Dott.ssa Donatella Cantu

Dott.ssa Donatella Cantu

Dott

informazioni di contatto

Via Donatello, 2 - 20851 Lissone (MB)

Tel: 3474133913

presentazione

Oltre al percorso di studi e specializzazione che accomuna la maggior parte degli psicoterapeuti che potete incontrare,  appartiene invece a pochi  l’esperienza che ho maturato in  oltre  quaranta anni di attivita' clinica e trentacinque di attivita' psicoterapeutica  Questo mi permette di avvicinare e trattare   non solo i sintomi, ma le persone che mi portano le loro storie  con le sofferenze psicologiche più frequenti nella nostra epoca di incertezza e solitudine:  senso di inadeguatezza e inefficacia, attacchi di panico, ansia, depressione e fobie.

Sono laureata dal 1978, specializzata in terapia sistemico-relazionale dal 1990 e sono stata docente in una scuola riconosciuta di formazione per psicoterapeuti.

Avendo lavorato con oltre quattrocento famiglie, ho messo a disposizione la specializzazione in terapia sistemico-relazionale nel  trattamento delle problematiche familiari, anche adottive.

Sono stata coordinatore per molti anni del Consultorio Familiare di Monza e ha pubblicato diversi articoli scientifici. Sono stata relatrice in congressi nazionali, tra i quali il primo Congresso Nazionale della Federazione Italiana delle associazioni di Psicoterapia a  Sorrento nel 2000.

Sono formata come psicoterapauta EMDR da oltre quindici anni.  L'efficacia della  terapia EMDR è comprovata da numerosi studi neurofisiologici e più di 44 studi controllati condotti su pazienti traumatizzati e documentato in centinaia di pubblicazioni che ne riportano l’efficacia nel trattamento di numerose psicopatologie inclusi la depressione, l’ansia, le fobie, il lutto acuto, i sintomi somatici e le dipendenze.

Dopo  il corso base  ho proseguito nei vari livelli di  competenza riconosciuti dall'Associazione, fino ad arrivare nel 2016 ad ottenere  il  certificato europeo di Supervisore.   

In una visione olistica della persona, posso integrare la psicoterapia con il neurofeeedback dinamico,  general welless device approvato dalla DFA. E’ l'allenatore cerebrale più innovativo e performante al mondo, ormai comune in  Canada e Francia, che ottimizza le prestazioni del cervello e agevola la psicoterapia grazie ad un software sofisticato.

 

leggi altro

Approccio

Nell'immaginario collettivo la psicoterapia è una strada lunga e incerta; questo è uno dei motivi che spingono alcuni a tardare nella scelta di intraprenderla. Smentendo una visione che appartiene al passato,  le psicoterapie più recenti sono più efficaci e mirate. Tra queste l'EMDR:  un approccio strutturato ed efficace.
 Ma quale psicoterapeuta scegliere? Per un buon risultato sono necessarie : l’empatia tra terapeuta e paziente, l’alleanza terapeutica, cioè la relazione di fiducia tra loro due, la condivisione degli obiettivi, la motivazione del paziente a intraprendere il percorso.

Mi guida nel lavoro la viisione olistica della persona, con la sua storia, i suoi desideri e le sue relazioni. Questo mi permette di integrare il suo sistema familiare con il suo sistema interno, cioè il suo mondo emotivo. Lì vivono  le  emozioni,  non ancora ascoltate,   che   esprimono la loro sofferenza nei sintomi e che aspettano di essere  condivise  e comprese per non avere più bisogno di comunicare utilizzando  il malessere. . 

 

leggi altro

aree di competenza

  • Terapeuta EMDR
  • Ansia generalizzata
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare
  • Elaborazione del lutto

Il potere che c'è nella nostra mente ci permette di cambiare. Saperlo ci da' forza

Formazione professionale

Sono laureata dal 1978 in psicologia all'Università di Padova, specializzata in terapia sistemico-relazionale dal 1990, iscritta all'elenco degli psicoterapeuti della Lombardia dal 1992

 Dal 1978 al 1990 ho lavorato come psicologa nell' equipe medico-psicopedagogica del CSZ Monza 1/Nord Ovest;  dal 1990 al 2016 come psicologa nel Consultorio Familiare di Monza.

