Sin da piccola ho sempre avuto una gran paura della morte

Salve, sono una ragazza di 23 anni e ho un problema che mi ha davvero cambiato la vita e che mi sta divorando.Sento il forte bisogno di parlare con esperti che possano capire cosa ho, che possano darmi consigli e soprattutto sento il forte bisogno di fare ordine nella mia mente, di tirar fuori i mille pensieri che la affollano ogni giorno in maniera ossessiva quasi (per questo mi scuso in anticipo se la domanda sarà lunga ma non voglio tralasciare nulla). Comincio col dire che sin da piccola ho sempre avuto una gran paura della morte: ad ogni febbre chiedevo a mia madre se fosse così grave da farmi morire oppure ricordo che una volta andai al cimitero con mio padre e la sera non riuscivo a dormire perchè a letto immaginavo a quando sarei morta e avevo una gran paura perchè non mi sembrava possibile che tutto sarebbe finito anche per me un giorno (probabilmente erano le prime volte che mi interrogavo sulla morte ed avevo 7 o 8 anni credo). Quindi questa forte paura della morte ricordo di averla sempre avuta tanto che mi sono rimasti impressi dei pensieri che facevo quando provavo brutte sensazioni, quando mi sentivo angosciata, del tipo “mi sento morire“ (ed ero una bambina, quindi, ripensandoci adesso, da adulta, proprio non mi spiego da dove siano nate certe cose). Anche se spesso metto in dubbio questo ricordo e mi chiedo se magari non sia stata la mia mente a modificalo in base al malessere che provo adesso e che mi porta sempre ad analizzarmi, andando inevitabilmente a cercare cause passate. Quindi credo sia chiaro che ho davvero poca fiducia in me stessa, non mi fido di me, non mi stimo, odio avere questi problemi, odio il mio aspetto e odio non poter essere una normale ragazza di 23 anni, spensierata e serena. Non ho avuto grossi traumi nella vita che possano essere cause di questa fortissima ansia e angoscia che da due anni a questa parte mi rende la vita difficile e triste. Tuttavia ho sempre avuto un rapporto molto conflittuale con mio padre. E' sempre stato molto severo e duro (spesso mi ha picchiata perchè a differenza di mia madre e mio fratello io mi ribello, non piegandomi a lui) mi ha sempre impedito di fare quel che volevo dandomi fin troppi limiti e facendomi soffrire troppo spesso ma adesso, da adulta, le cose son peggiorate. Ci scontriamo continuamente a causa della sua presunzione e della sua aggressività. Crede di sapere quale sia il meglio per tutti, vuole controllare la vita degli altri ed è impossibile affrontare un discorso con lui perchè non lascia spazio a pensieri diversi dai suoi. L'ultimo litigio, il più pesante di tutti, è stato proprio una settimana fa: abbiamo litigato perchè il mio fidanzato purtroppo non riesce a trovare lavoro e mio padre pretende che i genitori di lui gli trovino lavoro e gli comprino una macchina altrimenti non ci darà mai la sua 'benedizione'. Di fatti sto malissimo per come tratta il mio fidanzato, lo ignora, non lo invita mai a casa, è come un fantasma per lui e sono fidanzata da 3 anni quindi non si può dire che sia poco tempo. Durante questo litigio comunque, mio padre si è arrabbiato perchè prendevo le difese del mio ragazzo ed è arrivato al punto di dire che io mi faccio mantenere. Per me quello è stato il colpo di grazia: sentirmi dire da mio padre che mi faccio mantenere. Ho pianto per due giorni e da allora non ci parliamo. Poi c'è mia madre. Non ho mai ricevuto un abbraccio da lei, non è una persona che sa esternare i propri sentimenti perchè i suoi genitori non l'hanno mai fatto con lei ed è la tipica donna sottomessa al marito per questo mi batto tanto per lei quando discuto con mio padre e provo tanta tenerezza per lei perchè è una donna che ha sempre lavorato in casa e non si è mai divertita, preoccupandosi sempre degli altri e mai di lei. Inoltre 5 anni fa si è ammalata di tumore al colon e questa cosa credo di non averla mai affrontata, quando ci penso è come se mi rendessi conto che l'ho vissuta ma senza affrontarla davvero e forse anche da questo dipende la mia ipocondria sproporzionata. Infine c'è mio fratello di 17 anni. Lui è coccolato da mia madre, è più tranquillo e quando discute con mio padre, nonostante la pensi diversamente, riesce a star zitto ed evitare i litigi. Poi c'è il mio fidanzato, il mio punto di riferimento, l'unico che mi capisce davvero, che mi apprezza con tutti i miei problemi e i miei difetti e mi sta vicino in questo momento difficile. Ho provato tante volte a parlare del mio problema con i miei genitori ma non ho mai ricevuto aiuto. Mio padre non capisce che un problema psicologico è un PROBLEMA di salute come qualsiasi altro e difatti mi sono dovuta pagare da delle sedute di psicoterapia con dei risparmi che avevo, fino a terminarli tutti, quindi ho dovuto smettere e non so a chi rivolgermi e come fare. Tutto è cominciato il 26 dicembre del 2013, ero in auto con il mio ragazzo e i suoi genitori e mentre eravamo in autostrada ho cominciato a sentirmi strana. Ero agitata non facevo che pensare a come avrei fatto se mi fossi sentita male visto che non c'era un ospedale vicino (cosa che ricordo di aver pensato spesso anche negli anni addietro quando viaggiavo in macchina). Ebbi un attacco di panico veramente forte, con tachicardia, sudore freddo e mi tremava tutto il corpo senza che riuscissi a controllarlo. La cosa si è ripetuta poi il 14 febbraio, ero sempre in macchina e ricordo che quella sera mi spaventava l'idea di uscire perchè avevo paura di sentirmi male, e così fu. Ebbi un altro attacco di panico molto forte e quindi mi recai al pronto soccorso con il mio fidanzato. L'attacco di panico fu accompagnato da una forte derealizzazione, dalla sensazione di sentirmi completamente staccata dal mondo circostante e da una fortissima paura di perdere il controllo e impazzire. Avendo poi imparato cosa sia la derealizzazione mi sono accorta che è una cosa che ho provato spesso anche negli anni prima che cominciassero gli attacchi di panico. Mi succedeva stando in treno o camminando per strada: mi arrivavano improvvisamente questi momemnti in cui mi sentivo completamente distaccata dalla realtà, come se non avessi un nesso nè con il passato nè con il presente, una sensazione davvero difficile da spiegare. Dopo quel 14 febbraio del 2014, la mia paura di star male per altri attacchi divenne così forte che per alcune settimane rimasi chiusa in casa, non riuscivo più a uscire nè in macchina nè a piedi, mangiavo poco e la preoccupazione mi divorava. Poi pian piano, con l'aiuto del mio ragazzo e di tanta