cosa fare con figlia che si sente maschio

Buon giorno. Sono la mamma di un* ragazz* che ha 14 anni e da circa un anno si veste in modo da nascondere il poco seno che ha e si vergogna del suo corpo femminile. Ha fatto Coming out qualche mese fa dicendo che si sente maschio e che il suo corpo la mette a disagio. Cosa possiamo fare noi genitori? Sa che la amiamo sempre e comunque e stiamo già andando da una psicologa per l'ansia e le paure che la bloccano. Abitiamo in una piccola cittadina, non ci sono centri di ascolto per disforia di genere, Sono molto preoccupata. Grazie

Buongiorno Marinella,

comprendo la preoccupazione da genitore, non è una cosa facile per nessuno. La società di oggi sebbene più aperta rispetto al passato, non è ancora in grado di accogliere la diversità, soprattutto se ci troviamo in una piccola cittadina.

Siete tutti di fronte a una grande prova. I prossimi anni saranno un banco di prova per vostra figlia, nel trovare se stessa e autoaffermarsi. É un grande passo che deve fare lei, da sola. La prova per poi genitori consiste proprio nel fare un passo indietro, lasciarla fare, dandole fiducia.

Come genitori quindi non c'è molto da fare se non ascoltarla e sostenerla nelle sue scelte, così come potete. Cercando di non farle sentire il giudizio, il peso di una vostra aspettativa o farla sentire sbagliata.

In merito a questa preoccupazione genitoriale, se eccessiva può essere un ostacolo per vostra figlia, nel seguire se stessa. Proviamo ad ascoltare questa preoccupazione, capire cosa ci vuole dire. Se sentiamo che diventa ingestibile allora può avere senso darle uno spazio di ascolto. Intraprendere un percorso di sostegno psicologico può aiutarla a modulare questa preoccupazione in modo che non ricadi su vostra figlia.

Le sono vicina 

Buon proseguimento 

domande e risposte articoli pubblicati

Dott.ssaSara Appoloni

psicologo, psicoterapeuta, mediatrice familiare. - Ancona - Pesaro e Urbino

  • Valutazione e consulenza psicodiagnostica
  • Attacchi di Panico
  • Consulenza e Psicoterapia individuale, di coppia e familiare, Mediazione familiare
  • Comunicazione assertiva
  • Psicoterapia ad indirizzo cognitivo comportamentale
  • Disagi esistenziali, blocchi evolutivi, superamento eventi stressanti/traumatici
  • Ossessioni e compulsioni
  • Dipendenze (affettive, sesso, cibo, gioco d'azzardo, ecc.)
  • Disturbi del comportamento alimentare
  • Depressione
  • Mindfulness
  • Elaborazione del "lutto" e separazione
  • Disturbi d'Ansia e dell'Umore
  • Disturbi di personalita'
  • Disturbi psicosomatici
  • Problemi relazionali, interpersonali e di coppia
CONTATTAMI