I miei problemi di ansia sono iniziati 3 anni fa

Buona sera, ho 25 anni e parto con la premessa che sono di sesso maschile ed il mio nome è Giovanni; ecco il caso: i miei problemi di ansia sono iniziati 3 anni fa; ho subìto una grave minaccia fisica alla quale sono seguite tachicardia, palpitazioni e svariati attacchi di panico, il tutto racchiuso in un periodo di due mesi, fino a che mi hanno fatto analisi del sangue, ECG ed ECG Holter; la conclusione scaturita fu che fosse solo un problema psicologico. Ho superato gli ultimi due anni prendendo prima efexor 75 per poi scalare ad efexor 37,5 unito a 10-15 gocce EN prima di andare a dormire. Ho terminato la terapia con efexor da circa 6 mesi, ma negli ultimi 2 ho avuto nuovamente palpitazioni unite a forti dolori vicino il cuore; ho quindi fatto una visita cardiologica che ha messo in luce la possibilità di un problema differente: dato che effettivamente avevo eruttazioni frequenti e problemi di flatulenze, il dottore ha ipotizzato che possa essere un reflusso gastico; mi ha quindi prescritto una terapia composta da pantorc 40mg, alpazolam 5 gtt mattino e pomeriggio e halcion prima di coricarmi; mi ha infine consigliato vivamente di fare una gastroscopia. Effettivamente le varie perdite di gas sono migliorate e seguendo la terapia mi sono sentito meglio, tuttavia questo è durato 3-4 giorni. Il quarto giorno sono riprese le palpitazioni, stavolta in modo più aggressivo, in aggiunta ad extrasistole che mi svegliano durante la notte causando una vera agonia; si verificano in modo molto più aggressivo solo durante la notte quando mi sdraio; se rimango in piedi sto meglio e non ho dolori o palpitazioni di grande intensità. Tutto questo mi fa dormire durante il giorno, più del dovuto e male. Ho fatto la prenotazione per una visita psichiatrica ma non potrà ricevermi prima di due settimane. Nel frattempo mi sono fatto fare una ricetta dalla guardia medica per riprendere efexor 37,5 ma non so se sia una buona idea. Vorrei un consiglio, devo prendere efexor o devo aspettare la visita? Inoltre avere un'opinione professionale su tutta la situazione, grazie

Buongiorno Giovanni,

ti sento molto preoccupato sul da farsi. Cerchiamo di fare chiarezza e calma nella tua situazione, che tanto mi ricorda la situazione di un tuo coetaneo che ho seguito alcuni mesi fa. Dunque la componente organica e psicologica sono strettamente interconnesse e quando gli esami clinici non rilevano particolari anomalie è fortemente probabile che le reazioni fisiche che senti siano indotte da una condizione psicologica come l'ansia.

Anche in situazioni in cui viene rilevata una causa o anomalia organica, ad esempio di tipo gastrointestinale, c'è la probabilità che i tuoi sintomi siano amplificati e influenzati dalla componente psicologica. Ad esempio, pur avendo un problema fisico ben definito come una cardiopatia, la preoccupazione che sente il cardiopatico di soffrire di questo problema e il fatto che possa agitarsi più facilmente in condizioni di stress lo porta ad avere più paura di alcune situazioni e ad evitarle. L'esempio che ti ho descritto ha una forte componente psicologica.

In breve anche se ci sono aspetti da approfondire a livello gastrointestinale probabilmente hai una componente ansiosa attiva e se i farmaci non ti hanno aiutato a risolvere definitivamente il problema questo può voler dire che potresti aver bisogno di accompagnare un percorso di psicoterapia perchè i farmaci agiscono sulla sintomatologia ma non sulle origini psicologiche del disagio che vanno indagate e approfondite a mio avviso con uno psicologo e psicoterapeuta. 

Per quanto riguarda il discorso farmaco io, essendo uno psicologo e psicoterapeuta, e non potendo somministrare e prescrivere farmaci, ti posso solo dire che nonostante tu abbia già preso l'Efexor, essendo uno psicofarmaco forse dovresti farti monitorare l'assunzione e i dosaggi da uno specialista, lo psichiatra che vedrai per esempio, quindi io aspetterei. 

Nello specifico della tua situazione ti suggerisco di mantenere i contatti con uno psichiatra come già stai facendo per il monitoraggio della terapia farmacologica ma di prendere anche contatti con uno psicoterapeuta, di approccio cognitivo-comportamentale, se possibile, della tua città per intraprendere un percorso che ti possa permettere di risolvere le tue difficoltà non solamente con l'uso dei farmaci.

Se hai ancora bisogno scrivimi pure.

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.Martino Miccoli

Psicologo, Psicoterapeuta - Reggio nell'Emilia

  • Disturbi psicosomatici
  • Stress e disturbo post-traumatico
  • Psicoterapia ad indirizzo cognitivo comportamentale
  • Preparazione mentale nello sport
  • Attacchi di Panico
  • Ansia
  • Disturbi d'Ansia e dell'Umore
  • Terapia per Disturbi d'Ansia
  • Disturbo d'attacco di panico
  • Disturbi dell'umore
  • Percorsi di elaborazione del lutto
  • Disturbi dell'autostima
CONTATTAMI