forza di volontà ho ricominciato. Purtroppo però questa paura di star male è diventata come un'ossessione, una paura fissa che mi accompagna in ogni momento. Quando devo uscire in macchina ho sempre paura di poter star male o anche quando prendo l'autobus, non prendo il treno da quasi due anni nè riesco a viaggiare con l'aereo o viaggi lunghi in auto. Questa estate andrò in vacanza in una località che dista un'ora da qui e il viaggio in macchina mi spaventa molto, così come la permanenza lì per una settimana. Ho il terrore di star male lontano da casa. L'anno scorso ho infatti evitato la vacanza ma ora so che devo affrontarla altrimenti peggiorerò la situazione. Anche quando esco ho paura di star male ma poi mi accorgo che anche se il malessere è presente, riesco comunque a vivere e infatti è così che ho smesso di avere gli attacchi di panico anche se il malessere ancora c'è e non riesco a farlo passare. Riesco a distrarmi, a vivere comunque la mia vita, ma c'è un angoscia e una paura di morire, di star male e di peggiorare che non mi permette di vivere serenamente, non mi permette di gioire e godere dei momenti belli. Certo riesco a sorridere e a divertirmi ma è come se non riuscissi a provare felicità al 100% perchè la paura di stare male, di peggiorare è troppo grande.Ho paura di morire o di soffrire per tutta la mia vita. Mi chiedo come abbia fatto a ridurmi così... Ho fatto due viaggi, nel 2010 e nel 2012, sono stata a Barcellona e a Londra. Ricordo che in aereo provai la derealizzazione anche se all'epoca non soffrivo di attacchi di panico, ansia o angoscia ma nonostante questo non stetti male. Ero piena di vita, non avevo paura di nulla, mi sono goduta ogni secondo e desidero con tutte le mie forze tornare ad essere così. E' la cosa che desidero di più. A volte poi mi spavento perchè la cosa che avevo sempre desiderato sin da piccola era trovare l'amore però adesso nonostante l'abbia trovato non sono felice, forse proprio perchè mi manca la serenità interna ed è come se non riuscissi a dare un senso alla mia vita e alle cose che ho. Purtroppo più cerco di interrogarmi sul mio malessere e più mi sento confusa e mi sembra che le risposte mi sfuggano dalle mani. Sento che ho troppo pensieri e penso che questo post ne sia la conferma: non riesco a gestire i pensieri, sono tanti, sento disordine nella mia mente e forse è per questo che ho bisogno di schematizzare tutto. Spesso ad esempio se sono in macchina e ho l'angoscia, (o comunque non sto completamente bene) e guardo fuori dal finestrino, se vedo un palazzo che a sua volta mi angoscia mi ci immagino dentro, mi immagino angosciata in quel palazzo o in quella casa che mi mette angoscia alla vista. Mi sembra una cosa troppo strana da spiegare perfino a degli psicologi, è come se avessi dei flash di me che faccio delle cose normali ma che mi mettono angoscia, come se fossero ricordi che mi vengono alla mente ma in realtà sono semplicemente pensieri che nascono da qualcosa che vedo. Forse la mia mente è troppo attiva? O forse sono davvero pazza? A volte quando mi arrivano gli attacchi d'ansia ho questa paura immensa di impazzire da un momento all'altro, tanto che ho paura che potrei arrivare a chiedere di portarmi in una clinica psichiatrica oppure che possa arrivare al suicidio un giorno, anche se ovviamente so che, lucidamente,non sarei mai capace di fare una cosa simile perchè quello che voglio è avere una vita serena e felice ma purtroppo la razionalità in quei momenti non mi aiuta. Non so più gestirmi. Purtroppo quando ho fato psicoterapia (per soli due mesi) non ho avuto grande aiuto. Mi ero rivolta prima all'asl ma lì ebbi davvero una brutta esperienza perchè vedere tutte quelle persone con i loro problemi mi faceva stare troppo male, avevo paura di diventare come loro forse e la dottoressa non mi dava le spiegazioni che volevo, mi aggrediva quasi e mi diceva solo di prendere farmaci. Dalla psicologa privata poi nemmeno riuscivo ad ottenere i mezzi per affrontare il mio problema, mi diceva solo di trovare un lavoro e si faceva raccontare i miei sogni. Mi disse anche di scrivere un diario ed elencare tutti i miei pensieri e glielo consegnai ma non lo lesse mai. Non voglio avere la presunzione di dire ad un esperta come deve fare il suo lavoro però non ho ricevuto mai risposte ai miei dubbi, mai che mi fosse spiegato come affrontare paure e pensieri brutti, semplicemente mi veniva detto di lavorare e distrarmi. Ma se sto male come faccio a distrarmi? Tempo fa scrissi anche su un altro sito di psicologi e tutti mi dicevano che mi servono farmaci ma io non voglio prenderli, non voglio prendere un farmaco che va a coprire il problema oppure che mi cambi, mi renda confusa. Io voglio avere il controllo di me stessa e vorrei avere dei mezzi, sapere come fare per affrontare tutto ciò.E poi assumere dei farmaci mi spaventa molto, ho una paura enorme di effetti collaterali che possano portare a morte (infatti ho rifiutato di prendere la pillola per uno squilibrio ormonale perchè ho paura, riesco a prendere solo farmaci che ho già preso in passato). Ci sono momenti nella giornata in cui questa angoscia diventa così forte che mi spegne, mi fa aver paura di morire, mi fa sentire senza speranze, condannata all'infelicità, strana, non padrona di me stessa e ho notato che è maggiore di sera e a volte anche appena mi alzo. Gli attacchi di panico non li ho più perchè ho imparato a controllarmi di più, conosco bene le sensazioni anche se non le capisco quindi non mi lascio spaventare come prima ma gli attacchi di ansia spesso ritornano proprio perchè ho troppi pensieri e paure. Tante volte mi sento fiera di me per aver combattuto gli attacchi di panico altre invece mi sento una stupida perchè forse ho solo imparato a distrarmi (ma mai del tutto) e ad ignorare il problema. Purtroppo però non avendo soldi nè una famiglia che mi appoggia non so a chi chiedere aiuto. Non so se sono depressa, se ho solo un problema d'ansia, non so se corro davvero il rischio di impazzire, se ne uscirò mai... so solo che desidero la felicità con tutte le mie forze. Desidero poter riprendere l'aereo un giorno e affrontare un viaggio senza paure, desidero vivere con spensieratezza e crearmi una famiglia senza aver paura continuamente di impazzire o di star male e di morire. Desidero godermi la vita. Forse non mi accetto per quella che sono e non accetto l'idea della morte, forse è da questo che nasce tutto? Mi scuso davvero tanto se sono stata prolissa ma avevo il bisogno di fermare da qualche parte ogni mio pensiero per creare ordine.

