Dott. Edoardo Guerrieri

leggi (5)

Dott. Edoardo Guerrieri

Psicologo, Psicoterapeuta

Cosa non va in me?

Ciao, sono una ragazza di 21 anni e non riesco più ad andare avanti. Vorrei davvero capire quale sia il mio problema, così potrei affrontarlo meglio.

So di non essere felice per niente, so cosa non mi piace di me, ma non riesco precisamente a capire il mio problema, e di conseguenza non so risolverlo. Ho un'autostima molto bassa.

Mi vedo brutta, o meglio mi vedo strana. Sono costantemente in imbarazzo per quello che sono come persona, sia esteticamente che interiormente. Mi sento sempre inferiore agli altri, da sempre. Ho molta ansia, mi capita di avere attacchi di panico molto spesso, di tremare, di non avere aria.

Ho dei momenti in cui sono completamente a terra emotivamente, perché mi odio e vorrei essere diversa in tutto e per tutto. Cerco costantemente di cambiare, di crescere, ma non riesco mai a finire quello che inizio. Parto con entusiasmo, progetti, voglia di essere diversa, ma a metà strada mi demoralizzo, mi viene ansia e tutto va in frantumi. È come se non riuscissi ad accettarmi, e per questo per me è anche difficile avere una relazione.

Se inizio a frequentare un ragazzo, sono troppo impegnata a pensare a come mi vede l'altro, a dove sbaglio, al mio aspetto, che a me non piace, a quanto sono imbranata, e finisco per troncare la cosa, dato l'eccessivo stress che mi causa. Questo mi fa star male. Sono arrivata a farmi del male fisicamente, in certe occasioni, perché troppo soppraffatta dall'odio per me stessa, dall'imbarazzo dell'essere me.

Mi sembra di star vomitando parole perché è difficile esprimere il caos che ho in testa ogni santo giorno, che non mi fa dormire, che mi fa pensare che sia inutile vivere.

Cosa non va in me? Perché non posso essere felice? Apparire sfigata, ridicola o strana agli occhi degli altri è la mia più grande paura, e questo mi porta a evitare certe situazioni.

Sono realista o pessimista? Ho una tale confusione, non ce la faccio più.

Come posso aiutarmi?

Cara ragazza,

se ho ben capito provi vergogna per quella che sei, e non ti piaci sia fuori che dentro, al punto da arrivare ad odiarti, al punto da preferire di startene in disparte. Vorresti cambiare, vivere in un modo diverso, migliore, la tua vita, ma con tutto il disprezzo che nutri nei tuoi confronti è faticoso riuscirci. Ti chiedo, secondo te, il tuo detestarti ed odiarti ti incoraggia a non arrenderti nelle difficoltà, o contribuisce a farti sprofondare nell'abisso del tuo dolore? Ricorda, non sei la sola a sentirti così, fa un altro passo e chiedi aiuto a chi ti vuol bene, e a chi ha le competenze per prestarti soccorso. Coraggio. 

domande e risposte

Dott.Edoardo Guerrieri

Psicologo, Psicoterapeuta - Firenze - Lucca

  • Psicoterapia individuale e di coppia
  • Ansia
  • Cura degli attacchi di panico
  • Depressione
  • Problemi relazionali, interpersonali e di coppia
  • Disturbi sessuali
  • Problematiche legate all'autostima
  • Crescita Personale ed Esistenziale
  • Terapia di coppia
  • Psicoterapia psicodinamica
  • Terapia breve strategica
  • Supporto Psicologico Online
CONTATTAMI