Dal 1990 al 1997 sono stata docente in nella scuola riconosciuta   di specializzazione in psicoterapia  sistemico-relazionale  " Centro per l’analisi dei sistemi e la terapia della famiglia di Milano” nella Scuola di specializzazione post laurea in psicoterapia sistemico-relazionale.  

Ho conseguito l'attestazione per applicare il training autogeno.

Ho completato la formazione come terapeuta EMDR nel 2011 e dal 2016 ho conseguito il certificato europeo come supervisore.

Nel 2021 mi  sono formata nella  flash tecnique, una psicoterapia innovativa che permette di elaborare anche i traumi più disturbanti in una situazione di sicurezza emotiva

Dal 2005 lavoro come libera professinista nel mio studio a Lissone, in via Donatello, 2.

leggi altro

Ambiti di intervento

Lavoro con adulti, adolescenti, coppie e famiglie. Ho maturato una solida competenza nel trattare le problematiche genitoriali e familiari, anche quelle adottive. 

leggi altro

Disturbi trattati

La teoria di riferimento della psicoterapia EMDR legge  i sintomi attuali collegati alle  esperienze avverse del passato; questo mi permette di occuparmi delle persone sofferenti utilizzando una visione transdiagnostica. Significa partire  dalle cause e non dai sintomi : depressione, ansia, attacchi di panico,  fobie, ritardo nel conseguimento di un obiettivo, disturbi della sfera sessuale, difficoltà relazionali in famiglia o nel posto di lavoro, dipendenze possono essere trattate efficacemente con questo approccio.  

leggi altro

Tipologia di interventi

Consulenza, sostegno, psicoterapia  del singolo, della coppia e della famiglia. 

leggi altro

Esperienze lavorative

 Dal 1978 al 1990 ho lavorato come psicologa nell' equipe medico-psicopedagogica del CSZ Monza 1/Nord Ovest, con funzioni di diagnosi dei disturbi dell'età evolutiva, consulenza ai docenti  e sostegno alla  famiglia del bambino; dal 1990 al 2016 come psicologa nel Consultorio Familiare di Monza, del quale sono stata anche coordinatrice. Come previsto dalla legge istitutiva dei Consultori Familiari, mi sono occupata del sostegno e della terapia psicologica al singolo, la coppia e la famiglia, nelle aree del disagio psicologico, della sessualità, della maternità, della genitorialità. Su mandato del Tribunale per i Minorenni mi sono occupata della valutazione delle coppie aspiranti adottive e del sostegno all'intero nucleo dopo l'arrivo del minore. 

Dal 2005 lavoro come libera professionista nel mio studio  in via Donatello, 2 a Lissone

leggi altro

Partecipazioni

RELAZIONI A CONGRESSI

Relatore nel 1998 al IV Congresso Nazionale SIRTS, Milano.

Relatore nel 2001 al V Congresso nazionale SIRTS, Modena.

Relatore nel 2000 al I Congresso Nazionale della Federazione Italiana delle associazioni di Psicoterapia,  Sorrento    

Relatore nel 2014 al Convegno "Curare i legami",    Monza                  

leggi altro

costo servizi

Descrizione servizio Prezzo
colloquio psicologico Da € 80.00
colloquio psicoterapia Da € 90.00
seduta di coppia o familiare Da € 120.00

pubblicazioni

 “Progetto ADO”, un servizio di libero accesso per famiglie che affrontano l’esperienza con bambini adottivi.

In Atti del Congresso “Il Consultorio Familiare” II Convegno Nazionale, Pisa
CIC Edizioni Internazionali, 1997, Roma

 

– Quando adottare un bambino non basta per diventare genitori.