Gentile ragazza,

il suo bisogno di raccontarsi, di scaricare un pò di pesi parlando con un esperto è chiaro e comprensibile.

Tuttavia, comprenderà che non è possibile offrirle un grosso aiuto attraverso questo canale. Il suggerimento che posso darle è di parlarne di nuovo con i suoi genitori, comunicando apertamente e con tranquillità la sua esigenza di iniziare una psicoterapia e la necessità di essere aiutata e supportata anche da loro per questo...

In ogni caso, non dimentichi che può fare richiesta di psicoterapia anche presso la sua ASL di appartenenza.

Resto a disposizione

domande e risposte articoli pubblicati
AREA PROMO

Dott.ssaMonica Mazzini

Psicologa, Psicoterapeuta - Brescia

  • Supporto Psicologico Online
  • Disturbi d'ansia
  • Depressione
  • Attacchi di Panico
  • Disturbi dell'autostima
  • Sostegno genitoriale relativamente all' educazione e al rapporto con i figli
  • Consulenza e sostegno psicologico
  • Affettivita', difficoltà relazionali e familiari
  • Sostegno per traumi psicologici
  • Sostegno alla separazione, e all'elaborazione del "lutto" del distacco
  • Problematiche adolescenziali e sostegno a familiari di adolescenti
  • Problemi di coppia
visita sito web