Dott.ssa Raffaella Deamici

Dott.ssa Raffaella Deamici

Psicologa, Psicoterapeuta

Difficoltà nel vivere una relazione di coppia

Gentilissimi,
mi piacerebbe sentire il vostro parere sulla mia situazione. Ho 37 anni e ormai da anni, dai miei 17 anni, intrattengo relazioni amorose che mando puntualmente all'aria. Divento un'altra persona, arrivo anche ad essere aggressiva, focalizzo sui difetti dell'uomo del momento e da chè ha inizio la storia inizia un tacito sabotaggio.

Mi sento ingabbiata, mi sento rallentata nelle mie cose se devo coordinarmi con qualcuno. Sto con un ragazzo da 2 anni e lo faccio martire, e più lui manifesta insicurezze e debolezze più io godo nel dargli addosso.

Lui piange, dice che gli faccio male ma a me dà ancora più noia e fastidio. Mi definisce anaffettiva e in effetti ho un totale rifiuto per il contatto, non solo nei suoi confronti ma in generale da bambina. Lui all'opposto è sempre stato coccolato in famiglia, è abituato a sentirsi chiamare in famiglia "amore" e vezzeggiativi che io trovo odiosi. Appena conosciuti l'ho tradito per un uomo bello e maledetto per cui avevo perso la testa prima di conoscere il mio attuale ragazzo. Il punto è che più il bello e maledetto mi rifiutava più io soffrivo (banale no?) però mi sono rispettata e ho chiuso io.

Dopo è arrivato il mio ragazzo che non mi ha scossa sinceramente (perché era preso o perché realmente non mi interessava?non lo so...). In più conduco questo doppio gioco da cinica che lo invita tranquillamente a lasciarmi e da gelosa che tiene tutto sotto controllo: amiche e amici suoi, ex, facebook, whatsapp. Il mio tradimento ha insinuato nella relazione una sfiducia da parte sua che alimenta insicurezze costanti e ha bisogno che io lo rassicuri costantemente: come una madre con un bambino indifeso. Provo un fastidio per questo e arrivo a dirgli che non ha dignità e che al posto suo io mi sarei mandata già a quel paese. Lo vivo come un peso per poi sentirmi in colpa e ripetermi che sono una stupida a trattare male un così bravo ragazzo, così attento, presente, premuroso e che sto mettendo in atto il mio solito sabotaggio. Ma inconsciamente poi la dinamica innescata è sempre questa.

Adesso siamo pure a distanza e tutto si complica ulteriormente perché lui ha bisogno di lunghe telefonate, di ribadirmi quanto mi desidera e io mi innervosisco all'ennesima chiamata. Mi sembra di perdere tempo. Vivendo lontani ho avuto anche uno sbandamento per un altro che ho riferito al mio ragazzo alimentando ancora di più le sue insicurezze.

Sono una stronza o è un gioco malsano da parte di entrambi? Sono stufa di darmi addosso. Sto tenendo in scacco un uomo quando non sono realmente coinvolta solo per non mettermi in gioco davvero in una relazione alla pari? Troverò poi una relazione alla pari? Intanto mi convinco sempre più che non sono fatta per amare...
Grazie di cuore.

Buongiorno Antonietta,

Intanto vorrei dirti che mi sembri molto consapevole delle tue vicende interne: parli del tuo solito sabotaggio consapevole appunto, e di ciò che coattivamente si ripete, la stessa dinamica interna, inconscia, che ti porta a lasciare l'uomo con cui hai instaurato una relazione. Mi chiedevo se non abbia già fatto un tuo percorso terapeutico... 

Hai fatto bene quella volta, con l'uomo bello e maledetto, ad esserti rispettata, e a chiudere tu la storia... Lo stesso rispetto verso te stessa spero che possa crescere, perchè tu possa, con un aiuto, mettere insieme questi due aspetti di te, ancora scissi, di chi si assume la parte di colpa e vuole salvare l'uomo che sta soccombendo sotto i propri agiti e pensieri, e di chi dall'altra parte non sopporta l'uomo che sta lì, a soccombere senza reagire, che in fondo, con tutto l'amore che ha ricevuto come tu dici, non sa bene come farsi amare, come volersi bene...

Per concludere vorrei dirti che non sei una stronza, come tu stessa ti chiedi,  è piuttosto un 'gioco malsano da parte di entrambi', ma inconsapevole diciamo, entrambi portate alla luce quella modalità relazionale interna appresa nell'infanzia e portata avanti fino ad oggi. Sei stufa di starti addosso, tenendo in scacco un uomo quando non sei realmente coinvolta... Tue parole, come la tua domanda se questa modalità che metti in atto non sia  solo per non metterti in gioco davvero in una relazione alla pari... Non si sa, doversti approfondire il tuo ricco mondo interno... Dopodichè penso che tu troverai una relazione alla pari, come la definisci, e per finire, è molto toccante la tua affermazione 'Intanto mi convinco sempre più che non sono fatta per amare...'... Ognuno ama a modo suo, e comunque è possibile cambiare se vi è desiderio di cambiamento... 

Buon proseguimento.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web