Mio figlio di anni 13 ruba spesso piccoli oggetti ai suo compagni di classe

Mio figlio di anni 13 ruba spesso piccoli oggetti ai suo compagni di classe (matite, gomme, penne ecc...) e a volte con la scusa di prestarsi astucci colori ed altro tende a non volerlo restituire, è un atteggiamento che ha già dalla scuola elementare. Nonostante gli abbiamo fatto sentire il ns. fiato sul collo riesce comunque ad imbrogliarci. Ultimamente è stato ben osservato dai suoi compagni di classe tanto che è stato incastrato e per paura di andare a finire dal preside ha marinato la scuola, ma fortunatamente gli insegnanti prontamente ci hanno avvisato. Quando viene rimproverato sta male ma sembra che ha una mente diabolica tanto da ricominciare sviluppando altre furbizie. Io ero propensa a rivolgermi a qualche specialista che ci aiutasse a capire i suoi comportamenti, mio marito ha paura dell'intervento dello psicologo perchè pensa che andremo a peggiorare il suo comportamento. Ditemi almeno che tipo di disturbo o di disagio può affliggere mio figlio. E' sempre stato un ragazzetto che non sopporta le regole nè a casa nè a scuola ed ha anche un caratterino particolare ed è molto bugiardo e fa sempre tutto di nascosto. Ho bisogno di aiuto!!!!! grazie
Cara Silvia da Chieti, l'età preadolescenziale che sta attraversando suo figlio è di per sè veramente delicata ed è fondamentale affrontare eventuali disagi e sintomi che se non adeguatamente elaborati potrebbero strutturarsi nell'età successive diventando sempre più problematiche e rendendo l'intervento ancora più difficile. Tra l'altro lei afferma che già dalle elementari suo figlio ha iniziato a rubare a scuola. I sintomi che lei descrive e che sarebbe scorretto definire in una diagnosi per lettera senza esaminare il minore direttamente (pur avendo come clinico delle idee in proposito) non vanno assolutamente sottovalutati perchè attraverso quei comportamenti sicuramente, e questo forse è possibile dirlo, suo figlio sta cercando di comunicarvi qualcosa non riuscendo probabilmente ad esprimere a parole il suo disagio. E' quindi fondamentale che i genitori e la scuola accolgano queste espressioni di disagio, che ascoltino il minore e che gli offrino tutto ciò che è necessario per affrontare quel disagio. Ne consegue che mi sembra fondamentale contattare una struttura o uno specialista che possa aiutare suo figlio ad esprimere e successivamente ad elaborare il suo disagio. Non bisogna cadere in allarmismi esagerati ma neanche in atteggiamenti di superficialità e sottovalutazione, quindi cerchi di capire in che consiste la paura di suo marito, cerchi di aiutarlo a superarla magari parlando voi per primi con un collega che possa aiutarvi, come coppia genitoriale, a gestire nella maniera più appropriata la relazione con vostro figlio. Per qualsiasi ulteriore chiarimento e indicazione sono a Vostra disposizione.
domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web