l'ho scoperto e gli ho provato a fargli capire che fà male ,ma lui mi dice che non lo fà tutti i sabati, che è una persona che sà regolarne l'uso,e che non è una persona dipendente e lo fà ogni tanto...però è più di un mese che ne stà facendo utilizzo ogni sabato;l'altra sera dopo il mio rimprovero del precedente weekend lo ha fatto nel bagno di un locale(di solito lo fà nel bagno di casa,cercando di farlo di nascosto)...me ne sono accorta perchè ha preso qualche cosa dalla borsa e se l'ha messa in tasca dopo non meno di dieci min. è andato in bagno...io non capisco il perchè lo fà,perchè deve far uso di una cosa dannosa...in passato circa 4anni fà lo ha fatto per la prima volta ed io gli avevo detto di non farlo mai più...ma così non è stato...ha ripreso, e questo ultimo periodo lo stà facendo spesso...Non sò cosa fare perchè insieme stiamo bene,ma allo stesso tempo ho paura di costruirmi un futuro con lui...aiutatemi a capire...

Buongiorno Beatrice, credo che lei sia giustamente preoccupata per il problema di dipendenza del suo fidanzato, credo anche che faccia bene ad interrogarsi sul suo futuro. Allo stesso tempo capisco che per lei è difficile gestire questa situazione per il grande affetto che la lega a lui, lei ha provato a parlargli ma più di questo credo che non possa fare. Certo gli può offrire sostegno e vicinanza ma solo quando lui deciderà che ha un problema e vorrà fare qualcosa per aiutarsi. Quello che forse potrebbe aiutarla è capire cosa lei vorrebbe fare e se sente di poter gestire la situazione oppure fare dei cambiamenti. Mi rendo conto che nove anni sono molti ma lei è molto giovane e forse anche il suo fidanzato, crescendo a volte si possono scoprire cose nuove su di noi e le persone a noi vicine, cioè non sempre quello che vogliamo a 16 anni è quello che desideriamo a 25. Se ne ha la possibilità si prenda del tempo per se, magari parlando con un collega psicologo che le è vicino, forse l'aiuterà e le sarà di supporto.
domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web