Dott.ssa Marina Belleggia

leggi (6)

Dott.ssa Marina Belleggia

psicologo, psicoterapeuta, analista transazionale

Sono sotto stress e molto spesso penso al suicidio

Ho 21 anni e per me questo è un periodo un po' strano.. Diciamo che tutto è iniziato quest'estate, alla fine della sessione d'esami estiva. non avevo voglia di uscire, di sentire nessuno..volevo stare sola, per fatti miei, senza che nessuno mi disturbasse. Ma non sapevo i motivi di questo mio comportamento.. All'inizio dicevo stanchezza per un intero inverno passato a studiare.. Non so se illudevo me stessa dicendo cosi.. Ma penso che la stanchezza prima o poi ti passa.. E io invece come ero a luglio lo sono ora anzi peggio addirittura.. Perché almeno a luglio volevo andare al mare, ogni tanto mi andava di uscire.. A fine estate invece apatia totale.. Ho allontanato molte mie aniche da me per questo motivo.. Sembrava mi fossi ripresa un minimo dopo gli esami di settembre ma ogni volta che mi propongo di reagire e cercare di essere più forte succede qualcosa che mi fa crollare il mondo addosso di nuovo.. Sono fidanzata e nell'ultimo periodo ho litigato spesso con il mio fidanzato perché sembra che non ci capiamo.. Quando litigo con lui mi capita una cosa molto strana... Io è come se mi trasformo e divento un'altra persona.. Cioè nel momento in cui litighiamo gliene dico di tutti i colori, faccio scenate assurde.. Appena mi calmo è come se nulla fosse successo, mi dimentico di tutto e sono normalissima. Ovviamente io, essendomi "dimenticata" di tutto, vorrei fare pace subito, mentre lui, "scioccato" di tutte le mie scenate no.. E ci resto male di questo.. Questo mio comportamento credo che non sia normale, anche perche io mi reputo incapace di intendere e di volere in quei momenti.. È una malattia questa? Si può curare? Tornando al discorso di prima, in quest'ultimo periodo sono di nuovo apatica, ogni volta che vorrei fare una cosa non si può fare e ci resto male, piango per le cose più futili che esistono.. Sono sotto stress per lo studio (studio giurisprudenza e adesso entro al 3 anno.. Ho odiato profondamente diritto privato e credo che sia anche questo uno dei motivi per cui sono adesso a questo punto) perche non riesco a rendere quanto vorrei... E molto spesso penso al suicidio.. Ci ho pure provato ma ho paura.. E questa paura ogni volta mi blocca.. Credo che non Sia normale a 21 anni pensare spesso a suicidarsi.. É una forma di depressione questa? Dovrei farmi curare?
Buonasera Federica, ho letto con attenzione e partecipazione la tua lettera e la prima cosa che mi viene da dirti è questa: non attaccarti etichette di "malata" e "depressa", non ti serve, ma soprattutto così ti fai del male. Sicuramente stai attraversando una fase difficile della tua vita e questo accade a ogni essere umano prima o poi. Sicuramente hai una difficoltà a gestire e a controllare ciò che pensi, senti e fai (o dici) quando ti senti arrabbiata, triste o spaventata. E questo succede quando molte cose non vanno bene nella nostra vita e ci sentiamo insoddisfatti. La mia esperienza umana e professionale mi insegna che possiamo cominciare a dare un senso diverso a ciò che ci accade scoprendo noi stessi e le nostre risorse. Quindi ti invito a prendere questo momento difficile per imparare qualcosa di te, per capire cosa ti accade, perché solo in questo modo puoi uscire dal tuo malessere. Non ti aiuta stare ferma ad osservare e a piangere per ciò che non va. Ma può aiutarti vedere cosa vuoi cambiare di te e della tua vita per far sì che tu stia bene. Credo che il malessere, sia fisico che psicologico, arrivi nella nostra vita per risvegliare le nostre potenzialità e la nostra naturale spinta verso la salute e il benessere. Sfrutta questo momento per prenderti cura di te. Sono sicura che non ti toglierai la vita: se avessi voluto farlo lo avresti già fatto. E poi ricorda che il pensare al suicidio e il "fare" un suicidio sono due cose profondamente diverse. Con la nostra mente possiamo pensare anche cose che non faremmo mai e poi mai nella nostra vita. Ti auguro di scoprire in te i motivi importanti per volere la tua felicità. Un caro saluto,
domande e risposte

Dott.ssaMarina Belleggia

psicologo, psicoterapeuta, analista transazionale - Roma

  • Cura degli attacchi di panico
  • Depressione
  • Training autogeno
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Specializzazione in Analisi Transazionale e Terapie Olistiche
  • Terapia individuale e di coppia
  • Disturbi d'ansia
  • Elaborazione del lutto
  • Approccio Analitico Transazionale Integrato
  • Problematiche ciclo di vita della donna
  • Stress e Insonnia
  • Tecniche di rilassamento e immaginative
  • Miglioramento autostima e rapporto con il corpo
  • Formazione sulla comunicazione, l'ascolto e la relazione
  • Dipendenza affettiva
  • Supporto Psicologico Online
  • Comunicazione assertiva
  • Disturbi del sonno
  • Disturbi psicosomatici
  • Assistenza nella gestione di traumi e rancori post separazione
  • Sostegno alla genitorialita'
CONTATTAMI