Da sempre l'ho vista come una bimba eternamente insoddisfatta

buongiorno, sono mamma di una bimba di sei anni, non sono mai stata una mamma molto apprensiva, le ho sempre lasciato i suoi spazi ma imponendo comunque alcune regole da rispettare rigorosamente.E' sempre stata una bambina un pò “viziata“ dai nonni (ma credo non più del normale) ma da sempre l'ho vista come una bimba eternamente insoddisfatta; quello che ha non è mai abbastanza, e teme il confronto con gli altri bambini ( della serie che nella sua testa gli altri hanno sempre più di lei). Crescendo questa cosa si è accentuata, apparentemente è col sorriso ma poi quando si trova a relazionarsi con altri bambini tende a rimanere sola, anche ad esempio ai compleanni, lei si mette in un angolo. Ho cercato di parlarle e capire ma lei dice che gli altri non vogliono giocare con lei ( io credo che lei non accetti il fatto di non essere lei a dirigere il gioco). E' una bambina molto intelligente anche a detta delle maestre, ma non ci mette impegno; in niente..non mette passione nello sport( che abbiamo lasciato scegliere a lei), inizia una cosa e non la finisce, è perennemente distratta da qualsiasi stimolo esterno da ciò che sta facendo, insomma sembra vivere sulle nuvole. Ora non so come comportarmi; inizialmente cercavamo di essere rigidi ma senza risultati; abbiamo provato a parlarle ma non si sfoga con noi e cerca milioni di scuse( bugie) per giustificare il comportamento.. cosa dobbiamo fare?? inizio a preoccuparmi.. ringrazio in anticipo

.Gent Alessia

La descrizione di sua figlia appare quello di una bambina insicura che non è in grado di essere autonoma. Ciò si riflette nella difficoltà nell'organizzarsi nello studio e di non metterci alcun impegno. Sarebbe interessante capire come vi organizzate nel fare i compiti pomeridiani ovvero se li fa da sola oppure assieme alla madre è in tempi molto lunghi. Anche la difficoltà a scegliere uno sport riflette la sua difficoltà a mettersi in relazione con i coetanei . Lei si impone perché ancora non ha appreso, e ciò mette in evidenza il suo problema di dipendenza , a mettersi dal punto di vista dell'altro. In questi casi sarebbe utile ricostruire la storia della bambina assume ai genitori. Per il momento potreste iniziare ad insegnarle a fare, ad esempio, i compiti da sola e controllandoli quando li finisce; darle delle piccole responsabilità facendole sentire che avete fiducia in lei. Con i migliori auguri

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web