In Abstracts del IV Congresso Nazionale S.I.R.T.S., Milano 1998

 

– Donne che chiedono di abortire: ipotesi di lavoro oltre l’analisi statistica dei dati.

In “Prospettive Sociali e Sanitarie” n.17, ottobre 1998

 

 – Storie di cui non si vuole sapere più nulla. A proposito di adozione “particolare”.

In “Ecologia della mente” 2/98

 

– Bisogno di normalità e nodi evolutivi nell’adozione del figlio dell’altro coniuge.

In “Minorigiustizia” 4/2000

 

– Prevenzione delle recidive di I.V.G.

In “Prospettive Sociali e Sanitarie”  n.11, giugno 2000

 

– Alla ricerca dei requisiti di genitorialità: perché non basta il desiderio per adottare un bambino.

In “Minorigiustizia” 4/2000

 

– I molteplici travestimenti della domanda in favore del minore: per chi lavora l’istituzione?

In “Minorigiustizia” 4/ 2001

 

– Funzioni genitoriali e disfunzioni relazionali nell’adozione. 

In “Il Ruolo Terapeutico” Gennaio 2002

 

leggi altro

ultime domande e risposte

Come posso evitare o essere indifferente all'orbiting di un narcisista covert?

Buongiorno, sono ormai diversi anni che il mio ex fidanzato si diverte a farmi orbiting su svariati social (Instagram e Linkedin ); quello che fa tendenzialmente e' visualizzare storie e profilo... [ ... ]

2 risposte

leggi

ultimi articoli pubblicati

Bisogno di normalità e nodi evolutivi nell'adozione del figlio dell'altro coniuge

Oltre che per quelli in stato di abbandono, la legge 184/83 prevede l’adozione di minori che si trovano  anche in altre situazioni, per  “casi particolari”, che specifica.. Nel volume complessivo del lavoro sull’adozione,  i servizi territoriali  incontrano una percentuale costante, seppur bassa, di richieste relative all’articolo 44, solitamente quelle di coniugi che chiedono di adottare il figlio dell’altro coniuge, che rientrano nella previsione dell’art. 44, lett. b)., [ ... ]

05 Giugno 2024

leggi

Genitorialità tentata tra idealizzazione e fallimento

Il tema della genitorialità ha stimolato riflessioni utili per comprendere come tale funzione si organizza dialogando con risorse e significati sia individuali che relazionali; le ipotesi prodotte hanno illuminato un argomento che appare sempre più interessante ed articolato su più versanti., [ ... ]

04 Giugno 2024

leggi

I molteplici travestimenti della domanda in favore del minore: per chi lavora l'istituzione?

Chi si rivolge ai servizi (sociali, educativi, sanitari, giudiziari) che forniscono prestazioni per i bambini non si dichiara destinatario dell’intervento, non desidera una prestazione per sé e porta la domanda per qualcun altro non in grado di formularla, il bambino. Tuttavia, accade spesso che sia proprio l’adulto ad usufruire di questo spazio istituzionale di aiuto., [ ... ]

04 Giugno 2024

leggi

Storie di cui non si vuole sapere più nulla: a proposito di adozione in casi particolari

La legge 184/83, che disciplina l’adozione, negli articoli 6 e 7 descrive le condizioni che permettono l’adozione di bambini in stato di abbandono. Oltre a queste situazioni, più frequenti e conosciute, la legge ne prevede altre regolate dall’articolo 44, il quale permette l’adozione dei minori “in casi particolari”., [ ... ]

04 Giugno 2024

leggi
[tutti gli articoli]
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia col n. 28 dal 15-01-1990

Scrivimi su WhatsApp, ti rispondero' nel più breve tempo possibile.

whatsapp

Hai avuto un appuntamento con la Dott.ssa Donatella Cantu?

Scrivi una recensione e parlaci della tua esperienza!

lascia una recensione