Dott.ssa Ylayaly Blasi

Dott.ssa Ylayaly Blasi

psicologa, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

Perchè il mio bambino di quasi 3 anni è aggressivo con i bimbi più piccoli?

Buonasera. Il mio bambino di quasi 3 anni è aggressivo con i bimbi più piccoli: non vuole giocare con loro, non vuole che tocchino i suoi giochi, li spinge, da pizzicotti o botte. Non riusciamo a spiegarci il motivo... anche perché con i bimbi più grandi va tutto bene... a casa e all'asilo è tutto ok. E' un bambino buono, tranquillo in genere, molto furbo sì... ma di sicuro non aggressivo. Gli abbiamo spiegato che si gioca sia con i grandi che con i piccoli... ma lui risponde che “con i piccoli non ci gioca perché sono piccoli“. Di solito riesco a capire se ha un disagio o comunque qualcosa che non lo fa stare bene, ma questo proprio non riusciamo a spiegarlo. Perché fa così? che cosa dobbiamo fare? Se lo brontoliamo sul momento fa ancora peggio... non sappiamo come fare. Vi prego di rispondere. Grazie in anticipo. Mamma Sara

Cara Sara,

in realtà vorrei risponderti più precisamente di come farò oggi ma la tua descrizione è poco dettagliata (non riporti caratteristiche delle circostanze in cui il comportamento si verifica, nè esempi specifici) e per questo motivo ti suggerisco subito una consulenza con uno psicoterapeuta il quale con tempi brevissimi saprà indirizzarti per la strada giusta da percorrere. Lo psicoterapeuta vi chiederà di seguire alcune istruzioni con lo scopo di modificare circostanze e/o esiti del comportamento del bambino.

In generale posso dirti che se il vostro scopo è quello di far si che il vostro piccolino giochi serenamente anche con i bambini più piccoli sarà molto importante valorizzarlo/premiarlo per ogni piccolo gesto (davvero anche minimo) in tal senso per es: accostarsi al bimbo più piccolo, stargli semplicemente seduto accanto, porgergli un oggetto ecc. Inoltre potreste stabilire con lui un premio (es: lo svolgimento di qualche attività che a lui piace molto) che riceverà a condizione che riesca a stare accanto al bambino più piccolo senza fargli male. In questo caso le condizioni, il comportamento e gli esisti sono stabiliti e comunicati al bambino prima che si verifichi la situazione problematica.

Coraggio Sara. A presto

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web