Paura di suicidarmi

Parto con il dire che sono sempre stata una ragazza solare, allegra ma anche molto ansiosa, fin da piccolissima. Infatti mi ponevo sempre molte domande sulla vita in generale, come "siamo soli nell'universo?" "esiste vita dopo la morte?" che sono sempre state prese in considerazione come una parte intelligente del mio contorto carattere.
Ho avuto vari momenti duri nella mia vita, come quando a 7 anni avevo paura di poter morire, o a 10 di poter avere la meningite, e chi più ne ha più ne metta..
Ultimamente sono venuta alla conoscenza del doc per colpa della mia ennesima paura, quella di poter diventare trans per un mio cambio improvviso di vestiario (più maschile che femminile) che continua anche oggi a tartassarmi.
Sono sempre stata una ragazza sicura di quello che era, anzi, mi ero sempre vantata di essere una "lei", e da quando queste ossessioni si sono insinuate in me, non mi sono più sentita me stessa.
Ma arrivo al punto:
Dopo ben 25 giorni di doc trans, esausta ma finalmente con un piede fuori dal tunnel, mi ritrovo in bagno a piangere.
Allora, come un flash, mi vengono in mente tutti quei film o video che nel corso della mia vita ho guardato dove appunto la ragazzina depressa si tagliava in bagno.
Allora mi sono chiesta "ma se sto cosi male, dovrei farlo anche io? Ne avrei il coraggio?" e da lì il PANICO.

Sto malissimo, mi immagino scene orribili di me che mi taglio e dei miei genitori che mi ritrovano morta, oppure in classe mi metto a pensare "e se mi suicidassi oggi?" e penso "forse se sto così male vuol dire che devo.." ma poi entro in ansia e ritiro tutto. Oppure ho anche paura di avere meno paura della morte, perché mi avvicinerebbe sempre di più al suicidio..
Mio padre mi ha sempre detto di non avere paura della morte, ma ora questa frase invece di rilassarsi mi mette in allarme..


Ogni volta che le mie amiche "finte depresse" si sfogavano con me dicendo di volerla far finita io rimanevo scioccata: per me la vita è stata sempre la cosa più meravigliosa di tutte. La curiosità nel vedere il domani, le notivà, i cambiamenti, le passioni! È stato sempre tutto cosi eccitante per me!
Ho pure una grande passione, l'arte, che mi sostiene nei momenti duri.
Anche se ora è come se nulla mi piacesse più.. Ne esco con gli amici, ne con la mia ragazza, non chiacchiero più con nessuno.. Mi sento vuota. Penso solo a questo, e a volte mi balena nella mente "ma se devo vivere cosi posso anche morire" e lì sto così male, ho così paura di me stessa che vorrei urlare.
Anche mia madre ha avuto questa paura ed infatti gliene ho parlato, e mi ha detto che chi vuole suicidarsi non ha paura e non ci pensa più di tanto. Ma mi chiedo: "e se non avessi paura?"


Ora qualsiasi cosa di negativo che vedo al telegiornale o su internet penso: "che schifo il mondo.." e mentre prima di questa paura rimanevo indifferente.


Sto malissimo, ho sempre l'ansia in corpo, finisco che alle sette sono già stanca.. Non mi ricordo neanche cosa ho mangiato per pranzo per quanto sono assorta.


Potrei mai finire per suicidarmi andando avanti così?

Ciao!
Mi permetto di darti del tu...ho letto attentamente quello che hai scritto...in realtà il tuo problema è rimasto sempre
lo stesso negli anni: ti arrivano delle domande a cui non si può trovare una risposta certa e che rassicuri, ma tu
questa la risposta la cerchi ed entri in un circolo vizioso senza fine che ti genera ansia e nuove domande.
Ti consiglio di ricorrere ad uno specialista, perchè è un problema risolvibile e anche in tempi piuttosto brevi.
Se intanto posso darti un consiglio: prendi un foglio e una penna e comincia a scrivere tutto il dialogo di domande
e risposte che ti vengono in mente, fino a ridurre il tutto ad assurdo...poi, se ti va, fammi sapere come è andata!
La tua difficoltà è quella che io definisco "perversione dell'intelligenza" e Kant sosteneva che non esistono risposte
intelligenti a domande stupide, perchè più cerco di dare una risposta intelligente ad una domanda stupida, più
alimento la domanda e la rendo vera. Detto in altri termini: più ti chiedi se potresti suicidarti, più alimenti la tua
paura di poterlo fare! Pensaci un attimo...se io mi chiedo: potrei avere il coraggio di suicidarmi?
Forse si, forse no
E se ce lo avessi come mi suiciderei? Quando? Dove?
E così cominci a dare tutta una serie di risposte ipotetiche che non faranno che aprire la porta a nuove domande!
Quindi ti rinnovo il mio consiglio: quando ti arriva la domanda o lasci cadere la risposta sapendo che è una risposta
stupida (e la domanda come arriva pian piano se ne va)...oppure, se non riesci, prendi foglio e penna e scrivi tutto
il dialogo di domande-risposte, domande-risposte, fino a ridurre il tutto ad assurdo!
Detto questo, ti consiglio comunque di rivolgerti ad un professionista. Vedo che sei di Perugia...quindi essendo più o
meno dello stesso posto, ti posso assicurare che ci sono diversi professionisti in gamba sul territorio!

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web