Dott.ssa Giovanna Are

leggi (26)

Dott.ssa Giovanna Are

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo

Come posso darmi un limite?

Salve, sono una ragazza di 24 anni, da quando sono adolescente nel weekend ho l'abitudine di bere alcolici, ho sempre saputo di non saper gestire questo consumo, infatti rispetto all'adolescenza ho avuto dei notevoli miglioramenti, ora come ora alle volte capitano episodi spiacevoli perché non riesco a darmi un limite, uno stop.
Da adolescente sentivo il bisogno di bere per allontanarmi dalla realtà, sono figlia unica all'età di 15 anni i miei genitori si sono separati, ho uno splendido rapporto con mia mamma, meno con mio padre, ho preso la decisione di non schierarmi da nessuna delle parti, ho sempre provato a costruire un rapporto con mio padre (che soffre di una depressione non diagnosticata da un medico ma palese ai miei occhi) senza grandi risultati, spesso passano anche mesi senza sentirci, dove puntualmente sono io a chiamarlo. Con ciò sono pienamente cosciente di aver maturato la paura dell'abbandono che riscontro sia con le amicizie che con i ragazzi, ma a questo sto lavorando.
Ora come ora mi reputo una persona felice, sono un'infermiera, ho un lavoro, dopo anni di relazioni con ragazzi sbagliati, instabili mentalmente sono riuscita a liberarmi di tutte le persone negative.
Nonostante la mia serenità attuale, non ho ancora imparato a gestire il consumo di alcolici, continuo a ricadere nel solito errore. Mi rendo conto di diventare pesante, infantile agli occhi delle persone che mi circondano, ed anche se mi vogliono bene non voglio essere un peso per loro. Capirei benissimo se prendessero le distanze da me.
Non vorrei diventare astemia, vorrei solo imparare a gestire questa situazione.

Ciao,

ho letto con attenzione la tua mail scritta con tono sereno ma molto contrastante nei contenuti.

Il quesito numero uno pare sia quello di moderare l'uso di alcolici ma non vuoi diventare. Tutto il resto sembra ruotare intorno alla tua crescita in ambiente familiare non sereno.

I tuoi genitori si separano:ottimo il rapporto con la mamma, difficile con il papà. Ritieni di aver sofferto di sindrome di abbandono ormai risolta: Come? Con l'aiuto di chi e attraverso quale strategia.

Certa anche la diagnosi sul papà di depressione non diagnosticata però da professionista qualificato:

Secondo me nel tuo vissuto troppo "fai da te", certo molto coraggio purtroppo questo non sempre basta.

Comunque per quanto riguarda la diminuzione dell' uso degli alcolici una psicoterapia cognitivo comportamentale può essere efficace nella quale non escludere una rivalutazione delle esperienze vissute nell'accertamento di qualche probabile piccolo trauma.

Spero di esserti stata utile.

 

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaPamela Rigotti

Psicologo, Psicoterapeuta - Udine - Gorizia

  • Disturbi alimentari
  • Disturbi d'ansia
  • Terapia di coppia
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Trattamento dei traumi con tecnica E.M.D.R.
  • Depressione
visita sito web