logo
Dott.ssa Paola Scalco

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo

Dott.ssa Paola Scalco

Dott.ssa Paola Scalco

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo

  • Asti
  • Castell'Alfero

Problema erezione

Buongiorno a tutti,
Premetto che non pensavo mai di ritrovarmi a scrivere di un mio problema che mi affligge mentalmente in alcune giornate e momenti sia quando sono da solo e sia quando sono con la mia ragazza.
Racconto la mia storia con annesso problema di erezione.
Con la mia ragazza siamo fidanzati da circa 7 mesi, premetto la mia prima storia seria dove ho provato e provo delle sensazioni uniche sia a livello mentale che fisico.
Dopo 3 mesi dal fidanzamento l'abbiano fatto per la prima volta,
All'inizio avevamo provato a farlo ma non con grandi risultati, appena mettevo il preservativo l'erezione veniva a mancare, ma li premetto che il preservativo era stretto e quindi mi faceva male e di conseguenza l'erezione veniva a mancare per il dolore.
Premetto che nella mia vita l'ho fatto pochissime volte con pochissime ragazze, e anche li alcune volte andava bene e altre no...
Ritornando al mio problema, dopo la prima volta abbiamo provato a farlo altre volte dove alcune volte andava bene e altre no.
Da luglio a settembre tutte le volte in cui l'abbiamo fatto è andata sempre bene, anzi benissimo direi
Ora da una settimana che durante u preliminari sono super eccitato e quando arriva il momento della penetrazione l'erezione muore.
Premetto che ci sono stati tanti litigi nelle ultime settimane, e per di più le ultime due volte che ci abbiamo provato a farlo veniva a mancare l'erezione durante la penetrazione perché mi veniva da pensare a quelle volte in cui è andata male e quindi la mia testa dava per scontato che doveva andare male anche questa volta, così anche ieri sera.
Io sono convinto sia questo e non altro il motivo della mancata erezione prima della penetrazione.
Lei però pensa che sia il fatto che non sono attratto fisicamente da lei.
Ma ora mi chiedo, se sia andata bene da luglio a settembre, perché ora non dovrebbe più andare?
Sarà che non ho tantissima esperienza sessuale o perché è la prima volta che provo delle sensazioni uniche.
Grazie mille per la comprensione

Gentilissimo,

anche se dal suo racconto parrebbe che gli aspetti relazionali e l'ansia anticipatoria giochino un ruolo importante nella genesi del disturbo che lamenta, se non ne ha ancora effettuata una, le suggerisco di partire da una visita andrologica, meglio ancora se il medico a cui si rivolgerà ha una specifica formazione in sessuologia: oltre a verificare che non ci siano problemi fisici, sarà quella l'occasione per ricevere informazioni e risolvere eventuali dubbi che possono aiutarla a colmare l'inesperienza che confessa.

Parallelamente, però, sarebbe utile rivolgersi ad uno psicologo psicoterapeuta e sessuologo clinico che la affianchi nel processo di consapevolizzazione dei pensieri disfunzionali che la portano di volta in volta ad una esperienza sessuale sempre più insoddisfacente sia per lei, sia per la sua compagna. Rischiando, tra l'altro, di compromettere la relazione. Sarà il/la collega a considerare l'opportunità di coinvolgere o meno fin da subito la sua compagna in questo percorso: il problema non è solo suo, ma è della coppia ed è la coppia nel suo insieme che dovrebbe farsene carico.

Cordialità.

domande e risposte

Dott.ssaPaola Scalco

psicologo, psicoterapeuta, sessuologo - Asti

  • Disturbi sessuali
  • Psicoterapia ad indirizzo cognitivo comportamentale
  • Docenze e formazioni in materie psicologiche
  • Consulenza e psicoterapia individuale e di coppia
  • Terapia per Disturbi d'Ansia
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Trattamento per attacchi di panico
  • Sostegno e consulenza in PMA
  • Vaginismo
  • Eiaculazione precoce
  • Ansia da prestazione e disfunzione erettile
  • Identit√† e orientamento di genere e sessuale
CONTATTAMI