Mio figlio di 6 anni e mezzo manifesta apertamente il suo desiderio di essere donna

Salve, mi chiamo Stefania e scrivo per cercare una risposta ad alcuni atteggiamenti messi in atto da mio figlio di 6 anni e mezzo. Periodicamente si chiude nella sua stanza ed indossa le mie scarpe, inoltre manifesta apertamente il suo desiderio di essere donna perche' dice che le donne sn piu' gentili mentre i maschi sn aggressivi. Riguardo all' abbigliamento dice che gli piacerebbe indossare gonne, maglie colorate perche' quello dei maschietti nn e' scintillante.. Aveva una bambolina come amica immaginaria che mio marito ha buttato e guarda cartoni animati nn ' aggressivi' ma tipicamente femminili anche se nn disdegna cartoni come spiderman o timmy tarner. Per questo motivo viene preso in giro dai suoi compagni di classe.. E' un bambino molto sensibile e intelligente ha da 2 anni persino la " fidanzatina" ( per questo mi destabilizza) ma nn riesce a legare piu' di tanto con i bimbi del suo stesso sesso...e devo ammettere che ha un rapporto conflittuale con il papa' con il quale nn condivide nulla, un po' perche' mio marito rientra tardi da lavoro e quindi e' "stanco" un po' perche' nn c'e' una vera complicita' tra i due per via di una rigidita' mentale da parte di mio marito, da qui gli scontri.... Ha invece con me un rapporto affettivo molto forte.... Spero di aver spiegato dettagliatamente la situazione e di avere una risposta circa il comportamento che devo adottare quando mi confida il suo desiderio che avrebbe voluto nascere donna...grazie di cuore
Salve Stefania, ha spiegato dettagliatamente la situazione che riguarda suo figlio. Capita a volte che i bambini scelgano di mettere in atto comportamenti che appartengono al sesso opposto, per loro si tratta di un gioco e spesso i giochi del sesso opposto (specialmente se si tratta di fratelli o sorelle) attraggono, solo perché sono nuovi. Mi è capitato di conoscere bambini, anche maschietti, che sceglievano comportamenti e giochi tipicamente femminili, uno di loro, all’età di due anni amava osservare la lavatrice (l’ha proprio pretesa come regalo per natale) e utilizzare accessori per le pulizie della casa. La spiegazione? Ciascuno di noi apprende ciò che vede, specialmente i bambini. Probabilmente suo figlio osserva più spesso lei o altre eventuali donne (nonna, baby-sitter,parenti, ecc.) presenti in casa o in famiglia, semplicemente perché passa più tempo con lei o con loro, dato che il padre rientra tardi dal lavoro e sono poco complici, quindi con lui ci si identifica poco. Anche il suo dire che le donne sono più gentili mentre i maschi sono aggressivi, riflette la relazione che ha con i propri genitori (quindi con lei e con suo marito) e probabilmente, vedendo nella sua mamma più gentilezza rispetto al papà, generalizza il pensiero a tutte le donne. Viene da sé che suo figlio sia più sensibile. Va bene così. Vorrà dire che la sua sensibilità lo aiuterà a svolgere, da grande, professioni specifiche che richiedono questa competenza. Del resto non si tratta altro che di convenzioni sociali. Se una maschietto preferisce cose femminili non va bene, ma se una femminuccia sceglie cose maschili allora va tutto bene e non ci preoccupa. Per quanto riguarda il comportamento da adottare con lui quando le confida il suo desiderio di aver voluto nascere donna, può semplicemente spiegargli che anche nascere uomo ha tanti vantaggi e non esclude assolutamente la possibilità di essere sensibile e fare tutto ciò che una donna può (magari può chiedere proprio a lui quali altri vantaggi comporta per lui essere donna e, laddove possibile, integrarli col suo esser nato maschietto). Importante è non bloccare questo suo modo di fare, ma lasciare a lui la possibilità di manifestare ciò che sente. Spesso si tratta solo di fasi di passaggio.
domande e risposte
AREA PROMO

Dott.ssaAntonella Lauretano

Psicologa, Psicoterapeuta - Siena - Grosseto

  • Disturbi psicosomatici
  • Terapia familiare
  • Psicoterapia di coppia
  • Psicoterapia sitemica-relazionale
  • Disturbi d'ansia
  • Psicologia dell'infanzia e dell'adolescenza
visita sito web