Soffro molto per non riuscire ad avere un bel rapporto con la mia famiglia

Buongiorno,mi presento: ho 22 anni e sto cercando di capire cosa mi stia succedendo. Sono la prima di 3 figli, mio padre è un medico e soffro molto per non riuscire ad avere un bel rapporto con lui. Ho sempre sentito un forte “obbligo“ nei suoi confronti e penso sia cominciato tutto (o almeno io ho iniziato a vederla così) quando la mia scelta universitaria non è stata quella che lui avrebbe voluto per me, cioè medicina; ho una sorella a cui sono molto legata ma abbiamo sempre avuto caratteri diversi. Io ero quella più responsabile, quella più quieta che non doveva combinar danni. Lei la “monella“, quella che durante l'adolescenza ne ha combinate tante. Ad oggi, il rapporto con i miei, anche con mia madre che da sempre era mia “complice“, si è incrinato. Mia sorella ha voluto seguire le orme di mio padre e l'ha reso davvero felice. Io invece ho dovuto sopportare lui che per i primi mesi di università non mi rivolgeva la parola. Non sono invidiosa di lei, ma del rapporto che riesce ad avere con i miei. Sono bloccata, non ho più un dialogo con loro e quando parliamo tutto finisce sugli studi e mi sento in colpa per non aver fatto quello che loro desideravano. Anche mia madre ora mi attacca dicendo che sono esaurita e che “sclero“ per niente. Ultimamente è come se per loro io non esista più. Se notano la mia presenza è solo per dirmi di tornare a studiare. Mio padre soffre di depressione da tempo e per me era questa la causa del suo malessere, dei suoi modi “duri“ di relazionarsi con noi. Ma ora vedo che si comporta così, come se non fosse orgoglioso, solo con me. Ho sempre sfogato il nervosismo piangendo, mi sono odiata per questo. Soprattutto ora mi capita spesso di discutere con loro anche di cose non riguardanti l'università (come ad esempio il fatto di voler andare a trovare il mio ragazzo che studia in un'altra città) e quando vedo che non mi appoggiano, scoppio in lacrime e non riesco più a discutere perchè ora anche mia sorella mi da della bambina per la reazione che ho. So di essere un po' confusionaria, ma spero di aver reso l'idea di quello che mi sta succedendo. Mi chiedo: cosa posso fare? Mi rifugio nello studio solo per poter andare via da questa casa il prima possibile, ma dai problemi non si scappa, quindi? Come posso affrontare queste situazioni? E non mostrarmi “debole“ davanti a loro, quando piango? Grazie davvero tanto!

Ciao Milly, hai riportato molto chiaramente la tua situazione che credo sia davvero complessa quanto molto comune, direi. E' chiaro e comprensibile il tuo vissuto di confusione, così come lo è la tua disperazione per il "non essere vista" da tua padre... il bisogno di riconoscimento e di approvazione dei genitori è fondamentale per un giovane adulto in fase di svincolo, come lo sei tu. Capirai bene che non sia semplice, nè possibile darti "istruzioni per l'uso" per agire al meglio, non ci sono ricette prestampate, ma di certo è utile che tu ti faccia accompagnare in questo percorso di "uscita dal nido" nel migliore dei modi e ricucendo, per quanto possibile, lo strappo con la tua famiglia di origine per meglio garantirti l'uscita. Il punto non è mostrarti "debole" o "forte", ma mostrarti consapevole delle tue scelte. Immagino che anche i tuoi genitori, da quanto emerge dal tuo racconto, avranno delle personali difficoltà che li porta a "cristallizzarsi" sul raggiungimento di uno status sociale per le figlie "ad ogni costo", anche se forzata e a scapito della costruzione di un progetto di vita che sia invece liberamente scelto. Ciò, a onor del vero, sacrifica e "imprigiona" non solo te nel tuo senso di colpa, ma paradossalmente anche tua sorella che ora "non lo vede", né lo ammette... ma se ci trovassimo a parlarne... verrebbe fuori materiale interessante, sai, ma il tutto in un contesto "protetto" quale quello terapeutico.

Sento di consigliarti di intraprendere un percorso di psicoterapia sistemico-familiare, l'unico che a mio avviso potrebbe esserti davvero utile. Resto a tua disposizione per qualsiasi delucidazione o consulenza.

Spero di aver, almeno in parte, soddisfatto la tua richiesta.

Un caro saluto,

domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web