Dott.ssa Annalisa Incampo

Dott.ssa Annalisa Incampo

Psicologa, Psicoterapeuta

Come capire se si tende al narcisismo/borderline

Buongiorno,
Ultimamente sto notando che le persone tendono ad allontanarsi da me e quando non lo fanno loro spesso lo faccio io.
La dinamica è quasi sempre la stessa, all'interno di un gruppo passo inosservata per i più e con pochi, o pochissimi, stringo un'amicizia viscerale (quasi sorellanza/fratellanza) che culmina sempre in un allontanamento. Ho pochi amici e generalmente molto selezionati, per mia indole, però tutto sommato non risulto una persona sgradevole e riesco ad integrarmi nei diversi contesti sociali. Almeno questo è quello che io penso. In realtà sto inziando un percorso che mi ha portata a trovarmi in un nuovo gruppo con persone sconosciute. Mi sono accorta di essere un po' "esiliata" dal gruppo e questo mi ha spinto a chiedermi perché e se potesse essere collegato al fatto che alla lunga le persone si allontanano da me o io allontano loro. Tra le varie risposte che mi sono data ci sono:

1) forse la mia amicizia stretta con X ci ha fatto percepire come gruppo a sé dagli altri, anche se penso di aver provato a non dare questa immagine interagendo con gli altri o mettendomi a disposizione per il gruppo

2) forse dentro me c'è una tendenza al narcisismo che coniugata alla mia incapacità di mentire porta a questi risultati, perché spesso mi ritrovo a pensare che la maggior parte delle persone non è in grado di capirmi, non solo come persona, ma anche a livello di collegamenti logici o fattori a cui io penso immediatamente, mentre gli altri trascurano (dandomi poi dell'ansiogena e paranoica nell'immediato e ragione a lungo termine).

Ho molto pensato al gioco dei ruoli e a che ruolo giocassi io (prevalentemente) all'interno dei diversi contesti sociali e non sono riuscita a rispondere alla domanda: sono io l'ancora di alcuni o io mi ancoro a pochi?

La prima risposta mi permette di spiegare la mia tendenza a fare la crocerossina e ad affezionarmi agli altri e soprattutto ai loro problemi e la seconda invece mi permette di spiegare la mia estrema selettività ed attrazione verso persone completamente opposte a me. Ma soprattutto mi chiedo come posso migliorare e cosa devo migliorare? Non capisco dove sbaglio e questo fa crescere in me l'ansia da "prestazione sociale" (che somatizzo con forti emicranie prima-durante e dopo gli incontri con il gruppo) nonché la forte paura di sbagliare, la forte necessità di dovermi sempre far notare con discorsi brillanti o uscite simpatiche che quasi mai vengono considerati nonostante il mio impegno per formularli e quindi la paura di sembrare ridicola.
Infine, vorrei chiedere se fosse possibile consigliarmi delle letture in merito, ho già letto messaggio per un'aquila che si crede un pollo sia il dhammapada ma pur avendoli trovati illuminanti non hanno centrato il punto.

Buon pomeriggio Debora,

da quello che scrive si deduce che, più che una tendenza a fare la “crocerossina”, lei anticipa la situazione dell’incontro con l’altro in maniera stressante e ansiogena, per qualche ragione; di conseguenza arriva agli appuntamenti con questo gruppo molto preoccupata e, probabilmente per questo, non riesce ad essere spontanea e a godersi una serata in compagnia. Ci sarebbe da inquadrare questa situazione, in maniera da capire se è legata ad un periodo suo, in cui avverte un maggiore stato di allerta e in relazione a cosa/situazione/momenti di vita particolari oppure se questa ansia possa essere legata al suo avvertire una  valutazione altrui.

Non so se già ha fatto o sta facendo un percorso psicoterapeutico, visto che nel titolo riporta le parole narcisismo e borderline; comunque, dato questo stato di ansia da “prestazione sociale”, certamente sarebbe auspicabile rivolgersi ad un esperto per approfondire il come e il perché di un determinato stato umorale e cercare di migliorare il modo in cui si ritrova e si sente in certe situazioni.

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web