Dott.ssa Simona Di Leo Boato

Dott.ssa Simona Di Leo Boato

psicologo, psicoterapeuta, consulente sessuale

In modi vari faccio sempre fallire i miei tentativi con le ragazze.

Sono C., ho bisogno di un vostro parere. Ho 48 anni e non ho mai avuto una ragazza, ho avuto molte relazioni sessuali ma tutte a pagamento, cerchero' di riassumere in breve la mia storia per inquadrare meglio il discorso. Premesso che non ho dubbi sulla mia eterosessualita', ho iniziato ad interessarmi alle ragazze verso i 18 anni, dai 18 ai 23 anni non ho avuto nessuna storia, solo rifiuti, alche' ho iniziato ad odiare le donne, convinto che la colpa era loro se non riuscivo a conquistare una ragazza. Questo e' andato avanti per circa 15 anni, a 38 anni ho trovato una persona che mi ha di nuovo fatto battere il cuore, ma il risultato e' stato sempre lo stesso. Dopo 4 mesi di profonda depressione sono riuscito a riprendermi e ho ricominciato la mia ricerca, ma nonostante tutto fino ad oggi i miei risultati sono stati sempre quelli,riesco a far interessare a me le ragazze, sono una persona simpatica ed estroversa, ma al momento di concludere il risultato e' sempre quello: “sei una persona stupenda ma siamo solo amici“, questa frase e' diventata il mio tormento. Anche le poche volte che nella mia vita sono riuscito ad uscire da solo con una ragazza (5 o 6) al momento di concludere mi blocco e non riesco a parlare e fare qualsiasi cosa, con ovvi risultati. Ormai mi sono convinto che il problema e' nella mia testa, in modi vari faccio sempre fallire i miei tentativi. Venerdi' ho raggiunto l'apice, sono riuscito ad organizzare un'uscita per un gelato con una ragazza che conosco da 2 anni, era la prima volta che accettava di uscire da sola con me, dopo una serata perfetta dove abbiamo parlato, scherzato, creato feeling la invito a salire da me, accetta senza dubbi. Continuiamo a parlare, scherzare, giocare, ma ovviamente ad un certo punto gli argomenti finiscono, le mi guarda negli occhi come a dirmi“ insomma, adesso che si fa?“ Ed io sono rimasto muto a guardarla come un deficente, dentro di me volevo abbracciarla, baciarla, coccolarla, ma qualcosa mi ha completamente paralizzato, e lei ovviamente con la scusa che era stanca se ne e' andata, posso solo immaginare cosa pensa lei adesso di me. Avevo tutto su un piatto d'argento e l'ho sprecato come al solito. Sono 3 giorni che questa cosa mi rimbalza nella testa, dormo pochissimo, non riesco a concentrarmi, datemi un consiglio...

Buongiorno,

il momento in cui si decide di occuparsi di un proprio problema è un momento molto importante perchè testimonia che stanno emergendo le risorse necessarie a questo fine.

Le consiglio dunque di approfondire la questione in modo serio attraverso un percorso di consulenza psicologica.

Le difficoltà che viviamo, gli eventi ripetitivi appoggiano su precise motivazioni che vanno ricercate nella propria storia personale, affettiva e relazionale. Solitamente quando si mette a fuoco il quadro, si dà un senso a ciò che apparentemente sfugge, si conquistano elementi per decifrare la propria esperienza, poi è necessario un lavoro di carattere emotivo per integrare questioni irrisolte e parti di sè che ostacolano il cambiamento.

Rimango a disposizione

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web