E' sbagliato optare per una relazione senza amore per non rischiare di soffrire

Buongiorno, Ho 36 anni e sono tornata da qualche mese a frequentare un mio ex fidanzato dei tempi dell'università, con cui era finita sostanzialmente per mancanza di dialogo e perchè l'amore era finito dopo varie delusioni. Negli ultimi anni sono stata innamorata di altre due persone, una in particolare (più recente), che sfortunatamente per me non provavano la stessa cosa, e la seconda mi ha lasciata senza preavviso l'estate scorsa quando ha trovato l'amore altrove. È stato un momento difficile ma l'ho superato e mi ha anche dato modo di riflettere su me stessa. Caratterialmente sono abbastanza chiusa, frequento poche persone e ho poche occasioni sociali di conoscerne altre, inoltre la mia esperienza con i sentimenti è stata nel complesso abbastanza deludente, il che mi fa pensare di non esserci molto portata. Con l'ex fidanzato che sono tornata a frequentare la situazione è rimasta più o meno la stessa di quando ci siamo lasciati, non ne sono innamorata, non c'è particolare complicità, diciamo che c'è una sorta di amicizia di lunga data disillusa ma so che a modo suo mi vuole bene e non vorrebbe un'altra compagna che non sia io. Anch'io credo di non avere più voglia di fare esperimenti con estranei, andiamo d'accordo e credo di potermi fidare di lui, penso di non voler più conoscere nessun altro. Ora vorrei chiedergli di andare a vivere insieme e di sposarci ma siccome è un passo importante sono un po' spaventata. Non ho il coraggio di confrontarmi su questo argomento con amici e familiari, perchè temo mi dicano che sto sbagliando, che è sbagliato optare per una relazione senza amore per non rischiare di soffrire, che nella vita bisogna rischiare ecc. Ma io caratterialmente non sono un'avventuriera, una che si butta alla ricerca di emozioni, sono una più razionale e anche un po' “paurosa“ del nuovo. Le mie amiche single le vedo disperarsi tra uomini senza arte nè parte, che le illudono e spariscono, che non sanno cosa vogliono. Per contro tra le mie amiche sposate/fidanzate sono pochissime quelle che vedo felici in una relazione realmente d'amore, la maggior parte sono relazioni rassegnate e di facciata, solo che non lo ammetterebbero mai per mantenere l'apparenza. Quindi non ho voglia di chiedere opinioni a chi so che predicherebbe bene sulla mia pelle e sulla sua razzola male. Non voglio fare un torto a quest'uomo, voglio dirgli che quello che provo per lui non è l'amore romantico delle favole, ma che sono sincera quando dico che non vorrei nessun altro all'in fuori di lui e che credo che con lui potrei essere felice. Non ho voglia di passare di fiore in fiore, ho voglia di costruire qualcosa, di crearmi una famiglia, di avere dei figli, e se la vita mi ha portato lui e mi ha formata in questo modo forse dovrei seguire la via che mi viene indicata. È ovvio che se mi faccio queste domande è perchè non sono perfettamente convinta, avrei sognato qualcosa di diverso ma mi chiedo: è giusto ricorrere una chimera mentre gli anni passano e buttare alle ortiche quello che c'è, anche con tutti i limiti e i difetti che gli riconosco? L'alternativa è focalizzarsi solo sui sentimenti, chiuderla perchè non sono innamorata e continuare a cercare, per non trovare magari nulla e ritrovarmi un domani “dura e pura“ ma senza la famiglia che sogno di avere. Sono abbastanza confusa e un po' angosciata, ho bisogno di fare chiarezza... Sto sbagliando a fondare il mio futuro su queste premesse? Mi inganno a pensare che potrei essere felice anche così?

Cara Ilenia, ritengo che il suo farsi la domanda se agire in questo modo va bene per la sua vita e il suo momento di confusione forse sono indice che non è sicura della sua scelta sentimentale. Posto che avere una relazione sentimentale e una famiglia possono essere desideri, forti ritengo che affinchè questo tipo di vita sia appagante è necessario stare bene con se stessi.  Sono d’accordo con il colleghi sul fatto che la risposta ai suoi dubbi è dentro di lei. Deve solo farla emergere. Alcuni colloqui di orientamento potrebbero far luce sul suo “vero” desiderio.  Sono altresì convinta che se non si trova appagamento in una relazione meglio per un periodo star soli, concentrarsi su di sé, far cose che possono piacere e gratificanti per sé. Poi quadno un soggetto è pronto ad amare le occasioni di relazione si presentano puntuali nella sua vita.  Non escluderei il fatto di poter provare un amore romantico per il quale non ci sono limiti di età. 

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web